Siamanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Siamanna
comune
Siamanna – Stemma Siamanna – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoFranco Vellio Melas (lista civica) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate39°55′09.65″N 8°45′44.99″E / 39.919348°N 8.762498°E39.919348; 8.762498 (Siamanna)Coordinate: 39°55′09.65″N 8°45′44.99″E / 39.919348°N 8.762498°E39.919348; 8.762498 (Siamanna)
Altitudine49 m s.l.m.
Superficie28,36 km²
Abitanti799[1] (30-9-2018)
Densità28,17 ab./km²
FrazioniPranixeddu
Comuni confinantiRuinas, Siapiccia, Allai, Villaurbana, Simaxis
Altre informazioni
Cod. postale09080
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095057
Cod. catastaleI718
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) siamannesi
(SC) siamannesus
PatronoSanta Lucia
Giorno festivo22 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Siamanna
Siamanna
Siamanna – Mappa
Posizione del comune di Siamanna all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Siamanna è un comune italiano di 799 abitanti della provincia di Oristano in Sardegna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è arroccato nelle vaste colline, ai piedi del monte Grighine a circa 100 metri sopra il livello del mare. Situato nella zona del Grighine, chiamata così dal monte circostante, il paese apre le porte al Barigadu. Il villaggio, è stato fondato probabilmente in epoca romana, lungo la strada che collegava Fordongianus (l'antica Forum Traiani) con Usellus (l'antica Colonia Iulia). Secondo una ipotesi molto probabile l'origine del nome della cittadina sarebbe da identificare dall'unione del termine sa ia (la strada) e manna (grande) ovvero la strada grande, che fiancheggiava anticamente l'insediamento.

Durante il Medioevo il paese di Siamanna apparteneva al Giudicato di Arborea nella Curatoria di Simaxis. Nel 1410 Siamanna passò al Marchesato di Oristano e nel 1479 venne confiscato a Leonardo di Alagon dal Regno d'Aragona. Nel 1767 Siamanna divenne nuovamente un feudo entrando a far parte del Marchesato d'Arcais istituito in favore di Damiano Nurra, un ricco possidente di Oristano che ricevette il titolo nobiliare direttamente da Carlo Emanuele III.

Nel 1821 il paese entrò a far parte prima della provincia di Oristano, e poi nel 1848 nella divisione amministrativa di Cagliari, per poi essere assegnata nel 1859 alla Provincia di Cagliari. Dopo essere diventato Comune nel Regno d'Italia, nel 1928 il governo fascista lo inglobò nel comune di Villaurbana insieme al vicino paese di Siapiccia. Nel 1947 Siamanna venne unito a Siapiccia per creare il comune di Siamanna-Siapiccia, che continuò ad esistere fino al referendum del 1975 con il quale gli abitanti del paese decretarono la creazione di Siamanna come comune a sé stante.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa di Santa Lucia è il monumento più importante della cittadina, con il campanile edificato intorno al 1745, mentre la pianta originaria della chiesa stessa risale al 1512 per opera del canonico locale Antonio Formentini. Dopo aver subito numerosi danneggiamenti nel corso dei secoli, la chiesa venne infine restaurata nel 1950.
  • La chiesa campestre di San Giovanni, ottocentesca, riaperta al culto dopo anni di abbandono.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Altri monumenti storici di interesse sono i vari nuraghi che circondano il paese; se ne contano nove:

  • Nuraghe "Santu Anni" o San Giovanni è uno dei più importanti, accanto all'omonima chiesetta campestre restaurata di recente.
  • Nuraghe Auredda
  • Nuraghe Concu
  • Nuraghe Crogana
  • Nuraghe Curreli
  • Nuraghe Monte Qua Sigu
  • Nuraghe Paba de Soli
  • Nuraghe Paiolu
  • Nuraghe Pitzu Cau

Aree di interesse naturalistico[modifica | modifica wikitesto]

Altra zona turistica in Grighine è "Sa cora e is ottus".

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Siamanna è riconducibile alla Limba de mesania

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2018.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna