Limba de mesania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Per Limba de Mesania (in italiano lingua di mezzo, LdM) si intende un insieme di dialetti non riconducibili completamente alle due varietà principali della lingua sarda, il logudorese e il campidanese, in quanto sono presenti, in diversa misura, elementi di tutte le due varietà. In genere la fonetica e il vocalismo sono quelli del logudorese, mentre alcuni tratti discendono invece dal campidanese.

I paesi di questa zona geografica di transizione dal logudorese al campidanese dove si parla, con caratteri diversi, la Limba de mesania sono compresi nella fascia mediana dell’Isola che si estende dall’alto Oristanese, ai confini della provincia di Nuoro, passando per i paesi della Barbagia centrale e quelli ubicati nel versante Ogliastrino del Gennargentu ed i paesi del Mandrolisai.

Pur trattandosi di dialetti non omogenei, come del resto le altre varianti del Sardo, e con delle differenze a volte marcate a seconda della distanza tra i paesi in cui si parla, si possono individuare, in questa zona grigia, gruppi di parlate abbastanza simili tra loro in genere tra paesi contigui. Un primo gruppo, molto esteso, è quello dei dialetti parlati nei paesi del Montiferru, del Guilcer, del Barigadu , ed alcuni paesi della Barbagia, e un altro gruppo si può individuare nei paesi ubicati nel versante Barbaricino del Gennargentu ed il Mandrolisai. Questi primi due gruppi di paesi erano compresi, quasi tutti, nel Giudicato d'Arborea, per cui la Limba de mesania é sovente chiamata Arborense e viene accostata alla Limba de Elianora, facendo riferimento ad Eleonora d'Arborea che utilizzo’ una lingua, di compromesso, non molto differente da questa per redigere la Carta de Logu. Uno sviluppo originale invece hanno avuto i paesi dell’alta Ogliastra a ridosso dell’area del Gennargentu, che non erano compresi nel Giudicato d'Arborea bensì nel Giudicato di Cagliari.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Alto Oristanese[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Alto Oristanese, compresi alcuni paesi della provincia di Nuoro, si possono individuare a loro volta tre gruppi diversi:

  • Il terzo gruppo comprende parte del Barigadu (Fordongianus, Busachi, Allai, Neoneli) e il Mandrolisai. Seppure ciascuno di questi paesi mantenga una propria varietà linguistica, si può affermare che vi siano degli elementi comuni, come l'utilizzo della -g al posto della -z logudorese e della -l campidanese (figiu, ogiu, agiu, mengius), l'utilizzo dei pronomi -jeo/-geo (con la variante -jeu/-geu in alcuni paesi). Le velari rimangono come nel logudorese (chelu, chena). Si assiste in alcuni centri del Barigadu e del Mandrolisai (in particolare a Busachi, Fordongianus, Samugheo, Allai) al rafforzamento della -l intervocalica (chellu al posto di chelu).

Barbagia centrale[modifica | modifica wikitesto]

Qui i paesi del Mandrolisai e della Barbagia di Belvì (Atzara, Sorgono, Tonara, Desulo, Meana Sardo, Aritzo, Belvì) pur tenendo una base campidanesofona (come il pronome plurale is), sono influenzati dalle parlate logudoresi: il plurale maschile in -os (picioccos, procos) e la -e finale (angione, margiane) e alcuni tipici elementi del logudorese (limba, gasi, battero, como). Presentano il gerundio in -ndo e l'assimilazione di nd e mb (pigando>piganno, faendo>faenno, cumbinando>cumminanno). Anche qui, il logudorese influenza l'infinito dei verbi campidanesi, mostrando la r o addirittura tutta la forma logudorese (nai>narriri, traballai>trabagiare/traballari, fueddai>foeddare).

Alta Ogliastra[modifica | modifica wikitesto]

I paesi ogliastrini più a settentrione (Urzulei, Talana, Baunei, Triei, Villagrande Strisaili, Villanova Strisaili, Arzana) mostrano le stesse caratteristiche dei paesi centrali della Barbagia, senza l'assimilazione di nd e mb, ma sotto influenza del nuorese risentono del passaggio di s>r (come tutta l'Ogliastra) prima di determinate consonanti, quali b, d, f, g, l, m, n, v, z (is domos>ir domos, bellos meda>bellor meda). Cosa andata un po' a perdersi nelle nuove generazioni è il suono th al posto di tz campidanese, che in Ogliastra risulta essere meno delicato e somigliante a ss (petha/petza>pessa, pratha/pratza>prassa). A Urzulei, paese più a nord, il pronome plurale assomiglia a quello logudorese, perdendo la prima s (sos/is amigos>os amigos, sas/is picioccas>as picioccas) e simile al colpo di glottide barbaricino, la velare k viene aspirata.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]