Nule

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il comune spagnolo, vedi Nules.
Nule
comune
Nule – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Sassari-Stemma.svg Sassari
Amministrazione
SindacoAntonio Giuseppe Mellino (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate40°27′42″N 9°11′21″E / 40.461667°N 9.189167°E40.461667; 9.189167 (Nule)Coordinate: 40°27′42″N 9°11′21″E / 40.461667°N 9.189167°E40.461667; 9.189167 (Nule)
Altitudine650 m s.l.m.
Superficie51,95 km²
Abitanti1 399[1] (30-11-2014)
Densità26,93 ab./km²
Comuni confinantiBenetutti, Bitti (NU), Orune (NU), Osidda (NU), Pattada
Altre informazioni
Cod. postale07010
Prefisso079
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT090045
Cod. catastaleF976
TargaSS
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantinulesi
PatronoSanta Maria Bambina
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nule
Nule
Nule – Mappa
Posizione del comune di Nule
nella provincia di Sassari
Sito istituzionale

Nule (Nùle, Nùe in sardo)[senza fonte] è un comune italiano di 1.384 abitanti della provincia di Sassari, nella regione storica del Goceano. È ubicato sull'estrema propaggine dell'altipiano di Buddusò a circa 700 metri sul livello del mare.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Le chiese presenti nell'abitato di Nule sono sei:

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Tradizioni e folklore[modifica | modifica wikitesto]

Sagra di Sant'Antonio da Padova[modifica | modifica wikitesto]

La sagra di Sant'Antonio da Padova o festa de Sant'Antoni paduanu si celebra da 158 anni[indicare l'anno di origine] a Nule, e consiste nella tradizione di donare “su casu furriadu chin bussiottu” (triangolino di pane con formaggio) per la festa di Sant’Antonio. Dal 30 maggio fino al 13 giugno, giorno della festa di Sant’Antonio, si tramanda la tradizione dell’antico rito: i tanti volontari, amici e le donne del paese lavorano per alcuni giorni il pane, che viene cotto al forno, infine viene distribuito col formaggio e la carne donati dai pastori. “S’Impinnu (l'impegno o ll voto)” riguarda i primi tredici giorni di giugno dedicati alla preparazione della festa di Sant’Antonio e alla distribuzione del pane e formaggio.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Costume tradizionale di Nule

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

È famoso per i suoi tappeti artigianali in lana sarda, tessuti sul telaio verticale dalle mani delle artigiane del luogo. È sede di un importante museo di esposizione dell'artigianato locale.[3][4][5][6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 16 aprile 2000 Luigi Giuseppe Crabolu lista civica Sindaco [7]
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Luigi Giuseppe Crabolu Annino "Unione Democratica" Sindaco [8]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Angelo Crabolu "Unione Democratica" Sindaco [9]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Guido Sisinnio Leori lista civica "Nule si Rinnova" Sindaco [10]
31 maggio 2015 - Antonio Giuseppe Mellino lista civica "Paris Pro Nule" Sindaco [11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2014.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 3, Roma, A.C.I., 1985, p. 20.
  4. ^ Comune di Nule, su comune.nule.ss.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  5. ^ Nule ed i suoi meravigliosi tappeti, su sardegnavacanzeblog.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  6. ^ Tappeti Nule, su web.tiscali.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  7. ^ Comunali 23/04/1995, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  8. ^ Comunali 16/04/2000, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  9. ^ Comunali 08/05/2005, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  10. ^ Comunali 30/05/2010, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  11. ^ Comunali 31/05/2015, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN131511113
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna