Canale 48 Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Canale 48
Logo canale 48 web tv 2011.png
Paese Italia Italia
Lingua Italiano
Tipo Generalista
Target tutti
Slogan CANALE 48 WEB TV ..La tua tv ..Dove e quando vuoi tu.
Data di lancio aprile 1977 (Versione SD),

2012 (Versione HD)

Formato 16:9 (HD)
Editore Mario Savigni
Direttore Tommaso Tamponi
Sito www.canale48.it
Diffusione
Terrestre
PAL, Digitale
Streaming
Streaming Adobe Flash, gratuito sul sito www.canale48.it

Canale 48 è una emittente televisiva a carattere regionale della Sardegna, attiva in analogico dall'aprile 1977 al settembre 1993 e divenuta web TV dal 2010.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Canale 48 venne fondata, con sede a Calangianus, da Mario Savigni nell'aprile 1977.

Nata come canale televisivo, il cui segnale ha coperto quasi tutto il nord Sardegna con sei ripetitori,[1] Canale 48 è stato un'emittente pioniere della televisione a carattere locale dell'isola, distinta come trampolino di lancio di artisti noti a carattere regionale e nazionale, tra i quali spicca il cantante Gianni Nazzaro.[2]I programmi trasmessi, prodotti per la maggior parte in maniera autonoma da parte del direttivo, costituivano in quiz, giochi, rubriche politiche e sportive ed incontri calcistici di squadre isolane e contribuirono nella esponenziale crescita del canale in Sardegna.[3]

Anni ottanta e declino[modifica | modifica wikitesto]

I primi successi arrivarono con i telequiz La Girandola (1977) ed Il Pronostico (1978), caratterizzati dalla partecipazione di artisti quali il mago Silvan, Claudio Villa e Gianni Nazzaro.[2]

Con la cessione, avvenuta il 7 dicembre 1981, del canale 46 di monte Limbara all'emittente nazionale Canale 5, e la successiva cessione, avvenuta nell'ottobre 1985, di gran parte della rete all'emittente olbiese Teleregione (che oggi si chiama 5 Stelle Sardegna), l'attività del canale si ridusse a cartoni animati, telefilm, film, ritrasmissione del canale musicale satellitare Music Box, e trasmissioni in differita di partite di calcio a carattere locale. Da annoverare, nel marzo dello stesso anno, una collaborazione con Tokyo Broadcasting System per la realizzazione di un film girato a Calangianus. Due anni dopo, il 17 settembre 1983, Canale 48 si aggiudicò per cinque anni in esclusiva la trasmissione delle gare della Torres e dell'ippodromo di Chilivani.[4]

Nell'ultima fase della sua vita in etere, a cavallo fra gli anni '80 e '90, e con una copertura ridotta alla sola gallura, l'emittente cambiò nome in Canale 49 Telecentro. Pur ottenendo la concessione nel 1992, nel settembre 1993 l'emittente cessò l'attività di trasmissione televisiva in analogico, pertento nel 1994 non le fu rinnovata[5].

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Con l'avvento del digitale terrestre, Canale 48 diverrà dal 2011 una emittente trasmessa solo online, e rappresenta attualmente una delle prime web TV live della Sardegna. L'attività principale della web TV è la diretta streaming di rubriche e partite di calcio a carattere regionale. Riguardo quest'ultime, la televisione ha avuto collaborazioni con le società calcistiche Football Club Calangianus 1905, Unione Sportiva Tempio 1946, Società Sportiva Lauras 1946 e Torres 1903.[6][7]

Nel 2016 Canale 48 ha introdotto un sistema di news 24 ore su 24 curato dagli amministratori indirizzandosi, nel 2017, al quarantesimo anniversario dalla sua fondazione.

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Radio tv dati n.3 agosto 84
  2. ^ a b Canale 48 WebTV - Chi Siamo, su canale48.it. URL consultato il 13 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2018).
  3. ^ La Nuova Sardegna, 5 dicembre 1980
  4. ^ La Nuova Sardegna 6 aprile 1985
  5. ^ CONCESSIONI: L'ELENCO PROVVISORIO DELLE TV BOCCIATE - AdnKronos.
  6. ^ L'Unione Sarda 25 maggio 2012
  7. ^ Miracolo di Savigni: rivive «Canale 48» ma ora è una web tv - La Nuova Sardegna, in Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 13 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]