Tramatza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tramatza
comune
(ITSC) Tramàtza
Tramatza – Stemma Tramatza – Bandiera
Tramatza – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoFrancesca Piredda (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate40°00′10.55″N 8°38′58.21″E / 40.002931°N 8.649502°E40.002931; 8.649502 (Tramatza)Coordinate: 40°00′10.55″N 8°38′58.21″E / 40.002931°N 8.649502°E40.002931; 8.649502 (Tramatza)
Altitudine19 m s.l.m.
Superficie16,8 km²
Abitanti961[1] (30-11-2018)
Densità57,2 ab./km²
Comuni confinantiBauladu, Milis, San Vero Milis, Siamaggiore, Solarussa, Zeddiani
Altre informazioni
Cod. postale09070
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095066
Cod. catastaleL321
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) tramatzesi
(SC) tramatzesus
Patronosanta Maria Maddalena
Giorno festivo22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tramatza
Tramatza
Tramatza – Mappa
Posizione del comune di Tramatza all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Tramatza è un comune italiano di 961 abitanti[1] della provincia di Oristano in Sardegna. Ubicato nella fertile piana del Campidano di Oristano, dista 15 km dal capoluogo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Ha un territorio di 16,66 km² ed è a 20 m sopra il livello del mare. Il terreno è di origine alluvionale, ma affiorano, a tratti, formazioni basaltiche, testimonianza dell'antica attività vulcanica del vicino Montiferru.

Il territorio è attraversato dal fiume Cispiri che ha avuto un ruolo importante nella storia e nell'economia del paese, in particolare per la produzione di canne, conosciute in tutta l'isola per la loro resistenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu abitata già in epoca nuragica per la presenza nel territorio di alcuni nuraghi.

Durante il medioevo faceva parte della curatoria di Parte Milis nel Giudicato di Arborea. Alla caduta del giudicato (1420) entrò a far parte del Marchesato di Oristano. Alla definitiva sconfitta degli arborensi, nel 1478, passò sotto il dominio aragonese e divenne un feudo. Intorno al 1767, in epoca sabauda, venne incorporato nel marchesato d'Arcais, feudo dei Flores Nurra, ai quali fu riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale, per cui divenne un comune amministrato da un sindaco e da un consiglio comunale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena, risalente al XIV secolo.
  • La chiesa di San Giovanni.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Il ponte romano, antico ponte di età romana tardo repubblicana o del primo impero.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[3] al 31 dicembre 2016 la popolazione straniera residente era di 57 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Tramatza è il campidanese oristanese.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'attività della popolazione è prevalentemente agricolo-pastorale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1993 27 aprile 1997 Salvatore Lutzu Democrazia Cristiana Sindaco [4]
27 aprile 1997 13 maggio 2001 Silvana Dalla Riva in Cuccu centro Sindaco [5]
13 maggio 2001 28 maggio 2006 Salvatore Lutzu lista civica Sindaco [6]
28 maggio 2006 15 maggio 2011 Antonio Emilio Stefano Pala lista civica Sindaco [7]
15 maggio 2011 5 giugno 2016 Antonio Emilio Stefano Pala lista civica "Uniti per Crescere" Sindaco [8]
5 giugno 2016 - Francesca Piredda lista civica "Tramatza Casa Comune" Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  4. ^ Comunali 06/06/1993, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  5. ^ Comunali 27/04/1997, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  6. ^ Comunali 13/05/2001, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  7. ^ Comunali 28/05/2006, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  8. ^ Comunali 15/05/2011, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  9. ^ Comunali 05/06/2016, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN246356671
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna