Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bortigiadas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bortigiadas
comune
(IT) Bortigiadas
(SDN) Bultiggjata
Bortigiadas – Stemma Bortigiadas – Bandiera
Bortigiadas – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Sassari-Stemma.svg Sassari
Amministrazione
Sindaco Emiliano Deiana (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate 40°53′30″N 9°02′34″E / 40.891667°N 9.042778°E40.891667; 9.042778Coordinate: 40°53′30″N 9°02′34″E / 40.891667°N 9.042778°E40.891667; 9.042778
Altitudine 476 m s.l.m.
Superficie 75,9 km²
Abitanti 767[1] (31-08-2016)
Densità 10,11 ab./km²
Frazioni Tisiennari, Scalaruja, Nibareddu, Littigheddi,Lu falzu, Figaruia, Li paulis, Giovanni moro.
Comuni confinanti Aggius, Perfugas, Santa Maria Coghinas, Tempio Pausania, Viddalba
Altre informazioni
Cod. postale 07030
Prefisso 079
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 090014
Cod. catastale B063
Targa SS
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti bortigiadesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bortigiadas
Bortigiadas
Bortigiadas – Mappa
Posizione del comune di Bortigiadas nella provincia di Sassari
Sito istituzionale

Bortigiadas (Bultigghjata in gallurese /bulti'ɟːata/, Bortigiadas in sardo) è un comune di 767 abitanti[1] della provincia di Sassari, situato nella subregione storica della Gallura.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime tracce documentate sul centro abitato risalgono al XIV secolo col nome di "Orticlada" e apparteneva alla diocesi di Civita (oggi Olbia). Altri documenti citano il toponimo come "Gortiglaca" (documento custoditi presso l'archivio della Corona d'Aragona a Barcellona) o "Bortiglassa". Vi transitava probabilmente l'antica strada romana che collegava Olbia a Tibula (presso Castelsardo) passando per Tempio.

In epoca medievale appartenne al giudicato di Gallura e fece parte della curatoria di Gemini. Alla caduta del giudicato (1296) passa sotto il dominio pisano, e dal 1326 sotto il dominio aragonese, presso il quale divenne un feudo assegnato ai marchesi Fadriguez Fernandez, ai quali rimase fino al 1839, quando fu loro riscattato con l'abolizione del sistema feudale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]


Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Bortigiadas si parla esclusivamente il gallurese ma storicamente e fino alla metà del Novecento veniva prevalentemente utilizzato il sardo nella variante logudorese, di cui costituiva una penisola linguistica nella regione storica della Gallura.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Bortigiadas vive prevalentemente di agricoltura e turismo. Ricade nella zona di produzione dei vini previsti nel disciplinare Vermentino di Gallura DOCG. Vi si trova anche il Museo mineralogico contenente numerosi pezzi di grande pregio. Nei dintorni sorge il nuraghe Su Nuracu; di notevole bellezza la vetta di punta Salizi con la sua abbondante vegetazione.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Convoglio del Trenino Verde nella stazione di Bortigiadas, posta a ridosso di una galleria elicoidale

Nel comune sono presenti due stazioni ferroviarie, Bortigiadas e Scala Ruia, lungo la ferrovia Sassari-Tempio-Palau, linea utilizzata in questo tratto sino al 1997 per i servizi di trasporto pubblico e successivamente per esclusivi impieghi turistici legati al Trenino Verde. Il percorso della ferrovia nel territorio comunale si caratterizza inoltre per la presenza di una delle due gallerie elicoidali presenti nella rete ferroviaria sarda.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 16 aprile 2000 Luciano Dessena lista civica Sindaco [3]
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Luciano Dessena lista civica Sindaco [4]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Emiliano Deiana lista civica Sindaco [5]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Emiliano Deiana lista civica "Insieme per Bortigiadas" Sindaco [6]
31 maggio 2015 - Emiliano Deiana lista civica "Insieme per Bortigiadas" Sindaco [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2016.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Comunali 23/04/1995, Ministero dell'Interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  4. ^ Comunali 16/04/2000, Ministero dell'Interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  5. ^ Comunali 08/05/2005, Ministero dell'Interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  6. ^ Comunali 30/05/2010, Ministero dell'Interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  7. ^ Comunali 31/05/2015, Ministero dell'Interno. URL consultato il 16 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna