Arzana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arzana
comune
Arzana – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Nuoro-Stemma.png Nuoro
Amministrazione
Sindaco Marco Melis (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate 39°55′N 9°32′E / 39.916667°N 9.533333°E39.916667; 9.533333 (Arzana)Coordinate: 39°55′N 9°32′E / 39.916667°N 9.533333°E39.916667; 9.533333 (Arzana)
Altitudine 672 m s.l.m.
Superficie 162,49 km²
Abitanti 2 430[1] (30-4-2017)
Densità 14,95 ab./km²
Comuni confinanti Aritzo, Desulo, Elini, Gairo, Ilbono, Jerzu, Lanusei, Seui, Seulo, Tortolì, Villagrande Strisaili, Villaputzu
Altre informazioni
Cod. postale 08040
Prefisso 0782
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 091002
Cod. catastale A454
Targa NU
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona D, 1 683 GG[2]
Nome abitanti arzanesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Arzana
Arzana
Arzana – Mappa
mappa del comune di Arzana all'interno della provincia di Nuoro
Sito istituzionale

Arzana (Àrthana in sardo[3]) è un comune di 2 430 abitanti[1] della provincia di Nuoro.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Arzana sorge a circa 670 m sul livello del mare, e raggiunge gli 800 m nella parte alta del paese. Dall'abitato si scorge Tertenia, in direzione di Cagliari, come anche il monte Idolo e la piana ogliastrina con una visuale panoramica del mar Tirreno nel tratto del golfo di Arbatax. La parte più montuosa del territorio è occupata in buona parte da boschi di leccio e quercia da sughero, piante largamente diffuse nelle zone interne della provincia ogliastrina. Nel comune di Arzana è posta la vetta più alta della Sardegna: punta la Marmora, e con essa raggiunge la sua maggiore escursione altimetrica (0-1834m).

Il clima è piuttosto freddo con inverni rigidi ed estati miti, numerose le precipitazioni (spesso a carattere nevoso).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nuraghe Ruinas

Nel territorio di Arzana si trovano numerose testimonianze dell'età nuragica, quando l'area era popolata da tribù degli Iliensi. Il villaggio di Ruinas, posto nel cuore del Gennargentu, è il più importante monumento archeologico del paese. Altre tracce di popolazioni che hanno abitato il territorio del Gennargentu note sono le rovine di Bidda Silisè, Cortes de Maceddu, Adana.

Durante il medioevo Arzana era una villa (bidda in lingua sarda) del giudicato di Cagliari. Apparteneva alla curatoria dell'Ogliastra.

Dopo la distruzione di questo stato, avvenuta nel 1258 ad opera dei pisani e dei loro alleati sardi, l'Ogliastra, e quindi anche Arzana, divenne un possedimento di Giovanni Visconti, che era anche giudice di Gallura. Sul finire del XIII secolo, caduti in disgrazia i Visconti di Pisa, i possedimenti appartenenti a questa famiglia passarono sotto l'amministrazione diretta dalla Repubblica di Pisa, mentre nel 1297 il papa concesse ai re d'Aragona la corona del Regno di Sardegna e Corsica.

Durante il periodo della conquista aragonese della Sardegna l'ammiraglio Francesco Carroz intervenne sulla costa ogliastrina per scacciare i pisani dalle fortificazioni costiere fin dal 1324, anno successivo a quello dello sbarco in Sardegna dell'infante Alfonso. Berengario Carroz divenne il primo conte di Quirra e dell'Ogliastra. Secondo Vittorio Angius (che ne parla nel Dizionario degli Stati Sardi) questi possedeva la villa di Arzana nel 1355. In seguito i paesi dell'Ogliastra rimasero sotto la signoria delle varie casate che si alternarono nel possesso del sistema di feudi detto Marchesato di Quirra o Chirra. L'ultima famiglia di feudatari di Arzana fu quella degli Osorio-Nules, che nel 1839, nell'ambito dell'abolizione dei diritti feudali, avvenuta all'epoca in Sardegna, rinunciarono ai loro diritti sul paese in cambio di una indennità.

Il periodo a cavallo tra XVI e XVII secolo fu segnato dalla lotta per il possesso del territorio di due villaggi abbandonati, Silisè e Orruinas. Secondo la tradizione la popolazione di questi paesini del Gennargentu[4] più interno era stata costretta ad abbandonare i propri monti per sfuggire ad una pestilenza e solo gli arzanesi avevano dato asilo ad essa, ottenendo il diritto di unire i pascoli di Silisè e Orruinas ai propri. La comunità di Desulo, una villa demaniale, che sorgeva vicino al territorio, contestava questo diritto e cercò di opporsi sia per vie legali, intentando una serie di cause contro la villa di Arzana, sia per vie di fatto. Secondo lo storico locale Flavio Cocco solo nel 1691 i confini tra Arzana e Desulo furono fissati in modo definitivo.

Nel 1807 Arzana entrò a far parte della provincia d'Ogliastra e dal 1821 al 1859 appartenne a quella di Lanusei. Durante questo periodo ebbe il ruolo di capoluogo del Mandamento che comprendeva i comuni di Lanusei, Ilbono, Elini e Villagrande. Anche nel XVIII sec., prima dell'istituzione delle prefetture, il paese era stato sede del Maggiore di Giustizia, un organo dell'amministrazione feudale, di derivazione giudicale, competente per questo gruppo di comuni. Nel 1900 Arzana diede i natali al pittore Stanis Dessy e al politico Anselmo Contu, primo presidente del Consiglio regionale sardo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[6] al 31 dicembre 2015 la popolazione straniera residente era di 19 persone (0,77%). Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata ad Arzana è il campidanese ogliastrino.

Persone legate ad Arzana[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale comprende anche l'isola amministrativa di Accettori, avente una superficie di 27,22 km².

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è attraversato dalla ferrovia Mandas-Arbatax dell'ARST, dal 1997 utilizzata esclusivamente per il servizio turistico Trenino Verde. Tre le stazioni presenti nel comune: quella di Arzana, ubicata a sud-ovest del centro abitato, rappresenta lo scalo di riferimento per il paese; sono inoltre comprese nel territorio comunale la stazione di Villagrande, al servizio principalmente della limitrofa Villagrande Strisaili, e quella di Sella Elecci, nelle campagne a nord-est dell'abitato. Tutti e tre gli scali sono utilizzati principalmente tra la primavera e l'autunno, con un impiego quasi quotidiano durante l'estate.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Francesco Piras lista civica Sindaco [7]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Marco Melis lista civica Sindaco [8]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Marco Melis lista civica "Insieme per Arzana Sindaco [9]
31 maggio 2015 - Marco Melis lista civica "Insieme per Arzan@" Sindaco [10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 42.
  4. ^ Occorre comunque precisare che la località di "Gennargentu" è indicata in una carta dello stato piemontese del 1753 dell'Accademia reale di scienze, la cosiddetta carta conosciuta come "Carta degli Ingegneri Piemontesi" Le Rouge (1753), come un paese allora ancora abitato. Si tratta proprio di Orruinas e Silisè. La date di cessazione risultanti per questi paesi nella bibliografia è molto probabilmente quella della soppressione delle parrocchie. In questa carta sono presenti inoltre alcuni paesi barbaricini oggi scomparsi di: Torpè (a Galtellì), Isalle e Iloghe (scritto Salleiloj a Dorgali), Locoe (a Orgosolo), Siddie (scritto Ussirie a Urzulei), Mannurri (a Urzulei), Orcada (agro di Ollolai), Oleri (a Ovodda), Espasulè (a Sorgono), Tovuda (a Osini), Bortziocoro (a Burgos), Ruinas e Silisè (scritto Gennargentu a Arzana) ecc.
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ [1]
  7. ^ Comunali 16/04/2000, Ministero dell'interno.
  8. ^ Comunali 08/05/2005, Ministero dell'interno.
  9. ^ Comunali 30/05/2010, Ministero dell'interno.
  10. ^ Comunali 31/05/2015, Ministero dell'interno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario Geografico, Storico, Statistico, Commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, compilato per cura del Prof. G. Casalis, Torino 1833, voce: Lanusei, Provincia.
  • Enciclopedia La Sardegna, a cura di M. Brigaglia, Ed. della Torre, Cagliari 1994.
  • F. Cocco, Dati Relativi alla Storia dei Paesi della Diocesi d'Ogliastra, Ed. T.E.A. Cagliari 1987.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna