Uras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uras
comune
Uras – Stemma Uras – Bandiera
Uras – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
Sindaco Anna Maria Dore (lista civica) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate 39°42′N 8°42′E / 39.7°N 8.7°E39.7; 8.7 (Uras)Coordinate: 39°42′N 8°42′E / 39.7°N 8.7°E39.7; 8.7 (Uras)
Altitudine 23 m s.l.m.
Superficie 39,24 km²
Abitanti 2 844[1] (28-2-2017)
Densità 72,48 ab./km²
Comuni confinanti Marrubiu, Masullas, Mogoro, Morgongiori, San Nicolò d'Arcidano, Terralba
Altre informazioni
Cod. postale 09099
Prefisso 0783
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 095069
Cod. catastale L496
Targa OR
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti uresi
Patrono santa Maria Maddalena
Giorno festivo 22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Uras
Uras
Uras – Mappa
Posizione del comune di Uras all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Uras (Uras in sardo[2]) è un comune italiano di 2 844 abitanti[1] della provincia di Oristano in Sardegna.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale confina a nord-ovest con quelli di Marrubiu e Terralba, a nord-est con Morgongiori, a est con Masullas, a sud-est con Mogoro e a sud-ovest con San Nicolò d'Arcidano.

Uras, posto a un'altitudine di 23 metri sul livello del mare, si trova ai piedi del monte Arci, a circa 67 km a nord ovest di Cagliari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo rientra nella serie di designazioni locali sarde che riflettono una base “ur”, ‘acqua', e il termine “urium”, ‘acqua fangosa'. Non si hanno notizie a suo riguardo, se non quelle riguardanti la sua origine, risalente al periodo prenuragico, data la vicinanza al monte Arci, la cui ricchezza di ossidiana doveva aver richiamato gli abitanti delle zone vicine i quali, una volta costruito il centro, si dedicarono alla lavorazione della pietra vetrosa. Offre notevoli tracce delle varie civiltà che si sono succedute nel suo territorio e che hanno dato luogo a una straordinaria sintesi culturale: reperti del periodo neolitico; reperti dell'epoca nuragica con le torri di Arbu, Bentu Crobis, Serdis, Arrubiu, S'acqua de sa baira, i nuraghi de Cuaddus, De Santa Suia, Sa Domu Beccia, Bia Moguru, Thamis, Su Corrasi e Santu Giuanni e le tombe dei giganti. Il complesso più imponente, quello di Sa Domu Beccia, sorge a pochi metri dall'abitato: era una struttura maestosa e gigantesca, superiore al più famoso Su Nuraxi di Barumini[senza fonte]. Tra le opere architettoniche più importanti, merita di essere citata la parrocchiale di Santa Maria Maddalena, costruita in stile barocco nel 1664, su un impianto esistente.

L'alluvione del 2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 novembre 2013 il paese di Uras è stato uno tra i paesi più colpiti dal violento nubifragio, causato dal ciclone Cleopatra, che ha interessato anche altre grandi zone della Sardegna. In quella data quasi tutto il paese venne sommerso dall'acqua, a causa dell'esondazione dei due canali, situati nelle zone di San Salvatore e Sant'Antonio. Oltre agli ingenti danni causati alle case e alle campagne si registrò anche una vittima.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria Maddalena[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale dedicata a santa Maria Maddalena è un edificio imponente, la cui costruzione nell'aspetto attuale iniziò nel 1664 e terminò intorno al 1682 con la facciata che doveva imitare la cattedrale di Cagliari. La facciata venne poi modificata nel 1715 e nel 1724, quando alla destra del prospetto principale venne eretto il campanile a canna quadra a due ordini, cui si sovrappongono la cella campanaria, il terminale ottagono con orologio ed il cupolino terminato nel 1752. L'interno, con volta a botte piuttosto alta (probabilmente realizzata intorno al 1775) è a quattro campate, con sottarchi in pietra poggianti su un'alta cornice dentellata.

Il campanile della chiesa di Santa Maria Maddalena

Chiesa di Sant'Antonio da Padova[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, in cui si svolge una delle feste più sentite, sorge all'estremità occidentale del paese. La facciata è sormontata da un campanile a vela con 2 arcate a sesto acuto. All'interno si accede attraverso un ampio portico addossato alla navata, con larghi archi in pietra e mensole che un tempo reggevano una copertura lignea. Il muro di fondo è dominato dall'altare in pietra suddiviso da 4 lesene: le due interne sono decorate a fogliame con rilievo piatto. Tutto l'insieme è poi diviso in orizzontale da una doppia trabeazione (ovvero il complesso dell'architrave, del fregio e della cornice).

La chiesa di Sant'Antonio

Chiesa di San Salvatore[modifica | modifica wikitesto]

Questa chiesa è passata alla storia per la battaglia svoltasi nelle sue vicinanze nel 1470, nella quale Leonardo Alagon riportò la vittoria contro il viceré Niccolò Carroz. Di pianta rettangolare, presenta un campanile a vela che si erge nella facciata spoglia. All'interno 4 alti e robusti pilastri sostengono una copertura su travi lignee, ai cui capi si trovano interessanti mensole in legno intagliato. Non lontano dalla chiesa si trova una struttura nuragica attualmente in fase di scavo e pietrame nuragico è anche inglobato nella struttura della stessa chiesa, il che lascia supporre che essa sia sorta su un precedente luogo di culti precristiani, probabilmente dedicati alla sacralità delle acque.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Uras è il campidanese oristanese.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Immediatamente ad est di Uras si sviluppa la SS 131, la principale strada sarda. Altri collegamenti col territorio circostante sono possibili principalmente tramite la SS 442 e con la SP 47.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Uras-Mogoro.
La stazione di Uras-Mogoro

Uras è servita dal 1872 dalla stazione di Uras-Mogoro: situata lungo la Dorsale Sarda è gestita da RFI ed è servita dai treni di Trenitalia.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ad Uras ha sede una società di tiro con l'arco, la Arcieri Uras.

Ad Uras ha sede anche una società di hockey su prato, la Juvenilia Uras che milita in Serie A1.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Toponimo ufficiale in lingua sarda ai sensi dell'articolo 10 della Legge n. 482 del 15.12.1999, adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 24.08.2010 [1]
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN132685930
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna