Castiadas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castiadas
comune
Castiadas – Stemma
Castiadas – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Sud Sardegna
Amministrazione
Sindaco Eugenio Murgioni (lista civica) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate 39°14′N 9°30′E / 39.233333°N 9.5°E39.233333; 9.5 (Castiadas)Coordinate: 39°14′N 9°30′E / 39.233333°N 9.5°E39.233333; 9.5 (Castiadas)
Altitudine 60 m s.l.m.
Superficie 103,89 km²
Abitanti 1 659[2] (28-2-2017)
Densità 15,97 ab./km²
Comuni confinanti Maracalagonis (CA), Muravera, San Vito, Sinnai (CA), Villasimius
Altre informazioni
Cod. postale 09040
Prefisso 070
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 092106
Cod. catastale M288
Targa SU[1]
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti castiadesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiadas
Castiadas
Sito istituzionale

Castiadas è un comune italiano di 1 659 abitanti[2] della provincia del Sud Sardegna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Castiadas è abitato dall'uomo sin dal periodo prenuragico e nuragico. Alcune testimonianze dimostrano una frequentazione anche nel periodo punico e romano.

Nel medioevo fece parte del giudicato di Cagliari, nella curatoria di Colostrai, poi passata al giudicato di Gallura, Pisa e infine alla Corona d'Aragona.

Le prime tracce dell'odierno abitato risalgono al XIV secolo, quando fu fondato il villaggio di Villanova Castiadas, abbandonato però nel Cinquecento per via delle frequenti pestilenze e dei casi di malaria tipici di quei tempi[3].

La torre di Cala Pira eretta nel 1639 a difesa del litorale

Nell'Ottocento, dopo oltre tre secoli di completo abbandono, la zona venne bonificata col fine di erigere una colonia agricola penale, chiusa in seguito negli anni cinquanta e da qualche anno riconvertita a museo.

Nel secondo dopoguerra Castiadas, all'epoca appartenente al comune di Muravera, visse una fase di espansione, su spinta dell'ETFAS (Ente di Trasformazione Fondiaria e Agraria della Sardegna), che portò alla nascita delle borgate dell'Annunziata e di Olia Speciosa, oltre alla valorizzazione di quelle di Sabadi, Ortedusu e San Pietro. Molti dei nuovi abitanti provenivano dai centri circostanti di Villasimius, Muravera ecc. ma importante fu anche il contributo degli italo-tunisini i quali avevano lasciato per sempre il paese nord-africano[4].

Con la Legge Regionale numero 24 dell'11 marzo 1986 infine Castiadas divenne comune autonomo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2015 gli stranieri residenti nel comune di Castiadas sono 49[6], pari al 3% circa della popolazione totale. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Pos. Cittadinanza Popolazione
1 Romania Romania 13
2 Marocco Marocco 10

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Colonia penale

Il patrono del paese è san Giovanni Battista, che si festeggia durante l'ultimo fine settimana di giugno. Altra ricorrenza è, il 15 agosto, la festa dell'Assunta.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Castiadas presenta caratteristiche di comune sparso, con le seguenti borgate:

  • Camisa (9,73 km² - 260 ab.) e L'Annunziata, sino al 1986 del comune di Villaputzu,
  • Buddui, precedentemente del comune di San Vito
  • Castiadas centro, Olia Speciosa (sede della casa comunale), Sabadi, Monte Gruttas, Masone Pardu, Maloccu, Capucciu, Orteduso, Sitò, Masone Murtas, San Pietro, Cala Pira, Cala Sinzias e Santa Giusta, in precedenza appartenenti al comune di Muravera.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia del comune, per decenni basata su agricoltura e pastorizia, oggi si basa in buona parte anche sul turismo, grazie ai vari insediamenti presenti lungo la costa.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Aviosuperficie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Aviosuperficie di Castiadas.

In località Maloccu si trova un'aviosuperficie che viene usata per voli turistici. Inoltre in questa è ospitata anche una scuola di paracadutismo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigla provvisoria definita dal Consiglio di Stato con parere n° 1264 del 30 maggio 2017, in attesa di recepimento nella tabella allegata al Regolamento del codice della strada
  2. ^ a b Dato Istat al 28-2-2017, demo.istat.it. URL consultato il 5 luglio 2017.
  3. ^ Relazione Tecnica - Sardegna Territorio
  4. ^ Storia, Comune di Castiadas. URL consultato il 30 dicembre 2007.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ ISTAT, cittadini stranieri

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN154594108
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna