Uta (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uta
comune
Uta – Stemma
Uta – Veduta
La chiesa di Santa Maria
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
Città metropolitanaProvincia di Cagliari-Stemma.png Cagliari
Amministrazione
SindacoGiacomo Porcu (lista civica) dal 31/05/2015
Territorio
Coordinate39°17′N 8°57′E / 39.283333°N 8.95°E39.283333; 8.95 (Uta)Coordinate: 39°17′N 8°57′E / 39.283333°N 8.95°E39.283333; 8.95 (Uta)
Altitudinem s.l.m.
Superficie134,71 km²
Abitanti8 654[1] (31-3-2017)
Densità64,24 ab./km²
FrazioniBascus Argius, Case Minola, Is Perrizzonis, Is Prunixeddas, Santa Porada
Comuni confinantiAssemini, Capoterra, Decimomannu, Siliqua (SU), Villaspeciosa (SU)
Altre informazioni
Cod. postale09010
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT092090
Cod. catastaleL521
TargaCA
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantiutesi
Patronosanta Giusta
Giorno festivo14 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Uta
Uta
Uta – Mappa
Posizione del comune di Uta nella città metropolitana di Cagliari
Sito istituzionale

Uta[2] (Uda in sardo) è un comune italiano di 8.654 abitanti[1] della città metropolitana di Cagliari, appartenente alla regione del Campidano di Cagliari, in Sardegna.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome deriva dal latino Uda che significa "umida", "palustre".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Uta è abitato fin dall'epoca neolitica e nuragica.

Durante l'epoca giudicale, nel medioevo, il giudice di Cagliari Torchitorio I cedette la chiesa di San Genesio ai Benedettini di San Vittore di Marsiglia, che costruiranno in seguito, nelle vicinanze del villaggio, la chiesa di Santa Maria e un monastero.

Nella seconda metà del XIII secolo, dopo la fine del giudicato cagliaritano (1258), Uda fu assegnata al pisano Gherardo della Gherardesca. Nel 1324 gli Aragonesi si impadronirono del territorio che venne inglobato nella contea di Quirra.

Tra il 1365 e il 1409, durante le guerre che contrapposero il Regno di Sardegna aragonese al giudicato di Arborea, il paese fu occupato, a più riprese, dalle armate arborensi. Ritornato agli aragonesi fu nuovamenete infeudato alla famiglia Carroz che lo tenne fino al 1511.[3]

Nel corso dei secoli successivi Uta passò a diverse famiglie nobiliari iberiche. Fu riscattata nel 1839, in epoca sabauda.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il centro è conosciuto, oltre per la chiesa romanica di Santa Maria, anche per il ritrovamento, in passato, di 8 bronzetti nuragici[4] alle falde del Monte Arcosu. Il ritrovamento avvenne nel giugno del 1849, ad opera di un carpentiere, ed i bronzetti sono custoditi nel museo archeologico nazionale di Cagliari.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Uta sono presenti alcuni resti di miniere (presso Monte Arcosu), un antico sito archeologico "Su niu de su pilloni" raggiungibile dalla SP2 in direzione Carbonia sopra il colle di San Nicola. Dal colle di San Nicola è possibile avere una panoramica del paese dall'alto.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2013 la popolazione straniera residente era di 172 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Persone legate a Uta[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Le principali vie di accesso a Uta sono la SS 130 e la strada provinciale 90, entrambe passanti a nord dell'abitato, colleganti Uta con i comuni dell'Iglesiente a ovest e con vari centri del Cagliaritano ad est. A sud del paese scorre invece la SP2, che la collega ai centri del Sulcis e ad Assemini e la Dorsale Consortile che passa per Macchiareddu e la collega a Capoterra.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La fermata di Villaspeciosa-Uta, situata al confine con il comune di Villaspeciosa
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Villaspeciosa-Uta.

Il comune è servito dal 1872 dalla stazione di Villaspeciosa-Uta (in passato denominata col solo nome di Uta), situata al confine tra i due comuni in territorio di Villaspeciosa. La fermata è costruita lungo la ferrovia Decimomannu-Iglesias di RFI, ed è collegata da treni regionali Trenitalia aventi capolinea Cagliari in direzione est ed Iglesias e Carbonia ad ovest.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 16 aprile 2000 Marco Aurelio Murgia liste civiche di centro-destra Sindaco [6]
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Ignazio Soriga liste civiche di centro-sinistra Sindaco [7]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Ignazio Soriga lista civica Sindaco [8]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Giuseppe Pibia lista civica "Uta il Paese che Vogliamo" Sindaco [9]
31 maggio 2015 - Giacomo Porcu lista civica "Inversione a Uta" Sindaco [10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b {{Dato Istat|Bilancio Demografico=31 marzo 2017|autore=ISTAT}}
  2. ^ Il nome del paese deriva dal latino uda, che significa umida, pantanosa, palustre.
  3. ^ Storia di Uta
  4. ^ www.udajoss.it
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Comunali 23/04/1995, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  7. ^ Comunali 16/04/2000, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  8. ^ Comunali 08/05/2005, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  9. ^ Comunali 30/05/2010, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  10. ^ Comunali 31/05/2015, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna