Tadasuni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tadasuni
comune
(IT) Tadasùni
(SC) Tadasùne
Tadasuni – Stemma
Tadasuni – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoMauro Porcu (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate40°06′37″N 8°53′01″E / 40.110278°N 8.883611°E40.110278; 8.883611Coordinate: 40°06′37″N 8°53′01″E / 40.110278°N 8.883611°E40.110278; 8.883611
Altitudine180[1] m s.l.m.
Superficie5,09 km²
Abitanti144[2] (30-6-2019)
Densità28,29 ab./km²
Comuni confinantiArdauli, Boroneddu, Ghilarza, Sorradile
Altre informazioni
Cod. postale09080
Prefisso0785
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095064
Cod. catastaleL023
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) tadasunesi
(SC) tadasunesos
Patronosan Nicola
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tadasuni
Tadasuni
Tadasuni – Mappa
Posizione del comune di Tadasuni all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Tadasuni (Tadasùne in sardo) è un comune italiano di 144 abitanti della provincia di Oristano in Sardegna. Si trova nella regione storica del Guilcer a 180 metri sul livello del mare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi insediamenti nel territorio sono attribuibili al Neolitico e all'epoca nuragica, per la presenza nel territorio di alcuni nuraghi.

Con l'età giudicale la Sardegna viene suddivisa in quattro regni autonomi, i giudicati. Tadasuni faceva parte della curatoria di Guilcier, o Gilciber, detta più tardi Ozier Real, della quale fu capoluogo prima Abbasanta e poi Sedilo, posta nella porzione centro-settentrionale del giudicato di Arborea. Con la fine del giudicato e la conquista aragonese nel 1416 tutto il Gilciber e i territori della curatoria di Parte Barigadu vennero concessi in feudo a Valore di Ligia, un arborense che aveva tradito il giudice di Arborea Ugone III nel corso delle guerre tra Aragona e Arborea; quando però Valore e suo figlio Bernardo si recarono a prendere possesso del feudo, vennero uccisi insieme alla loro scorta a Zuri dagli abitanti delle due contrade. Nel 1435 il paese venne concesso in feudo dal re d'Aragona Alfonso V il Magnanimo a Galcerano de Requenses. Nel 1537 il feudo, che comprendeva anche i paesi di Sedilo, Boroneddu e Zuri, venne venduto da un nipote del Requenses alla famiglia dei Torresani, e nel 1566 venne elevato al rango di contea confermata agli stessi Torreani. Nel 1726, estinta la famiglia Torresani, il feudo passò al demanio del Regno di Sardegna, amministrato quindi direttamente da funzionari reali e non da signori feudali. Nel 1737 la contea venne elevata a marchesato e concessa al canonico Francesco Solinas. Dal Solinas i feudi passarono ai Delitala che fissarono la residenza a Sedilo. Nel 1839 il sistema feudale venne abolito, il paese fu riscattato agli ultimi feudatari e divenne un libero comune.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa di San Nicola di Bari, un edificio religioso situato a Tadasuni, centro abitato della Sardegna centrale. Consacrata al culto cattolico è sede dell'omonima parrocchia e fa parte della diocesi di Alghero-Bosa. L'edificio venne eretto verso la metà del XIX secolo in stile neoclassico con conci di basalto scuro; ha navata unica, absidata e voltata a botte. La chiesa conserva al suo interno una cinquecentesca Madonna di Boele e alcuni pezzi di argenteria tra cui un ostensorio in oro e argento risalente al XIX secolo. Dagli anni settanta del Novecento fino al 2009, la casa parrocchiale fu sede del "Museo degli Strumenti della Musica Popolare Sarda", allestito dal parroco Giovanni Dore (Suni, 1930 – Alghero, 2007), esperto nelle tradizioni musicali sarde.
  • La chiesa di Santa Croce.
  • La Chiesa campestre di San Michele Arcangelo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[4] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 5 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Tadasuni è riconducibile alla Limba de mesania.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 14° Censimento Generale della Popolazione e della Abitazioni, su Istat.it, ISTAT. URL consultato il 5 agosto 2016.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Statistiche demografiche ISTAT

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna