Asuni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Asuni
comune
Asuni – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoGionata Petza (lista civica) dal 31-05-2015
Territorio
Coordinate39°52′18.49″N 8°56′47.31″E / 39.871804°N 8.946476°E39.871804; 8.946476 (Asuni)Coordinate: 39°52′18.49″N 8°56′47.31″E / 39.871804°N 8.946476°E39.871804; 8.946476 (Asuni)
Altitudine233 m s.l.m.
Superficie21,34 km²
Abitanti344[1] (30-4-2017)
Densità16,12 ab./km²
Comuni confinantiLaconi, Ruinas, Samugheo, Senis, Villa Sant'Antonio
Altre informazioni
Cod. postale09080
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095009
Cod. catastaleA480
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona C, 1 275 GG[2]
Nome abitanti(IT) asunesi
(SC) asunesus
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Asuni
Asuni
Asuni – Mappa
Posizione del comune di Asuni all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Asuni (Asùni in sardo[3]) è un comune italiano di 344 abitanti[1] della provincia di Oristano, in Sardegna. Il suo territorio chiude l'Alta Marmilla, confina a nord con il Mandrolisai e ad est con il Sarcidano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Asuni sorge su un pianoro trachitico a 233 metri slm. Il territorio è racchiuso tra le valli del Rio Araxisi e dei suoi principali affluenti: il Rio Bidissàriu ad est e il Flumini Imbessu ad ovest.

La quota massima, 589 m slm, viene raggiunta sul Monte Ualla; la cima più elevata della montagna, P.ta Modighina, si trova in territorio di Laconi e raggiunge i 595 m slm. La quota minima viene raggiunta alla confluenza Rio Araxisi - Flumini Imbessu, al confine con Ruinas e Samugheo, a 82 m slm.

Le rocce più importanti dal punto di vista paesaggistico sono i marmi, dei quali si citano il marmo rosa di Asuni e quello grigio cipollino. Dal punto di vista strettamente petrografico, si tratta degli unici marmi presenti nel territorio sardo.

Altra roccia importante, utilizzata anche nell'edificazione del centro abitato, è la trachite.

Vegetazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 40% del territorio è boscoso, con varie tipologie di associazioni floristiche dove predominano Lecceta e macchia mediterranea a lentisco e olivastro. Formazioni isolate sono poi costituite dalla Sughereta e da querce del gruppo Roverella, con bellissimo nucleo relitto sulla cima del Monte Ualla. La lecceta è stata utilizzata in passato dai carbonai per la lavorazione del carbone vegetale.

Resistono poche aree adibite a rimboschimento per l'ex industria cartaria di Arbatax (Pinus radiata) e per il legnatico (Eucaliptus sp.).

Di notevole pregio è l'endemismo Brassica insularis, osservabile sulle le falesie marmoree lungo le valli.

Il resto del territorio è adibito alle colture foraggere finalizzate all'allevamento, e al pascolo brado. Altre colture, principalmente per uso familiare, sono i vigneti e gli oliveti.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Notevole interesse ricopre l'aspetto faunistico, grazie ad un altro endemismo: il geotritone (Speleomantes imperialis), osservabile nelle grotte dell'area carsica di Monte Ualla e Castel Medusa. In generale il territorio è dominato dai cinghiali e, in misura minore, da volpi, lepri e conigli selvatici. Non è raro osservare la Poiana, il Gheppio, il Corvo imperiale e, sul Monte Ualla, l'aquila reale, nuovamente stanziale da una decina d'anni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenne al Giudicato di Arborea e fece parte della curatoria di Parte Valenza. Dopo la fine del giudicato, all'inizio del XV secolo, divenne un feudo aragonese. Nel XVIII secolo formò una contea insieme con Nureci, concessa al mercante Guglielmo Touffani, che ne aveva comprato il territorio. Il paese venne riscattato ai Touffani nel 1839.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Asuni sono presenti due nuraghi, domus de janas, menhir:

  • Domus de Janas di: Burdaga, Carupixidu, Sa rutta, Ebras noas, S'utture is Xorrus.
  • Nuraghe Casteddu
  • Nuracc 'e Oru
  • Nuraghe San Giovanni

Miniere[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito minerario Piscina Porcus
  • Sito minerario Molinu de jossu

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del Sardo parlata ad Asuni è il Campidanese occidentale. Sono tuttavia presenti alcune influenze lessicali e fonetiche tipiche della della Limba de Mesanìa (Samugheo, Ruinas) e del Campidanese Barbaricino meridionale (Laconi).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 45.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN124491848 · GND (DE7561080-2 · BNF (FRcb15529514c (data)
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna