Macchiareddu-Grogastu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa dello Stagno di Cagliari con l'ubicazione dell'area industriale di Macchiareddu Grogastu

Macchiareddu-Grogastu è uno dei più importanti agglomerati industriali della Sardegna meridionale, è ubicato nella piana alluvionale compresa fra lo stagno di Cagliari e il rio Santa Lucia in agro di Capoterra, e ricade nei territori comunali di Assemini, Capoterra ed Uta.

L'agglomerato industriale si estende su una superficie di circa 82 km², di cui circa 37 sono occupati da attività produttive che fanno capo ad oltre 130 imprese. L'area è gestita dal CACIP (Consorzio industriale provinciale di Cagliari), un consorzio industriale istituito con il DPR n. 1410 del 1961 e convertito in ente pubblico economico per effetto della legge n. 317 del 1991. Il CACIP gestisce inoltre le aree industriali di Sarroch e Cagliari-Elmas.

Vie di comunicazione[modifica | modifica wikitesto]

Le vie di comunicazione strettamente integrate con l'agglomerato di Macchiareddu-Grogastu sono costituite dalla rete stradale consortile, che comprende circa 35 km di strade, e dal porto canale di Cagliari. La strada principale è rappresentata da una dorsale, in buona parte a doppia carreggiata, che attraversa l'area industriale da sud a nord collegandola rispettivamente alla strada statale 195, detta Sulcitana, e alla strada provinciale 2, detta Pedemontana di cui costituisce il prolungamento fino alla Strada statale 130. Attraverso queste arterie l'agglomerato di Macchiareddu-Grogastu è collegato ai più importanti centri urbani, industriali e nodi di comunicazione del sud della Sardegna:

Le interdistanze fra l'area industriale e i suddetti siti variano in media dai 4 ai 15 km.

Infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

L'area è interessata da infrastrutture di servizio fra i quali gli elettrodotti che collegano la raffineria di petrolio della Saras al nodo di Villasor, impianti di potabilizzazione e depurazione reflui, reti idriche industriali e potabili, reti di smaltimento acque nere e bianche, rete telefonica, impianti di generazione eolica.