Foot Ball Club Calangianus 1905

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F.B.C. Calangianus 1905
Calcio Football pictogram.svg
Stemmacalangianus.png
Giallorossi, Caragnà
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Giallo e Rosso3.png giallo-rosso
Dati societari
Città Calangianus
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza Sardegna
Fondazione 1905
Presidente non conosciuta Francesco Corongiu
non conosciuta Antonio Piga
Allenatore non conosciuta Alessandro Sassu
Stadio Signora Chiara
(2 500 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club Calangianus 1905 è una società calcistica italiana con sede a Calangianus in provincia di Sassari, che può vantare quasi 40 partecipazioni alla Serie D comprese tra il 1955 ed il 2009 (il miglior risultato è un secondo posto),ed è per questo la squadra sarda migliore per presenze in Serie D[1]. Milita nell'Eccellenza Sardegna. Nata nel 1905, è tra le società calcistiche più antiche in Sardegna e in Italia. Il Calangianus è l'unica tra le più antiche società (Torres,Ilvamaddalena) a non aver subito mai un fallimento: con la matricola 8470 attribuita nel 1905 e mai cambiata,può essere considerata la società più antica e longeva dell'isola,nonché una delle principali nell'isola per titoli.[2] [3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi incontri di calcio nell'isola di cui si ha notizia si svolsero nella cittadina della Gallura alla fine del XIX secolo tra tecnici e operai britannici a lavoro per una linea ferroviaria. Dopo l'A.S.D. Ilvamaddalena e la Torres (1903), nel 1905 venne fondata la Società Sportiva Audax Calangianus. Del periodo di tempo compreso fra la data di fondazione e il 1945 si hanno poche notizie. L'attività della società conobbe pause a cavallo fra le due guerre, a causa dell'interruzione dei campionati.

Vecchia foto che immortala la vittoria del primo titolo regionale da parte del Calangianus. Stagione 1954-55.

Il calcio a Calangianus riemerse nel dopoguerra. Il 9 febbraio 1947 l'Audax batté per 5-2 il Cagliari in una gara valida per il Campionato Sardo 1946-1947. In corrispondenza alla militanza della squadra in Prima Divisione - allora il principale campionato su base regionale - il tifo ebbe un incentivo e iniziarono a nascere i primi movimenti di tifoseria organizzata.

Nel 1949, durante una partita contro l'Italpiombo di San Gavino, valida per il campionato di Prima Divisione 1948-1949, il pubblico calangianese si rese reo di un pestaggio ai danni del direttore di gara. L'Audax fu radiata dai ruoli federali,così come il vecchio stadio.[4]L'anno successivo fu iscritta al campionato di Prima Divisione una società denominata Unione Sportiva Calangianus - divenuta in seguito Football Club Calangianus - che proseguì la tradizione sportiva dell'antesignana Audax.

Nel 1955 la squadra, guidata dal tecnico Di Francesco, vinse il campionato di promozione regionale, accedendo al campionato interregionale di IV Serie. La militanza nel quarto campionato nazionale durò un anno.

Particolare del post-partita di Calangianus 4-1 Tortolì. Stagione 2015-16

Nel 1959, in seguito alla vittoria nel proprio girone del Campionato Dilettanti, il Calangianus conquistò il diritto di partecipare alla disputa per l'assegnazione dello Scudetto dilettanti. Nei sedicesimi di finale i galluresi incontrarono i toscani dei G.S. Mobilieri Cascina. All'andata, disputatasi a Cascina, la partita terminò 6-0 per i padroni di casa. Nel ritorno il sardi si imposero 2-1. Il G.S. Mobilieri Cascina superò il turno e in seguito si aggiudicò il titolo nazionale.

Al termine del campionato di Serie D 1971-1972, il Calangianus si classificò sedicesimo e retrocedette in Promozione a causa della differenza reti sfavorevole in confronto a quella del Sora che vi riuscì a permanere. Dopo alcune stagioni nel massimo campionato a livello regionale, nella stagione 1975-1976 il Calangianus allenato da Paolo Degortes ritornarono nella quarta serie nazionale grazie alla vittoria per 1-0 contro il Sant'Antioco.

Dopo diverse partecipazioni al campionato di Serie D e ai suoi antesignani, il Calangianus sfiorò la prima promozione in Serie C2 della sua storia nel campionato 1995-1996, giungendo secondo in classifica dietro alla Vogherese.

In seguito alla stagione 2002-2003,conclusa con un settimo posto,l'allora presidente Roberto Goveani diede le dimissioni a maggio,appena il campionato si concluse,e mise in vendita la società. Dopo un mese di lavoro il Calangianus sarà preso in gestione da imprenditori calangianesi,che tuttavia lasceranno la dirigenza a novembre 2006[5].

Nella stagione 2003-2004 il Calangianus,arrivato 15° nel girone B della Serie D,giocherà e perderà 3-1 i play-out sul campo del Rodengo Saiano. In seguito a vari ricorsi,il Calangianus sarà ripescato nel girone H della Serie D nazionale nella stagione 2004-2005,concludendo con un 9° posto.[6]

Successivamente sono da annoverare altre partecipazioni al campionato di Serie D, fino al ritorno nel campionato regionale di Eccellenza in seguito alla retrocessione del 2008-2009. Attualmente milita in Eccellenza,reduce di due salvezze ai play-out nelle stagioni 2013-14 e 2014-15. La stagione 2015-16 si è conclusa con un settimo

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Foot Ball Club Calangianus 1905
  • 1905 Fondazione della società
  • 1906-1914 - Attività amichevole e tornei di cui non si ha notizia.
  • 1915-1918 - Attività sospesa a causa della Prima Guerra Mondiale.
  • 1919-1937 - Attività amichevole e tornei di cui non si ha notizia.
  • 1938-1939 - 5° nel girone B della Prima Divisione Sarda.
  • 1939-1940 - Non iscritta alla Prima Divisione. Attività amichevole.
  • 1940-1941 - 8° nel girone unico della Prima Divisione Sarda.
  • 1941-1942 - Non iscritta alla Prima Divisione. Attività amichevole.
  • 1942-1945 - Attività interrotta a causa della Seconda Guerra Mondiale.
  • 1945-1946 - 8° nel girone unico della Prima Divisione Sarda.
  • 1946-1947 - 7° nel girone unico della Prima Divisione Sarda.
  • 1947-1948 - 7° nel girone unico della Prima Divisione Sarda.
  • 1948-1949 - 4° nel girone unico della Prima Divisione Sarda,in seguito escluso dal campionato dopo la XXVII gara. Annullate tutte le sue gare.
  • 1949-50 - 10° nel girone A della Prima Divisione Sarda.

  • 1950-51 - 6° nella Prima Divisione Sarda.
  • 1951-52 - 4° nella Prima Divisione Sarda, ridenominata "Promozione".
  • 1952-1953 - 6° nella Promozione Sarda.
  • 1953-1954 - 3° nella Promozione Sarda.
  • 1954-1955 - 1° nella Promozione Sarda. Green Arrow Up.svg Promosso in IV Serie.
  • 1955-1956 - 15° nel girone F di IV Serie dopo aver perso lo spareggio con la Ternana. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione.
  • 1956-1957 - 5° nel girone B della Promozione Sarda.
  • 1957-1958 - 4° nel Campionato Sardo Dilettanti.
  • 1958-1959 - 1° nel Campionato Sardo Dilettanti, perde le qualificazioni interregionali col Cascina.
  • 1959-1960 - 1° nella Prima Categoria Sarda. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.. Nel CND perde con il Finale Ligure.

  • 1960-1961 - Campionato Nazionale serie D girone D, 10º posto
  • 1961-1962 - Campionato Nazionale serie D girone D, 7º posto
  • 1962-1963 - Campionato Nazionale serie D girone D, 3º posto
  • 1963-1964 - Campionato Nazionale serie D girone E, 12º posto
  • 1964-1965 - Campionato Nazionale serie D girone D, 8º posto
  • 1965-1966 - Campionato Nazionale serie D girone D, 9º posto
  • 1966-1967 - Campionato Nazionale serie D girone D, 10º posto
  • 1967-1968 - Campionato Nazionale serie D girone F, 12º posto
  • 1968-1969 - Campionato Nazionale serie D girone F, 12º posto
  • 1969-1970 - Campionato Nazionale serie D girone F, 9º posto

  • 1970-1971 - Campionato Nazionale serie D girone F, 5º posto
  • 1971-1972 - Campionato Nazionale serie D girone F, 16º posto e Red Arrow Down.svg retrocessione diretta in Promozione
  • 1975-1976 Campionato regionale Promozione girone B, 1º posto e Green Arrow Up.svg promozione diretta in serie D
  • 1976-1977 - Campionato Nazionale serie D girone F, 10º posto
  • 1977-1978 - Campionato Nazionale serie D girone F, 15º posto e Red Arrow Down.svg retrocessione diretta in Promozione
  • 1978-1979 Campionato regionale Promozione girone B, 1º posto e vittoria contro Pol. Sant'Antioco nello spareggio-promozione con conseguente risalita in serie D
  • 1979-1980 - Campionato Nazionale serie D girone D, 8º posto

  • 1980-1981 - Campionato Nazionale serie D girone D, 18º posto
  • 1981-1982 - Campionato Interregionale girone N, 4º posto
  • 1982-1983 - Campionato Interregionale girone N, 12º posto
  • 1983-1984 - Campionato Interregionale girone N, 16º posto e Red Arrow Down.svg retrocessione diretta in Promozione
  • 1986-1987 - Campionato Interregionale girone N, 3º posto
  • 1987-1988 - Campionato Interregionale girone N, 3º posto
  • 1988-1989 - Campionato Interregionale girone H, 10º posto
  • 1989-1990 - Campionato Interregionale girone H, 9º posto

  • 1990-1991 - Campionato Interregionale girone H, 6º posto
  • 1991-1992 - Campionato Interregionale girone F, 12º posto
  • 1992-1993 - Campionato Nazionale Dilettanti girone F, 8º posto
  • 1993-1994 - Campionato Nazionale Dilettanti girone B, 7º posto
  • 1994-1995 - Campionato Nazionale Dilettanti girone B, 7º posto
  • 1995-1996 - Campionato Nazionale Dilettanti girone B, 2º posto
  • 1996-1997 - Campionato Nazionale Dilettanti girone B, 9º posto
  • 1997-1998 - Campionato Nazionale Dilettanti girone B, 16º posto e Red Arrow Down.svg retrocessione diretta in Eccellenza Sardegna
  • 1998-1999 - Campionato regionale di Eccellenza Sardegna girone unico, 5º posto
  • 1999-2000 - Campionato regionale di Eccellenza Sardegna girone unico, 4º posto

  • 2000-2001 - Campionato regionale di Eccellenza Sardegna girone unico, 3º posto
  • 2001-2002 - Campionato regionale di Eccellenza Sardegna girone unico, 1º posto e Green Arrow Up.svg promozione diretta in serie D
  • 2002-2003 - Campionato Nazionale serie D girone B, 7º posto
  • 2003-2004 - Campionato Nazionale serie D girone B, 15º posto, playout e retrocessione in Eccellenza Sardegna, successivo ripescaggio in serie D
  • 2004-2005 - Campionato Nazionale serie D girone H, 9º posto
  • 2005-2006 - Campionato Nazionale serie D girone B, 12º posto
  • 2006-2007 - Campionato Nazionale serie D girone B, 16º posto, playout e salvezza
  • 2007-2008 - Campionato Nazionale serie D girone G, 13º posto, playout e salvezza
  • 2008-2009 - Campionato Nazionale serie D girone G, 18º posto e Red Arrow Down.svg retrocessione diretta in Eccellenza Sardegna
  • 2009-2010 - 12° nell'Eccellenza Sardegna,

  • 2010-2011 - 9° nell'Eccellenza Sardegna,
  • 2011-2012 - 6° nell'Eccellenza Sardegna,
  • 2012-2013 - 11° nell'Eccellenza Sardegna,
  • 2013-2014 - 13° nell'Eccellenza Sardegna, salvo dopo i play-out.
  • 2014-2015 - 14° nell'Eccellenza Sardegna, salvo dopo i play-out.
  • 2015-2016 - 7° nell'Eccellenza Sardegna,

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori della maglia del Football Club Calangianus 1905 sono il rosso e il giallo,scelti in quanto colori rappresentanti dello stesso comune di Calangianus. Diverse sono le varianti della maglia del Calangianus,utilizzate in diverse occasioni.

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Signora Chiara.

Il Calangianus disputa le sue partite interne presso lo "Stadio Signora Chiara".[7]

Foto panoramica dello Stadio Signora Chiara di Calangianus, fatta dalla parte nord,adiacente all'ingresso. Si nota la tribuna centrale coperta e la curva frequentata dalla tifoseria organizzata.

L'impianto presenta le seguenti caratteristiche:

  • Posti al coperto: 344
  • Posti totali: 3.500
  • Larghezza campo: 65,00 m
  • Lunghezza campo: 105,00 m
  • Fondo: Erba
  • Copertura campo: Scoperto
  • Divisione spettatori-campo: Barriere

Società[modifica | modifica wikitesto]

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Lo storico settore giovanile giallorosso prese nel 2001 il nome di Audax Calangianus - il quale fu la prima denominazione della società - . Nonostante sia una realtà minore rispetto a quella delle società più blasonate della Sardegna - Cagliari, Sassari, Olbia - il Calangianus è stato modello di organizzazione del settore giovanile e trampolino di lancio per calciatori e tecnici che successivamente ebbero modo di intraprendere carriera nei principali campionati italiani. Un esempio è rappresentato dal difensore Ivano Baldanzeddu, militante nel campionato di Serie B. Nell'anno 2013,il settore giovanile è stato chiuso.[8]

La squadra Juniores del Football Club Calangianus 1905 milita nel campionato regionale, nel girone H.[9]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.B.C. Calangianus 1905

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.B.C. Calangianus 1905

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
IV Serie 1 1955-1956 15
Serie D 14 1960-1961 1977-1978
Serie D 9 1979-1980 2008-2009 24
Campionato Interregionale 9 1981-1982 1991-1992
Campionato Nazionale Dilettanti 6 1992-1993 1997-1998

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Il Club Brigate Giallorosse Calangianus durante la stagione 1975-76.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Diversi sono stati i movimenti ultras a Calangianus. Prima del 1987,data di fondazione del primo effettivo gruppo ultras,sono stati diversi i gruppi al seguito dei giallorossi. Infatti,a partire dalla stagione 1955-1956,nella quale il Calangianus vinse il suo primo titolo regionale,una moltitudine di tifosi iniziarono ad accorrere al vecchio Stadio "Limbara". Il primo striscione apparso nella curva calangianese fu quello dei Bad Boys[10]. Alcuni esponenti di questo gruppo diedero vita negli anni '70 al Club Brigate Giallorosse,ribattezzato nel 1987 con il nome di Brigate Giallorosse.

Le Brigate Giallorosse[modifica | modifica wikitesto]

Brigate Giallorosse,anno 2005.

Il primo gruppo organizzato al seguito della squadra furono le Brigate Giallorosse, a partire dagli anni ottanta. Il gruppo delle Brigate Giallorosse è un gruppo storico a Calangianus,nato nel 1987 dopo diversi movimenti ultras passati a Calangianus,che si è fatto conoscere inoltre per azioni di solidarietà e di volontariato in paese. Per quanto Calangianus sia un centro di 5.000 anime,la curva è sempre stata frequentata da centinaia di persone che,sia in casa sia in trasferta,hanno seguito i giallorossi. Anche oggi,in ogni partita,sono ricordati in curva Alfredo e Ruggero,due giovani ultras purtroppo deceduti rispettivamente nel 2004 e nel 2003. Tale fazione non ha mai dato alcun segno di un effettivo schieramento politico, come avviene spesso nel mondo ultras. Il gruppo non ha mai dichiarato ufficialmente il proprio scioglimento, tuttavia non presenziando più alle partite casalinghe del Calangianus a partire dal 2010, a causa anche delle numerose diffide subite. La media del pubblico ultrà di Calangianus era,ai tempi delle Brigate Giallorosse,di centinaia di spettatori a partita,sia in casa sia in trasferta.

Gioventù Ultras Calangianus 2015. Con presenza di alcuni esponenti delle Brigate Giallorosse,omaggio a Gabriele Sandri "Gabbo".

La nuova era: Gioventù Ultras[modifica | modifica wikitesto]

A partire dalla stagione 2012-2013 la curva cominciò a ripopolarsi. Una definitiva "reunion" avvenne in occasione della partita casalinga contro il Samassi, valida per i play-out del campionato 2013-2014. Nel corso della stagione successiva nacque la Gioventù Ultras Calangianus, in cui confluirono anche alcuni esponenti delle Brigate. Questo gruppo,in esponenziale crescita,sembra dichiarare esplicitamente uno schieramento politico di destra. Lo striscione,apparso nella prima giornata della stagione 2015-16,è affiancato alla vecchia pezza giallo-rossa Calangianus,ereditata dalle stesse Brigate Giallorosse.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Sardegna.

La tifoseria del Calangianus sostiene da circa due decenni un gemellaggio con le Brigate Bianche,tutti i gruppi della Curva Mare dell'Olbia e con i gruppi olbiesi oggi sciolti di Boys e Ultrà Metropolitan[11][12][13]. Il gemellaggio con gli olbiesi,che si è indebolito negli anni a causa dello scioglimento delle fazioni di entrambe le parti,si è rafforzato durante la stagione 2015-16,durante la finale playoff del girone G di Serie D giocata tra Torres e Olbia,nella quale confluirono in curva diversi esponenti giallorossi. In passato c'è stato un gemellaggio con il gruppo Bull Dogs (Terror Machine) di Ivrea,fazione ormai sciolta. Un ottimo rapporto di amicizia intercorre invece con la tifoseria della Nuorese,e con gli Warriors di Luras (Calangianus e Luras sono due realtà vicinissime e molto analoghe tra loro). C'è stato un rapporto di amicizia tra gli ultras calangianesi e quelli dell'Ilvamaddalena,legati dalla reciproca rivalità con gli arzachenesi. La tifoseria calangianese aveva inoltre rapporti di amicizia con quella di Lecco,tanto da vedere gli ultras lecchesi in diverse trasferte assieme alla Brigate Giallorosse.

La rivalità più sentita e longeva dalla tifoseria calangianese è con i tifosi del Tempio[14],che si porta avanti da diverse generazioni anche in ambito extra-sportivo. La rivalità tra Calangianus e Tempio,due cittadine molto vicine tra loro,nasce principalmente per campanilismo e si protrae nel mondo ultras a causa del gemellaggio dei tempiesi con gli ultras della Torres (2002),rivali storici di Calangianus e Olbia. Inoltre, altre rivalità degne di nota intercorrono con i tifosi di Arzachena (legata principalmente al contesto territoriale) e Torres (in seguito al gemellaggio con gli olbiesi). Sempre maggiore è l'ostilità dimostrata dai tifosi dell'Alta Gallura (Calangianus,Tempio,Luras le principali),che stanno avvicinandosi sempre più col passare degli anni, nei confronti delle realtà della Bassa Gallura. Infatti, esclusa la rivalità tempiese con gli olbiesi, i tifosi di Calangianus hanno sempre più inimicizia,anche extracalcistica,nei confronti di realtà come Arzachena,la cui tifoseria si rende tuttora ostile nei confronti di altre delle principali tifoserie galluresi,quali Olbia,Tempio e La Maddalena. Intercorre da generazioni la rivalità dei calangianesi con i tifosi di Alghero[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Administrator, Calangianus più presente, su www.sardegnanelpallone.net. URL consultato il 04 giugno 2016.
  2. ^ Calangianus linea verde per i 110 anni di storia, società rinnovata con gli under 30: il neo-presidente è Francesco Corongiu | Sardegna Diario Sportivo - Calcio, su sardegna.diariosportivo.it, 09 dicembre 2015. URL consultato l'11 giugno 2016.
  3. ^ http://www.passionecalcioweb.com/SpazioSocieta/Company?idCompany=5557&idTeam=1770&idTournament=40&group=A, su www.passionecalcioweb.com. URL consultato il 19 giugno 2016.
  4. ^ Prima Divisione 1948-1949, in Wikipedia, 20 gennaio 2016. URL consultato l'11 giugno 2016.
  5. ^ Calcio, si sono dimessi tutti i dirigenti - La Nuova Sardegna, su Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 04 giugno 2016.
  6. ^ Classifiche 2003-04, su www.calciodieccellenza.it. URL consultato l'11 giugno 2016.
  7. ^ http://www.passionecalcioweb.com/SpazioSocieta/Home?idCompany=5557&idTeam=1770&idTournament=40&group=A, su www.passionecalcioweb.com. URL consultato l'11 giugno 2016.
  8. ^ Calangianus: il futuro del calcio è l’Audax 2001 di Cossu - Sport - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 23 settembre 2012. URL consultato l'11 giugno 2016.
  9. ^ Risultati - Giornata 14 - Sardegna - Juniores Regionali - Girone H - Tuttocampo.it, su www.tuttocampo.it. URL consultato l'11 giugno 2016.
  10. ^ Mondo Ultras, su ultraslizzano.altervista.org. URL consultato il 04 giugno 2016.
  11. ^ SA DOMU » Politica, il male delle curve?, sa_domu.blog.tiscali.it. URL consultato il 04 giugno 2016.
  12. ^ Olbia e Calangianus, gemellaggio Nizzi corre, è un po' su di peso... - La Nuova Sardegna, ricerca.gelocal.it. URL consultato il 28 giugno 2016.
  13. ^ liberissimo.net, http://www.liberissimo.net/marzo%202011/05/notizia6.htm .
  14. ^ SCONTRI SUGLI SPALTI NEL DERBY TRA CALANGIANUS E TEMPIO - Videolina, su www.videolina.it. URL consultato l'08 giugno 2016.
  15. ^ Parte il campionato, al Mariotti arriva il Calangianus, su Alguer.it. URL consultato l'08 giugno 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]