Simala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Simala
comune
(IT) Simàla
(SC) Simàba
Simala – Stemma
Simala – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoGiorgio Scano (lista civica) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate39°43′15.07″N 8°49′41.22″E / 39.720854°N 8.828116°E39.720854; 8.828116Coordinate: 39°43′15.07″N 8°49′41.22″E / 39.720854°N 8.828116°E39.720854; 8.828116
Altitudine155 m s.l.m.
Superficie13,38 km²
Abitanti358[1] (31-12-2010)
Densità26,76 ab./km²
Comuni confinantiBaressa, Curcuris, Gonnoscodina, Gonnosnò, Masullas, Pompu
Altre informazioni
Cod. postale09090
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095058
Cod. catastaleI742
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) simalesi
(SC) simabesus
Patronosan Nicola di Bari
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Simala
Simala
Simala – Mappa
Posizione del comune di Simala all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Simala (Simaba in sardo) è un comune italiano di 355 abitanti della provincia di Oristano in Sardegna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu abitata in epoca nuragica e romana, per la presenza nel territorio di alcune testimonianze archeologiche. Durante il medioevo appartenne al giudicato di Arborea e fece parte della curatoria di Parte Montis. Alla caduta del giudicato (1420) entrò a far parte del Marchesato di Oristano, e alla definitiva sconfitta degli arborensi (1478) passò sotto il dominio aragonese e fu incorporato nell'Incontrada di Parte Montis, divenendo un feudo dei Carroz conti di Quirra. Nel 1603 fu incorporato nel marchesato di Quirra, feudo prima dei Centelles e poi degli Osorio de la Cueva, ai quali fu riscattato nel 1839, con la soppressione del sistema feudale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Simala sono presenti alcuni resti della presenza umana del periodo nuragico e romano:

  • Nuraghe Spadua
  • Mansio Romana e villaggio medievale di Gemussi
  • Resti strada romana Neapolis-Uselis

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Simala è il campidanese occidentale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna