Perdasdefogu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di Massimo Carlotto (2008), vedi Perdas de Fogu.
Perdasdefogu
comune
(IT) Perdasdefogu
(SC) Foghesu
Perdasdefogu – Stemma
Scorcio dell'abitato
Scorcio dell'abitato
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Nuoro-Stemma.png Nuoro
Amministrazione
Sindaco Mariano Carta (lista civica) dall'11/06/2012
Territorio
Coordinate 39°41′N 9°26′E / 39.683333°N 9.433333°E39.683333; 9.433333Coordinate: 39°41′N 9°26′E / 39.683333°N 9.433333°E39.683333; 9.433333
Altitudine 600 m s.l.m.
Superficie 77,75 km²
Abitanti 1 957[1] (31-12-2015)
Densità 25,17 ab./km²
Comuni confinanti Escalaplano, Seui, Ulassai, Villaputzu
Altre informazioni
Cod. postale 08046
Prefisso 0782
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 105014
Cod. catastale G445
Targa NU
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti foghesi, foghesini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Perdasdefogu
Perdasdefogu
Posizione del comune di Perdasdefogu nella ex provincia dell'Ogliastra
Posizione del comune di Perdasdefogu nella ex provincia dell'Ogliastra
Sito istituzionale

Perdasdefogu (Foghesu in sardo) è un comune italiano di 1.957 abitanti situato nella provincia di Nuoro a 600 m s.l.m.
Nel suo territorio ha sede il Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze del Salto di Quirra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Perdasdefogu è una parola composta da altre tre: "Perdas de fogu" che in lingua sarda significa "Pietre da fuoco". Il riferimento è alle pietre calcaree utilizzate per le fornaci da calce.[2]

Gli abitanti, nella loro lingua, chiamano il centro abitato con il nome "Foghesu", aggettivo riferito a fogu (il fuoco) e che significa fornace.[2] Da quest'ultimo deriva il nome degli abitanti stessi, per i quali si usano i termini "foghesu" (masch. sing.), "foghesa" (femm. sing.), "foghesus" (masch. plur.) e "foghesas" (femm. plur.).

Gli abitanti, in italiano, si chiamano "foghesi" o "foghesini".

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi di interesse naturalistico[modifica | modifica wikitesto]

Dalla scuola di speleologia del Gruppo Grotte Ogliastra è possibile visitare la diaclasi di "Is Tapparas" che dà il nome al CEAS (Centro di educazione ambientale Sostenibile) del nodo provinciale Infea gestito dal Gruppo Grotte Ogliastra per conto del comune. Nei locali della sede sociale e del Ceas è visitabile una mostra permanente di: fauna sarda , minerali, fossili, insetti, rocce, conchiglie ed elaborazioni artistiche provenienti dal 1º simposio internazionale di ceramica. Nel territorio sono presenti le grotte di Is Angurtidorgius.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Longevità[modifica | modifica wikitesto]

Il paese, insieme a quelli di Arzana e Villagrande Strisaili della zona ogliastrina, vanta numerosi casi di longevità tra i suoi abitanti, con un numero elevato di ultranovantenni. Emblematico è il fatto che la famiglia più longeva al mondo provenga da questo comune[4][5][6]: la capostipite Consola Melis nel 2014 ha raggiunto i 107 anni seguita da 8 fratelli ultranovantenni e ultraottantenni per un totale di 828 anni[7], anche la sorella Claudia ha compiuto nel 2014 101 anni.

Murale a Perdasdefogu

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Folklore[modifica | modifica wikitesto]

Il costume di Perdasdefogu, sia maschile che femminile, è stato ricostruito prendendo a modello gli ultimi esemplari rimasti che risalgono alla fine dell'Ottocento e ai primi del Novecento; è dunque una riproduzione fedele di quelli indossati in passato dai foghesini, e utilizzata oggi dai membri del gruppo folk Pro Loco "Silvana Coni". I colori dei tessuti ricordano quelli della campagna che circonda il paese; lo scialle del costume femminile è pazientemente ricamato a mano e la gonna è finemente pieghettata. Un particolare risalto all'abito maschile, viene dato da un grande mantello in orbace,(Su Saccu 'e coddusu) riportato alla luce nell'inverno 2010. Il repertorio musicale ripropone quelli che sono gli aspetti del mondo agricolo, pastorale, tipici dell'Ogliastra, così come sono stati tramandati dagli anziani.

Persone legate a Perdasdefogu[modifica | modifica wikitesto]


Il costume tradizionale

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Rioni[modifica | modifica wikitesto]

Nomi di alcuni rioni e località di Perdasdefogu: Piss'e Taccu, S'Argidda, Perd'e Palassiu, Sa Mura Gessa, S'Antonalai, S'Orgioledda, Su Cuccuru 'e sa Furca, Is Orgiolas, Su Mont' 'e s'Argidda, Sa Serra, Maraidda, Santu Serbestianu, Sant'Arbara, Su Cungiau de is Morus, Frummini, Funtana 'e Mariarraspa, Abbamessi, Su Runcu, Su Tacch'e s'Olu, il Nuraghe Sa Domu è S'Orku, Martinusala, Sa peddi e cani, Tueri, Arruin'e puligi, Fumia.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio della città è S.S. Perdasdefogu che gioca nel girone C sardo di 1ª Categoria. È nata nel 1969. I colori sociali sono il bianco ed il celeste.

La Società Sportiva Taekwondo Sport Perdasdefogu è nata nel 1987. Con oltre 20 medaglie conquistate a livello Nazionale, nel 2009 ha conquistato una medaglia di bronzo ai campionati Italiani con Giacomo Lai nella categoria -55 kg.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ a b Salvatore Dedola, Sentiero Sardegna, sentiero Italia, sentiero Europa. Pagina 235. Delfino Carlo Editore, 2002. ISBN 9788871382500
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ La famiglia più longeva al mondo è sarda: nove fratelli, 818 anni, in Il Messaggero.it, 21 agosto 2012. URL consultato il 4 novembre 2012.
  5. ^ Perdasdefogu, una famiglia da record. Con 818 anni è la più longeva del mondo, in L'Unione Sarda.it, 21 agosto 2012. URL consultato il 4 novembre 2012.
  6. ^ Perdasdefogu celebra la famiglia più longeva del mondo, in La Nuova Sardegna.it, 16 settembre 2012. URL consultato il 4 novembre 2012.
  7. ^ Giacomo Mameli, Famiglia da record: altre 100 candeline, in La Nuova Sardegna, 30 giugno 2013. URL consultato il 13 settembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN124525234
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna