Ales

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ales (disambigua).
Ales
comune
(IT) Àles
(SC) Àbas
Ales – Stemma Ales – Bandiera
Ales – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoFrancesco Mereu (lista civica) dal 10-6-2018
Territorio
Coordinate39°46′N 8°49′E / 39.766667°N 8.816667°E39.766667; 8.816667 (Ales)Coordinate: 39°46′N 8°49′E / 39.766667°N 8.816667°E39.766667; 8.816667 (Ales)
Altitudine194[1] m s.l.m.
Superficie22,45 km²
Abitanti1 372[2] (30-6-2019)
Densità61,11 ab./km²
FrazioniZeppara
Comuni confinantiAlbagiara, Curcuris, Gonnosnò, Marrubiu, Morgongiori, Palmas Arborea, Pau, Santa Giusta, Usellus, Villa Verde
Altre informazioni
Cod. postale09091
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095004
Cod. catastaleA180
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona C, 1 204 GG[3]
Nome abitanti(IT) aleresi
(SC) abaresus
Patronosanti Pietro e Paolo
Giorno festivo29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ales
Ales
Ales – Mappa
Posizione del comune di Ales all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale
Cattedrale di Ales

Ales (Abas in sardo) è un comune italiano di 1 372 abitanti[2] della provincia di Oristano in Sardegna, nella regione storica della Marmilla. Ha una sola frazione: Zeppara.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Ales è un comune della Sardegna centrale, situato ai piedi del monte Arci. Il particolare territorio ha permesso di rivestitire un ruolo determinante nell'economia della Marmilla.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu abitata già dal Neolitico, per la presenza sul territorio di alcuni nuraghi.

Sede di diocesi(é una delle più piccole sedi vescovili d'Italia), nel medioevo appartenne al Giudicato di Arborea e fece parte della curatoria di Parte Usellus, della quale fu capoluogo dopo Usellus. Alla caduta del giudicato (1420) entrò a far parte del Marchesato di Oristano. Dopo la definitiva sconfitta degli arborensi nel 1478, passò sotto il dominio aragonese, e il paese fu incorporato nell'Incontrada di Parte Usellus, diventando un feudo dei Carroz. Gli aragonesi vi edificarono il castello di Barumele, che fu abbandonato nel XVI secolo e di cui restano alcuni ruderi. Nel 1603 il feudo fu incorporato nel Marchesato di Quirra, feudo dei Centelles e poi degli Osorio, ai quali fu riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale, per cui divenne un comune amministrato da un sindaco e da un consiglio comunale.

Antonio Gramsci[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è noto per aver dato i natali il 22 gennaio 1891 ad Antonio Gramsci, che qui vi trascorse i primissimi anni di vita prima di trasferirsi brevemente a Sorgono e poi per circa tredici anni a Ghilarza.[4] Il luogo preciso dove nacque Gramsci si pensò a lungo fosse una casa in corso Cattedrale mentre solo attorno al 2019 si appurò essere stato invece un altro edificio utilizzato come asilo per l'infanzia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Piazza Gramsci è una piazza di forma triangolare. È stata dedicata ad Antonio Gramsci, nativo di Ales. In effetti fu ideata e realizzata dallo scultore Giò Pomodoro, quale monumento intitolato "Piano d'uso collettivo". Il monumento è composto da un piano in pietra con inserite varie figure che richiamano episodi della vita travagliata di Gramsci e fu inaugurato dal presidente della Camera Pietro Ingrao, il 1º maggio 1977, per celebrare il quarantennale della morte del filosofo, avvenuta il 27 aprile 1937. Su alcune delle pietre sono riportate alcune parole in sardo: "sa terra" ("la terra"), "s'agua" ("l'acqua"), "su fogu" ("il fuoco"), "sa pedra" ("la pietra"), "su soli" ("il sole"), "sa luna" ("la luna"), "sa roda" ("la ruota").

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Barumele

Altri monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nuraghe Gergui
  • Nuraghe Pranu Espis

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata ad Ales è il campidanese occidentale.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Associazione Casa Natale Antonio Gramsci, in corso Cattedrale.[6] La sede dell'associazione sembra tuttavia non essere la casa dove nacque Antonio Gramsci perché ricerche condotte nel secondo decennio del XXI secolo hanno individuato tale edificio nell'ex asilo gestito da suore. La vicenda di questo falso storico iniziò nel 1947 con la lapide posta per errore sulla sede dell'associazione (che fu anche Casa del Fascio durante il ventennio) da Palmiro Togliatti, allora segretario del Partito Comunista Italiano.[7]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Gramsci nacque ad Ales. Fu tra i fondatori del Partito Comunista d'Italia nel 1921 a seguito del congresso di Livorno.

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Risultati 14º Censimento ISTAT, Istat. URL consultato il 30 aprile 2014.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Casa Museo di Antonio Gramsci, su casamuseogramsci.it. URL consultato il 30 giugno 2020.
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Associazione Casa Natale Antonio Gramsci, su casanataleantoniogramsci.org. URL consultato il 29 giugno 2020.
  7. ^ Scoperta la vera casa natale di Gramsci, su lanuovasardegna.it. URL consultato il 29 giugno 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN156268429 · GND (DE4582210-4
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna