Torpè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo santo pisano, vedi Torpete.
Torpè
comune
(ITSC) Torpè
Torpè – Stemma Torpè – Bandiera
Torpè – Veduta
Torpè – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Nuoro-Stemma.png Nuoro
Amministrazione
SindacoMartino Giovanni Sanna (lista civica) dal 26-10-2020
Territorio
Coordinate40°37′39.83″N 9°40′41.61″E / 40.627731°N 9.678226°E40.627731; 9.678226 (Torpè)
Altitudine24 m s.l.m.
Superficie91,5 km²
Abitanti2 733[1] (28-2-2021)
Densità29,87 ab./km²
FrazioniConcas, Talavà, Su Cossu, Sos Rios, Brunella
Comuni confinantiBudoni (SS), Lodè, Padru (SS), Posada, San Teodoro (SS), Siniscola
Altre informazioni
Cod. postale08020
Prefisso0784
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT091094
Cod. catastaleL231
TargaNU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Nome abitanti(IT) torpeini
(SC) torpeinos
PatronoNostra Signora degli Angeli
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Torpè
Torpè
Torpè – Mappa
Torpè – Mappa
Posizione del comune di Torpè
all'interno della provincia

di Nuoro

Sito istituzionale

Torpè (Torpè in sardo) è un comune italiano di 2 733 abitanti della provincia di Nuoro. Situato sulla costa nord-orientale della Sardegna ha 92,30 km² di superficie territoriale e confina con i comuni di San Teodoro e Buddusò a nord, con quelli di Budoni e Posada a est, con quello di Lodè ad ovest e con quello di Siniscola a sud.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu abitata già in epoca prenuragica, per la presenza sul territorio di alcune domus de janas e di tombe dei giganti. Nel territorio comunale sono presenti anche vari nuraghi risalenti all'età del bronzo, fra cui il nuraghe San Pietro.

Nella documentazione medioevale (XII secolo) l'abitato figurava come Torpè di Posada, facente parte del giudicato di Gallura, curatoria di Posada.

In seguito alla conquista aragonese assorbì gli abitanti dei villaggi vicini andati distrutti e fu incorporato nella baronia di Posada, di cui divise le sorti, finché nel XVII secolo venne unito alla contea di Montalvo, feudo dei Masones Nin.

Il paese fu coinvolto successivamente, nel XVIII secolo, dalla colonizzazione degli abitanti di Buddusò, che si stabilirono nel suo territorio fondando le frazioni di Brunella, Talavà e Su Cossu[3].

Il paese venne riscattato all'ultimo feudatario, la marchesa Marianna Nin Zatrillas, nel 1839 con l'abolizione del sistema feudale, quando divenne un comune amministrato da un sindaco e da un consiglio comunale.

Il 18 novembre 2013 il paese è stato colpito da una violenta alluvione, dovuta al passaggio nella Sardegna nord-orientale del ciclone Cleopatra, che ha causato la morte di una donna.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Torpè sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 19 ottobre 2011.[4]

«Stemma partito semitroncato: il primo, di azzurro, all'albero di arancio, di verde, fustato al naturale, fruttato di quattordici, di rosso, nodrito nella campagna di verde; il secondo, di rosso, al braccio destro movente dal fianco sinistro, armato di argento, con la mano di carnagione, impugnante la palma di verde, posta in sbarra alzata; il terzo, d'oro, alla campana di rosso, legata di azzurro. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone è un drappo di giallo.

La bandiera, concessa con D.P.R. del 10 febbraio 2015 [5], è un drappo di giallo con la bordatura di azzurro, caricato dallo stemma comunale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Torpè, frazione Concas, chiesa di San Giuseppe

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di Sant'Antonio Abate
  • Chiesa di Nostra Signora degli Angeli

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Nuraghi del territorio di Torpè.

Luoghi di interesse naturalistico[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Torpè ricade una parte del territorio del Parco naturale regionale di Tepilora, Sant'Anna e Rio Posada che comprende la foresta demaniale di Usinavà.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera era di 113 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Torpè è quella logudorese centrale o comune.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 novembre 1994 9 giugno 1996 Graziella Deledda indipendente sindaco [7]
10 giugno 1996 16 aprile 2000 Roberto Capra liste civiche di centro-sinistra sindaco [8]
17 aprile 2000 8 maggio 2005 Metodio Dalu liste civiche di centro-sinistra sindaco [9]
9 maggio 2005 30 maggio 2010 Emanuele Buccheri lista civica sindaco [10]
31 maggio 2010 31 maggio 2015 Antonella Dalu lista civica "Sardegna con Ramo d'Ulivo" sindaco [11]
31 maggio 2015 26 ottobre 2020 Omar Cabras lista civica "Paris" sindaco [12]
26 ottobre 2020 in carica Martino Giovanni Sanna lista civica "Torpè noa" sindaco [13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Dizionario Angius-Casalis , Torpè
  4. ^ Torpè (Nuoro) D.P.R. 19.10.2011 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 23 luglio 2022.
  5. ^ Torpè (Nuoro) D.P.R. 10.02.2015 concessione della bandiera comunale, su presidenza.governo.it. URL consultato il 23 luglio 2022.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Comunali 20/11/1994, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  8. ^ Comunali 09/06/1996, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  9. ^ Comunali 16/04/2000, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  10. ^ Comunali 08/05/2005, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  11. ^ Comunali 30/05/2010, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  12. ^ Comunali 31/05/2015, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  13. ^ Comunali 25/10/2020, su elezioni.interno.gov.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 14 novembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna