Silanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silanus
comune
Silanus – Stemma Silanus – Bandiera
Silanus – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Nuoro-Stemma.png Nuoro
Amministrazione
Sindaco Gian Pietro Arca (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate 40°17′16″N 8°53′25″E / 40.287778°N 8.890278°E40.287778; 8.890278 (Silanus)Coordinate: 40°17′16″N 8°53′25″E / 40.287778°N 8.890278°E40.287778; 8.890278 (Silanus)
Altitudine 432 m s.l.m.
Superficie 47,94 km²
Abitanti 2 163[1] (31-7-2016)
Densità 45,12 ab./km²
Comuni confinanti Bolotana, Bortigali, Dualchi, Lei, Noragugume
Altre informazioni
Cod. postale 08017
Prefisso 0785
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 091083
Cod. catastale I730
Targa NU
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti silanesi
Patrono sant'Antonio abate
Giorno festivo 17 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Silanus
Silanus
Silanus – Mappa
Posizione del comune di Silanus
all'interno della provincia di Nuoro
Sito istituzionale

Silanus (Silanos in sardo) è un comune italiano di 2 163 abitanti[1] della provincia di Nuoro. Fa parte del GAL Marghine, uno dei 13 gruppi di azione locali attivati in Sardegna con la programmazione europea del FEASR, e della rete dei "Borghi autentici d'Italia", una rete nazionale alla quale aderiscono oltre duecento piccoli e medi comuni, enti territoriali ed organismi misti di sviluppo locale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Sorge su una collina a 432 metri sul livello del mare su un territorio di circa 48 km² che comprende la parte centrale della catena del Marghine.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Il paese è stato studiato da scienziati di tutto il mondo per la particolare longevità della sua popolazione: è infatti straordinaria la concentrazione di ultracentenari di entrambi i sessi[3]. Nel 2004 è stato citato sul National Geographic in quanto in quel periodo vi risiedevano ben 7 centenari (fra cui due fratelli entrambi di 103 anni) su una popolazione complessiva di 2300 abitanti.

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Silanus è quella logudorese centrale o comune.

Tradizione e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • Sant'Antonio Abate il 17 gennaio
  • San Lorenzo Martire il 10 agosto
  • San Bartolomeo 1ª Settimana di settembre
  • Santa Sabina 2ª Settimana di settembre
  • Santa Maddalena - 21 luglio
  • Sant'Isidoro - prima metà maggio
  • San Giovanni - fuochi rionali - 23 giugno

Persone legate a Silanus[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Treno dell'ARST in sosta nella fermata di Silanus

Presente nel comune la stazione di Silanus, una fermata ferroviaria posta lungo la linea Macomer-Nuoro, servita dai treni dell'ARST che permettono il collegamento in particolare con i due centri capolinea.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
27 aprile 1997 13 maggio 2001 Mario Antonio Attene liste civiche di centro-sinistra Sindaco [4]
13 maggio 2001 28 maggio 2006 Mario Antonio Attene sinistra Sindaco [5]
28 maggio 2006 15 maggio 2011 Luigi Morittu lista civica Sindaco [6]
15 maggio 2011 5 giugno 2016 Luigi Morittu lista civica "Silanus in Movimento" Sindaco [7]
5 giugno 2016 - Gian Pietro Arca lista civica "Uniti per Silanus" Sindaco [8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2016.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 18-02-2014.
  3. ^ Fonte: La Nuova Sardegna, 12 settembre 2007
  4. ^ Comunali 27/04/1997, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  5. ^ Comunali 13/05/2001, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  6. ^ Comunali 28/05/2006, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  7. ^ Comunali 15/05/2011, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  8. ^ Comunali 05/06/2016, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN238750334
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna