Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lingua sarda campidanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sardo campidanese)
Jump to navigation Jump to search
Sardo campidanese
Sardu campidanesu
Parlato inItalia Italia
RegioniSardegna Sardegna
(Provincia di Cagliari-Stemma.png Città metropolitana di Cagliari
Parte centro-meridionale della Provincia di Oristano-Stemma.png Provincia di Oristano
Provincia del Sud Sardegna
Parte meridionale della Provincia di Nuoro-Stemma.png Provincia di Nuoro)
Locutori
Totalecirca 670.000[1]
Altre informazioni
TipoSOV (anche VOS[2] e SVO) sillabica
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Lingue italiche
  Lingua latina
   Romanze
    Romanze insulari
     Sardo
      Campidanese
Codici di classificazione
ISO 639-1sc
ISO 639-2srd
ISO 639-3sro (EN)
Glottologcamp1261 (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Totus is òminis nascint lìberus e ugualis in dignidadi e in deretus. Issus tenint s'arrexoni e sa cuscèntzia e si depint cumportai s'unu cun s'atru cun spìritu de fraternidadi.
Sardinia Language Map.png
Diffusione delle varianti linguistiche di tipo campidanese

1leftarrow blue.svgVoce principale: Lingua sarda.

Il sardo campidanese[3] (nome nativo sardu campidanesu o campidanesu) è una delle due principali macrovarianti della lingua sarda (logudorese e appunto campidanese).[4] Il codice ISO 639-3 è "sro"; a questo vengono affiancate le lettere (I) (lingua a sé stante) e (L) (lingua attiva, usata come lingua madre da persone in vita).[5]

È parlato nella parte centro-meridionale della Sardegna, in una regione ben più vasta del Campidano geografico.[4] È la varietà originaria di un'area abitata da 975.000 persone circa, di cui quasi la metà ricadenti nell'hinterland cagliaritano, sede di immigrazione sia interna, da varie regioni dell'isola, che esterna. In base ad una ricerca del 2006 della Regione Sardegna il campidanese risulta capito da 942.000 persone circa (il 96,9% dei residenti) e parlato da 670.000 persone circa (il 68,9% della popolazione). Solo il 3,1% dei residenti non avrebbe alcuna competenza del campidanese.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito del sistema linguistico sardo le varianti campidanesi son considerate le più innovative, quelle cioè che esibiscono maggiori elementi di distanza dal modello latino classico. Secondo alcuni studiosi talune innovazioni sarebbero state favorite dai contatti della città di Cagliari con centri della penisola, per altri andrebbero attribuite a un sostrato etnico paleomediterraneo meno prossimo al latino delle popolazioni meridionali, che avrebbe causato una diversa evoluzione del latino volgare rispetto al logudorese[senza fonte]. In effetti le desinenze della variante settentrionale sono più simili al toscano, quelli della variante meridionale ad altre varianti latine d'ubicazione estrema meridionale: un esempio lampante sono gli esiti della terza declinazione latina in i anziché e, comuni al corso meridionale, salentino, calabrese, siciliano, portoghese (ed anche al greco moderno). Un'altra interpretazione è quella che vorrebbe alcuni caratteri peculiari del sardo meridionale riconducibili a elementi già presenti nel latino popolare introdotto dai legionari romani e perciò distante dal coevo latino codificato di uso colto e letterario (ad es. il particolare trattamento riservato nei dialetti meridionali alla L etimologica in posizione intervocalica).

Per contro, la maggiore corrispondenza di taluni elementi del sardo settentrionale al latino classico potrebbe trovare spiegazione non già in una intensa latinizzazione precoce delle regioni interne dell'isola e quindi nella conservazione dei tratti linguistici così acquisiti, quanto piuttosto in una latinizzazione più tardiva. Un latino colto, di uso ecclesiastico, introdotto contestualmente alla cristianizzazione dell'interno dell'isola.

In sintesi, delle complesse dinamiche all'origine delle divergenze che i sistemi dialettali centromeridionali esibiscono rispetto a quelli centrosettentrionali, si prendono in considerazione: il ruolo delle lingue di sostrato; fattori quali la latinizzazione anticipata del meridione dell'isola, la sua maggiore esposizione a varie ondate successive, anche tarde, di latinizzazione; il latino popolare introdotto e la presenza di diversi centri di irradiazione della latinità che avrebbero esercitato la loro influenza su aree diverse della Sardegna e in tempi diversi; maggiori contatti interni ed esterni rispetto alle regioni montagnose dell'interno, di fatto più isolate anche dal resto della comunità sarda; dinamiche evolutive intrinseche al sistema linguistico sardo e meridionale in particolare, responsabili nei secoli di sviluppi autonomi, talora peculiari.

Al suo interno il diasistema campidanese presenta maggiore omogeneità rispetto al gruppo logudorese-nuorese per motivi geografici, anche se presenta alcune differenze locali nelle aree periferiche. Il dominio campidanese viene comunemente ripartito in 8 sottogruppi:

  1. comune o cittadino;
  2. occidentale o rustico;
  3. sulcitano;
  4. sarrabese;
  5. barbaricino centrale;
  6. barbaricino meridionale;
  7. ogliastrino;
  8. oristanese.

Il campidanese cittadino parlato a Cagliari, emendato di alcuni tratti localistici, è la base del "campidanese comune" o "campidanese letterario", solitamente usato da scrittori e poeti. All'interno del diasistema campidanese, la variante conservativa cagliaritana nei suoi registri alti ha infatti tradizionalmente rappresentato il modello linguistico di referenza: varietà diastratica alta, usata dal ceto borghese in tutta l'area meridionale dell'isola e modello unificante per gli utilizzi colti, ecclesiastici e letterari.

Tra le sue caratteristiche[6];

  • il singolare terminante in "-i" ("pisci", pesce)
  • l'articolo plurale in "is" ("is terras", le terre)
  • plurali in -is, -us e -as ("brebeis", pecore; "cuaddus", cavalli; "crapitas", scarpe)
  • il gerundio in "-endi" ("pighendi", prendendo)
  • la conservazione dei nessi latini "qu", sostituito con "k" o "g", ("akua", acqua), "gu" ("sànguni", sangue)
  • la trasformazione della "c" velare in "c-" a inizio parola ("centu", cento) e in "-x-" negli altri casi ("deghe", poi "dexi", dieci) o "-sc-" ("pische", poi "pisci", pesci)
  • la trasformazione delle "rj" in rg, delle "nj" in "ng", delle "lj" in "-ll-", di "-ti-" e "-te-" in "-tz-"
  • l'aggiunta di a- davanti a r- ("rubiu" in arrubiu),
  • la metatesi (Carbonia in Crabonia),
  • le forti influenze catalane ("seu" per cattedrale)

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Oristanese[modifica | modifica wikitesto]

L’oristanese (Oristano, Nuraxinieddu, Cabras, Milis, Solarussa, Ruinas fino ad Arbus) conserva k- e g- velari (chentu, chimbi, rughi), la forma campidanese -ngi- e -rgi- (angioni, attungiu) al posto del logudorese/nuorese -nz- e -rz- (anzone, attunzu), riflettendo la condizione originaria dell'area logudorese rj/rg, -gi- (figiu, ogiu) al posto del logudorese/nuorese -z- (fizu, ozu) e del campidanese -ll- (fillu, ollu); il dialetto settentrionale della zona di Ruinas e della fascia da Narbolia-Milis, San Vero Milis, Solarussa, pur grammaticalmente campidanese presenta forti influssi logudoresi (anzoni, attunzu, fizu, ozu, abba, limba; mantenimento delle velari in rughe/gruxi>rughi, deghe/dexi>deghi, bindighi/cuindixi>bindighi) e viene per questo motivo definito "Limba de mesania" (LDM) per la sua difficile classificazione in uno dei due gruppi. Nell'oristanese e nell'alto Campidano è caratteristica l'elisione della -n- intervocalica (Aristanis>Aristãis, Pabillonis>Pabillõis, cani>cãi, pani>pãi, manu>mãu, angioni>angiõi, binu>biu) e una più accentuata inversione letterale (cabra>craba, cherbeddu>crebeddu); l'oristanese meridionale (Morgongiori) assume invece gradatamente alcuni caratteri del campidanese rustico (elisione della -l- o passaggio a -b-: soli>sõi/sobi). L'arborense presenta, inoltre, la caratteristica fonetica dell'elisione della -l- intervocalica (soli>soi, colori>caori) e, nel campidano di Milis, a Solarussa e Bauladu il passaggio da -c- a -tz- (citadi>tzitadi, certu>tzertu, bèciu>betzu) e l'invesione di r e n (arena>anea, aranzu>ananzu).

Ogliastrino[modifica | modifica wikitesto]

L’ogliastrino (Elini, Lanusei, Tortolì, Lotzorai, Urzulei, Perdasdefogu, Baunei, Talana, Ilbono, Bari Sardo, Jerzu, Arzana, Tertenia, Villagrande Strisaili, Gairo, Girasole, Osini, Ulassai, Triei) risente dell'influenza delle parlate barbaricine e nuoresi e conserva caratteri tipici di questi dialetti (abba, limba, sambene, caente) nonché il suono -th- (petha, puthu, pratha, marthu, thìu, thìa, che nella pronuncia tende a -ss-: pessa, pussu, prassa, marsu, siu, sia, con eccezione per Barisardo dove è scìu, scìa), il passaggio -tz->-ss- (ufìtziu>ofìssiu, pitzu>pissu) e la finale singolare in -e nell'alta Ogliastra ma con il sistema verbale arcaico del campidanese (niài>niàri, fài>fàiri, andài>andàri, ligi>ligiri), -x->-g- (dexi>degi/dege, ruxi>rugi/ruge, undixi>undigi, domixedda>domigedda), e di altre particolarità (pro/po>po, l'articolo in is con finali plurali in -us, -is e -as, mentre più a nord articolo in us e finale -us>-os) che lo accomunano al campidanese; sempre sotto influenza delle parlate nuoresi nell'incontro tra due parole la consonante s può variare in r: questo avviene con le lettere b-, d-, g-, l-, m-, n-, s-, v- (is domos>ir domos, est bellu>er bellu, cosas beccias>cosar beccias). L'arzanese e il villagrandese contengono elementi aspirati fillu> fi'ju ; i dialetti di Villagrande, Arzana, Talana, Baunei, Triei e Urzulei risulterebbero i più distaccati dal campidanese, in particolare quello di Urzulei è molto più simile al barbaricino, essendo il paese più a nord dell'Ogliastra. A seconda dei paesi, il gerundio cambia a nord in -ndo o -endu a sud (narando, faendo, marrendu, proendu).

Barbaricino centrale[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto della della zona di transizione del Mandrolisai (Samugheo, Ortueri, Sorgono, Atzara, Tonara, Desulo) e in parte nella Barbagia di Belvì (Aritzo, Belvì, Meana Sardo) sono influenzati dai dialetti nuoresi di cui conservano diverse caratteristiche (abba, limba, gasi) e la finale singolare in -e (angione, margiane, pastore). Il gerundio cambia in -ndo, e si presenta l'assimilazione di -nd- (pappando>pappanno, torrando>torranno, faendo>faenno); caratteristico di questa zona è il passaggio di -ll->-g- (fillu>figiu, ollu>ogiu) e -r->-l- (bertula>beltula, parti>palti, borta>bolta) e come in Ogliastra -x->-g- (dexe>dege, gruxi>grugi).

Barbaricino meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto della Barbagia di Seulo (Seulo, Seui, Sadali, Esterzili, Ussassai), Gadoni e Villanova Tulo, presenta la base linguistica tipica del campidanese ed è caratterizzato in alcuni paesi dal gerundio in -endu (marrendu, proendu) e come nel resto della Barbagia il passaggio di -s->-r- (is domus>ir domus, is manus>ir manus).

Sarrabese[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto dell'alto Sarrabus (Villaputzu, San Vito e Muravera) e del Gerrei orientale (Ballao, Armungia e Villasalto) presenta invece fenomeni fonetici particolari tra cui i colpi di glottide /ʔ/ per la pronuncia di -l- e -n- (soli>sohi, pani>pahi, cani>cahi) e -rt->-tt- (morti>motti).

Campidanese occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Il campidanese occidentale o rustico parlato nel Medio Campidano (San Gavino Monreale, Gonnosfanadiga, Villacidro, Guspini, Sanluri, Sardara, Pabillonis), nel Fluminese (Fluminimaggiore, Buggerru), nella Marmilla (Barumini, Tuili, Genoni in parte a Mandas), in parte nel Gerrei e nel basso Sarrabus, nella Trexenta, in parte del Sarcidano, nel Parteolla fino al Basso Campidano (Serrenti, Villasor, Serramanna, Siliqua, Nuraminis, Assemini) presenta caratteristiche fonetiche come l'elisione della -l- (soli>soi, celu>ceu, teula>teua, callenti>caenti), metafonesi, nasalizzazioni, contrazioni vocaliche e, come nell'oristanese, della -n- (cani>cãi, pani>pãi); in alcune aree (Marmilla, Medio Campidano, Trexenta) -l->-b- (soli>sobi, teula>teba, portali>potabi, faula>faba, ilixi>ibixi) e -c->-tz- (citadi>tzitadi, certu>tzertu, ma bèciu); gerundio in -endi o -endu (andendi, torrendi, andendu, torrendu).

Cagliaritano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dialetto cagliaritano.

Il cagliaritano (casteddaju) o campidanese comune o cittadino (parlato a Cagliari e nell'area metropolitana fino a Sinnai, Maracalagonis, Settimo San Pietro, sulla fascia costiera a Capoterra, Sarroch, Villa San Pietro, Pula, Domus de Maria, Teulada e a Villamassargia, Domusnovas, Musei, Iglesias, Gonnesa, Portoscuso e Carbonia) è spesso adottato come modello di riferimento ed è base del campidanese letterario; tra le caratteristiche fonetiche -d->-r- (giogadori>giogarori, meda>mera); La fascia costiera (escluse le città di Cagliari e Teulada) presenta per ipercorrezione il raddoppio di -l- e -n- (soli>solli, celu>cellu, luna>lunna, manu>mannu, cani>canni, pani>panni).

Sulcitano[modifica | modifica wikitesto]

Il sulcitano (Giba, Masainas, Narcao, Nuxis, Perdaxius, Piscinas, San Giovanni Suergiu, Sant'Antioco, Sant'Anna Arresi, Santadi, Tratalias, Villaperuccio) come nel cagliaritano mostra -d->-r- (meda>mera, beridadi>berirari), presenta -tz->-c- (betza>bècia, petza>pècia, martzu>màrciu, chitzi>chici, putzu>pùciu, pratza>pràcia, cratzonis>cracionis), conservazione di -n- (luna, manu, cani), la -l- in posizione intervocalica nella sillaba finale dei sostantivi tende a decadere (teula>teua, faula>faua, bertula>bertua, sali>sai, malu>mau, soli>soi), trasformazione della -l- in -r- (calai>carai, scolai>scorai, olia>oria), la -r- contenuta nella sillaba finale di molti sostantivi tende a decadere (giogarori>giogaroi, perirori>periroi, crobetori>crobetoi), nei sostantivi che terminano in -rgiu-/-rgia- si ha la trasformazione di -rg- in -x- (orgiu>orxu, arruargiu>arruaxu, argia>arxa).

La variante alto oristanese, barbaricina e alto ogliastrina sono riconducibili alla Limba de mesania (Lingua di mezzo) in quanto conservano elementi tipici del campidanese con forti influssi linguistici logudoresi e nuoresi.

Alcune regole di fonosintassi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lingua sarda § Fonosintassi.

Una delle principali complicanze, sia per chi si approcci a tale variante linguistica sia per chi, pur sapendola parlare, non la sa scrivere, è la differenza fra scritto (qualora si voglia seguire un'unica forma grafica) e parlato data da specifiche regole che mutano il suono all'inizio od alla fine di una parola, a seconda di quello presente nella parola precedente o successiva. Per tale ragione, è importante menzionarne almeno qualcuna in questa voce.

Sistema vocalico[modifica | modifica wikitesto]

Vale quanto detto nella voce principale.

Sistema consonantico[modifica | modifica wikitesto]

Incontro di consonanti fra due parole[modifica | modifica wikitesto]

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Verbo essere, indicativo presente[modifica | modifica wikitesto]

io sono deu seu/soi
tu sei tui ses
egli/ella è issu/issa est
noi siamo nosu seus
voi siete bosatrus seis
essi/esse sono issus/issas funt/fuint

Verbo avere, indicativo presente[modifica | modifica wikitesto]

io ho deu apu (anche tengiu/tengu)
tu hai tui as (anche tenis)
egli/ella ha issu/issa at (anche tenit)
noi abbiamo nosu eus/aus (anche teneus)
voi avete bosatrus eis/ais (anche teneis)
essi/esse hanno issus/issas ant (anche tenint)

Numeri cardinali[modifica | modifica wikitesto]

1 unu
2 duus
3 tres
4 cuatru/batru
5 cincu/chimbi
6 ses
7 seti
8 otu
9 noi
10 dexi/deghi
11 undixi/undighi
12 do(i)xi/doighi
13 tre(i)xi/treighi
14 catordixi/battordighi
15 cuindixi/bindighi
16 se(i)xi/seighi
17 dexaseti/deghiseti
18 dex(i)otu/deghiotu
19 dexannoi/deghinnoi
20 binti
21 bintunu
22 bintiduus
30 trinta
40 cuaranta/baranta
50 cincuanta/chimbanta
60 sessanta
70 setanta
80 otanta
90 noranta
100 centu
101 centu e unu
102 centu e duus
200 duxentus/dughentus
300 trexentus/treghentus
400 cuatruxentus/batrughentus
500 cincuxentus/chimbighentus
600 sexentus/seighentus
700 setixentus/setighentus
800 otuxentus/otighentus
900 noixentus/noighentus
1.000 milli
2.000 duamilla
3.000 tremilla
4.000 cuatrumilla
5.000 cincumilla
6.000 seimilla
7.000 setimilla
8.000 otumilla
9.000 noimilla
10.000 deximilla
1.000.000 unu milioni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stima su un campione di 2715 interviste: Anna Oppo, Le lingue dei sardi
  2. ^ Maurizio Virdis Plasticità costruttiva della frase sarda (e la posizione del soggetto)", Rivista de filologia romanica, 2000
  3. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  4. ^ a b La lingua sarda : Storia, spirito e forma Archiviato il 18 gennaio 2012 in Internet Archive., Max Leopold Wagner, a cura di Giulio Paulis, Nuoro 1997, p.41
  5. ^ Lista degli standard ISO 639 dal sito iso.org
  6. ^ Grammatica sarda Archiviato l'11 gennaio 2012 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4227216-6 · BNF (FRcb12196332c (data)