Escalaplano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Escalaplano
comune
Escalaplano – Stemma Escalaplano – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoMarco Lampis (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate39°37′N 9°21′E / 39.616667°N 9.35°E39.616667; 9.35 (Escalaplano)Coordinate: 39°37′N 9°21′E / 39.616667°N 9.35°E39.616667; 9.35 (Escalaplano)
Altitudine338 m s.l.m.
Superficie94,04 km²
Abitanti2 173[2] (31-7-2017)
Densità23,11 ab./km²
Comuni confinantiBallao, Esterzili, Goni, Orroli, Perdasdefogu (NU), Seui, Villaputzu
Altre informazioni
Cod. postale09051
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111018
Cod. catastaleD430
TargaSU[1]
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantiescalaplanesi
Patronosan Sebastiano
Giorno festivo20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Escalaplano
Escalaplano
Escalaplano – Mappa
Posizione del comune di Escalaplano
nella provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Escalaplano (Scalepranu in sardo) è un comune italiano di 2 173 abitanti della provincia del Sud Sardegna, che si trova a 338 metri di altitudine sul livello del mare.

Fino al 2006 faceva parte della provincia di Nuoro, e da allora sino al 2016 fece parte della provincia di Cagliari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu abitata già in epoca prenuragica per la presenza di alcune domus de janas, in epoca nuragica per la presenza nel territorio di alcuni nuraghi, e in epoca romana per la presenza di alcune rovine.

Nel Medioevo appartenne al giudicato di Cagliari e fece parte della curatoria di Siurgus. Alla caduta del giudicato (1258) passò sotto il dominio pisano e successivamente (1323) sotto il dominio aragonese, feudo di Berengario Carroz. Nel 1604 fu annesso al ducato di Mandas, feudo prima dei Maza e poi dei Tellez-Giron, ai quali fu riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigla provvisoria definita dal Consiglio di Stato con parere n° 1264 del 30 maggio 2017, in attesa di recepimento nella tabella allegata al Regolamento del codice della strada
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2017.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna