Mandas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mandas
comune
(ITSC) Màndas
Mandas – Stemma Mandas – Bandiera
Mandas – Veduta
Vista aerea di Mandas
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoMarco Pisano (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate39°39′19.44″N 9°07′47.32″E / 39.655399°N 9.12981°E39.655399; 9.12981 (Mandas)Coordinate: 39°39′19.44″N 9°07′47.32″E / 39.655399°N 9.12981°E39.655399; 9.12981 (Mandas)
Altitudine457 m s.l.m.
Superficie45,02 km²
Abitanti2 177[1] (30-9-2017)
Densità48,36 ab./km²
Comuni confinantiEscolca, Gergei, Gesico, Nurri, Serri, Siurgus Donigala, Suelli
Altre informazioni
Cod. postale09040
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111039
Cod. catastaleE877
TargaSU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona D, 1 652 GG[2]
Nome abitanti(IT) mandaresi
(SC) mandaresus
Patronosan Giacomo
Giorno festivo25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Mandas
Mandas
Mandas – Mappa
Posizione del comune di Mandas
nella provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Mandas è un comune italiano di 2.177 abitanti[1] della provincia del Sud Sardegna.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del paese, già citato nel XIII secolo, è riconducibile al sardo mandara e al latino mandra che hanno significato di "recinto per bestiame"[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Area abitata fin dall'epoca prenuragica e nuragica per la presenza nel territorio di alcune tombe dei giganti e di alcuni nuraghi, nel medioevo appartenne al Giudicato di Cagliari e fece parte della curatoria di Siurgus, della quale fu capoluogo dopo Siurgus. Alla caduta del giudicato (1258) passò ai pisani e quindi agli aragonesi, che ne fecero un feudo concesso nel secolo XIV ai Carroz. La villa, che nel 1355 aveva inviato inviato i propri rappresentanti al parlamento convocato a Cagliari dal re d'Aragona Pietro IV il Cerimonioso, nel XV secolo andò decadendo. Insieme ad altre ville che erano appartenute alla curatoria formò un marchesato, che nel 1604 fu trasformato in ducato, detto appunto Ducato di Mandas. Primo duca di Mandas fu Pietro Maza de Carroz, nominato dal re Filippo III di Spagna, morto senza eredi tre anni dopo. Dai Maza la signoria passò poi ai Tellez-Giron. L'ultimo duca fu Pedro Tellez-Giron di Alcantara, e il paese fu riscattato a quest' ultimo nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Il paese di Mandas è citato, in quanto tappa di uno dei suoi viaggi in Italia, dallo scrittore britannico David Herbert Lawrence nel libro Sea and Sardinia (Mare e Sardegna) del 1921.

Ai sensi della Legge Regionale n. 9 del 12 luglio 2001, che ha previsto l'istituzione delle nuove province sarde, il comune di Mandas sarebbe dovuto essere aggregato alla neonata provincia del Medio Campidano; con successiva Legge Regionale n. 10 del 13 ottobre 2003 si stabilì invece che restasse in quella di Cagliari, di cui fece parte fino alla successiva riforma del 2016.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Giacomo

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento più importante è la chiesa parrocchiale di San Giacomo alla periferia del paese, è disposta verso la campagna circondata da un muraglione. A parte le strutture gotico-aragonesi del '500, conserva varie e valide opere di intagliatori spagnoli e locali: un gruppo ligneo con il crocifisso la Madonna e S.Giovanni, le statue di S. Gioacchino e S. Anna nell'altare maggiore, e vari altari lignei scolpiti e dorati.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Mandas è il campidanese occidentale.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia di Mandas è caratterizzata soprattutto dall'agricoltura, in particolar modo coltivazione di frumento e la viticoltura. Vi è anche presenza di attività di allevamento ovino, suino e bovino.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione ferroviaria di Mandas

Mandas è sede di una stazione ferroviaria dell'ARST, sita sulla linea per Isili e capolinea della ferrovia per Arbatax, oggi attiva solo come ferrovia turistica del Trenino Verde. Grazie al fatto di essere capolinea di molti treni turistici (diretti anche a Sorgono), il paese è meta di un discreto traffico turistico.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 16 aprile 2000 Claudio Steri Alleanza dei Progressisti Sindaco [5]
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Umberto Oppus lista civica di centro-destra Sindaco [6]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Umberto Oppus lista civica Sindaco [7]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Umberto Oppus lista civica "Uniti per Mandas" Sindaco [8]
31 maggio 2015 - Marco Pisano lista civica "Uniti per Mandas" Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Mandas su Sardegna Turismo
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Comunali 23/04/1995, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  6. ^ Comunali 16/04/2000, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  7. ^ Comunali 08/05/2005, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  8. ^ Comunali 30/05/2010, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  9. ^ Comunali 31/05/2015, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN123318969 · GND (DE4449883-4
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna