Usellus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Usellus
comune
(IT) Usèllus
(SC) Usèddus
Usellus – Stemma Usellus – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoFelice Atzori (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate39°48′27.41″N 8°51′08.66″E / 39.807613°N 8.852406°E39.807613; 8.852406 (Usellus)Coordinate: 39°48′27.41″N 8°51′08.66″E / 39.807613°N 8.852406°E39.807613; 8.852406 (Usellus)
Altitudine289[1] m s.l.m.
Superficie35,07 km²
Abitanti753[2] (30-11-2018)
Densità21,47 ab./km²
FrazioniEscovedu
Comuni confinantiAlbagiara, Ales, Gonnosnò, Mogorella, Villa Verde, Villaurbana
Altre informazioni
Cod. postale09090
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095070
Cod. catastaleL508
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) usellesi
(SC) useddesus
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Usellus
Usellus
Usellus – Mappa
Posizione del comune di Usellus all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Usellus (Usèddus in sardo) è un comune italiano di 753 abitanti della provincia di Oristano in Sardegna. È situato nell'area geografica denominata Alta Marmilla, sul versante nord orientale del massiccio vulcanico del Monte Arci.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu abitata già dal neolitico, in epoca nuragica, per la presenza sul territorio di alcuni nuraghi. Il paese sorge dove esisteva nel II secolo a.C. la colonia romana di Uselis, distrutta dai montanari della Barbagia. Tracce della romana Uselis si trovano presso la chiesa di santa Reparata[3].

Nel Medioevo fu sede di diocesi e appartenne al Giudicato di Arborea e fece parte della curatoria di Parte Usellus, di cui fu anche capoluogo prima di Ales, che ne ereditò la diocesi. La villa però sorgeva allora in una località non molto lontana dall'abitato attuale. Alla caduta del giudicato (1420) entrò a far parte del Marchesato di Oristano, e alla definitiva sconfitta degli arborensi (1478) passò sotto il dominio aragonese, e venne incorporato nell'Incontrada di Parte Montis, parte della contea di Quirra, feudo dei Carroz. Nel 1603 la contea fu trasformata in marchesato, feudo prima dei Centelles e poi degli Osorio de la Cueva. Il paese fu riscattato all'ultimo feudatario, Filippo Osorio marchese di Quirra, nel 1839 con la soppressione del sistema feudale, e divenne un comune amministrato da un sindaco e da un consiglio comunale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Ponte romano

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Usellus sono presenti nove nuraghi e resti di infrastrutture romane:

  • Complesso Nuragico di Santa Lucia o Motrox'e Bois
  • Tomba dei giganti Motrox'e bois
  • Nuraghe Arai
  • Nuraghe Bruncu Putzu
  • Nuraghe Erbas Fenosas
  • Nuraghe Nurafa
  • Nuraghe Pinna
  • Nuraghe Punteddu
  • Nuraghe Stampasia
  • Nuraghe Tara
  • Ponte romano

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Usellus è il campidanese occidentale.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Escovedu[modifica | modifica wikitesto]

Dista circa 1,9 km dall'abitato di Usellus e conta all'incirca 241 abitanti[1]. Anticamente era chiamata Escopediu.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Risultati 14º Censimento ISTAT, Istat. URL consultato il 16 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  3. ^ Luoghi storici d'Italia - pubblicazione a cura della rivista Storia Illustrata - pag.782 - Arnoldo Mondadori editore (1972)
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316388868 · WorldCat Identities (EN316388868
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna