Noragugume

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Noragugume
comune
(ITSC) Noragùgume
Noragugume – Stemma
Noragugume – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Nuoro-Stemma.png Nuoro
Amministrazione
SindacoRita Zaru (lista civica) dal 26-10-2020
Territorio
Coordinate40°13′27″N 8°55′15″E / 40.224167°N 8.920833°E40.224167; 8.920833 (Noragugume)Coordinate: 40°13′27″N 8°55′15″E / 40.224167°N 8.920833°E40.224167; 8.920833 (Noragugume)
Altitudine288 m s.l.m.
Superficie26,73 km²
Abitanti294[1] (28-2-2021)
Densità11 ab./km²
Comuni confinantiBolotana, Dualchi, Ottana, Sedilo (OR), Silanus
Altre informazioni
Cod. postale08010
Prefisso0785
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT091050
Cod. catastaleF933
TargaNU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Nome abitanti(IT) noragugumesi
(SC) noragugumesos
Patronosan Giacomo
Giorno festivo25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Noragugume
Noragugume
Noragugume – Mappa
Posizione del comune di Noragugume
all'interno della provincia

di Nuoro

Sito istituzionale

Noragugume (Noragùgume in sardo) è un comune italiano di 294 abitanti della provincia di Nuoro in Sardegna. Noragugume fa parte dell'Unione dei comuni del Marghine.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è situato in una zona collinare di tipo alluvionale, fra la catena montuosa del Marghine ed il lago Omodeo. Il territorio comunale si sviluppa tra i 141 e i 310 metri s.l.m.. L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 169 metri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo, situato nel Marghine, fu abitato dall'epoca preistorica, in particolare nel periodo prenuragico e nuragico, come dimostrato dai diversi monumenti quali il menhir di Sa Perda`e Taleri e i nuraghi di Tolinu e Irididdo. Nel periodo giudicale il nome del villaggio fu Nuracogomo e fece parte della curatoria del Marghine nel giudicato di Torres. Il centro storico dell'attuale borgo risale al XV secolo. La chiesetta di Santa Croce (Santa Rughe) ne è un'importante testimonianza.

Alla caduta del giudicato (1259) passò per breve tempo al giudicato di Arborea, ove fu inglobato nella curatoria di Parte Barigadu, e successivamente al Marchesato di Oristano. Sconfitti definitivamente gli arborensi (1478) passò sotto il dominio aragonese. Nel secolo XVIII fu compreso nel marchesato del Marghine, feudo prima dei Pimentel e poi dei Tellez-Giron, ai quali fu riscattato nel 1839 con l'abolizione del sistema feudale.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del Comune di Noragugume è stato concesso con il decreto del Presidente della Repubblica del 3 marzo 2005.[3]

«Semipartito troncato: il primo, d'argento, all'albero stilizzato, sradicato, con la parte legnosa al naturale, munito di sette ramoscelli, tre per parte in banda e in sbarra, uno in palo sulla sommità, fogliato di settantuno, di verde, undici foglie in ciascuno dei ramoscelli laterali, cinque foglie nel ramoscello in palo; il secondo di azzurro, alla pecora d'argento, con la testa rivolta, riposante sulla campagna di verde; il terzo di rosso, alla chiesa della Beata Vergine Maria d'Itria, con i suoi annessi, d'oro, vista in prospettiva, con il campaniletto a vela, munito di campana d'oro, chiusa e finestrata di nero, fondata nella campagna di verde e attraversante. Ornamenti esteriori da Comune.»

(D.R.P. 03.03.2005)

L'albero sradicato è l'antico simbolo del giudicato d’Arborea, risalente al XIII secolo. La pecora ricorda l'attività della pastorizia. La chiesa della Beata Vergine d'Itria, la cui devozione è molto sentita dalla popolazione, è di impianto gotico catalano e risale al 1623.[4]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Noragugume è quella logudorese centrale o comune.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 16 aprile 2000 Antonello Spada lista civica Sindaco [6]
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Michele Corda lista civica Sindaco [7]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Michele Corda lista civica Sindaco [8]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Michele Corda lista civica "Insieme per Noragugume" Sindaco [9]
31 maggio 2015 26 ottobre 2020 Federico Pirosu lista civica "Insieme per Noragugume" Sindaco [10]
26 ottobre 2020 in carica Rita Zaru lista civica "Ripartiamo insieme" Sindaco [11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Emblema del Comune di Noragugume (Nuoro), su presidenza.governo.it, Governo Italiano, Ufficio Onorificenze e Araldica, 2005. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  4. ^ Breve cenno storico. Lo stemma, su comune.noragugume.nu.it, Comune di Noragugume. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Comunali 23/04/1995, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  7. ^ Comunali 16/04/2000, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  8. ^ Comunali 08/05/2005, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  9. ^ Comunali 30/05/2010, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  10. ^ Comunali 31/05/2015, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  11. ^ Comunali 25/10/2020, su elezioni.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 14 novembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna