San Vito (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Vito
comune
San Vito – Stemma San Vito – Bandiera
San Vito – Veduta
Chiesa di San Vito
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoMarco Antonio Siddi (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate39°27′N 9°33′E / 39.45°N 9.55°E39.45; 9.55 (San Vito)Coordinate: 39°27′N 9°33′E / 39.45°N 9.55°E39.45; 9.55 (San Vito)
Altitudine10 m s.l.m.
Superficie231,64 km²
Abitanti3 718[1] (31-07-2015)
Densità16,05 ab./km²
FrazioniSan Priamo, Tuerra
Comuni confinantiCastiadas, Muravera, Burcei, Villaputzu, Villasalto, Sinnai (CA)
Altre informazioni
Cod. postale09040
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111066
Cod. catastaleI402
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantisanvitesi
Patronosan Vito
Giorno festivo15 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Vito
San Vito
San Vito – Mappa
Posizione del comune di San Vito all'interno della provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

San Vito (Santu Idu in sardo) è un comune italiano di 3.718 abitanti[1] della provincia del Sud Sardegna, posto nella subregione storica del Sarrabus.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di San Vito è ricco di testimonianze del periodo prenuragico e nuragico come le domus de janas e i nuraghi. Sono presenti inoltre tracce puniche e romane.

Nel medioevo fece parte del Giudicato di Cagliari, nella curatoria del Sarrabus, e successivamente del giudicato di Gallura per poi essere annesso nei territori d'oltremare di Pisa. Conquistato dagli aragonesi (con una breve occupazione da parte del Giudicato di Arborea tra il 1366 e il 1409) seguì le vicende del Regno di Sardegna [2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Vito
  • Chiesa di San Lussorio
  • Chiesa di Santa Maria
  • Chiesa di San Priamo
  • Chiesa di Sant'Antioco
Nuraghe Asoru

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Costume tradizionale di San Vito

La lingua autoctona di San Vito è il sardo (sardu o limba sarda), e per la precisione il macrodialetto campidanese (campidanesu) nella sua variante sarrabese. Peculiari della parlata del Sarrabus sono fenomeni fonetici come -rt->-tt- (morti>motti) ed il colpo di glottide per la pronuncia di -l- e -n- (soli>sohi, pani>pahi, cani>cahi).

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a San Vito[modifica | modifica wikitesto]

  • Antoni Cuccu[4] (San Vito 1921-2003) editore. Una figura singolare. Tziu Antoni era un editore che vendeva di persona le sue produzioni girovagando per l'isola di Sardegna di festa in festa. In questo modo ha contribuito enormemente alla diffusione della poesia in lingua sarda soprattutto dei poeti estemporanei.

Suonatori di launeddas[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Lai
  • Benigno Sestu
  • Rocco Melis
  • Sandro Frau
  • Fabio Vargiolu

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna