Santa Giusta (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Giusta
comune
(IT) Santa Giusta
(SC) Santa Justa
Santa Giusta – Stemma
Santa Giusta – Veduta
Basilica di Santa Giusta, facciata
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoAntonello Figus (lista civica) dal 31/05/2015
Territorio
Coordinate39°52′50.52″N 8°36′32.98″E / 39.8807°N 8.60916°E39.8807; 8.60916Coordinate: 39°52′50.52″N 8°36′32.98″E / 39.8807°N 8.60916°E39.8807; 8.60916
Altitudine10 m s.l.m.
Superficie69,22 km²
Abitanti4 875[1] (30-11-2014)
Densità70,43 ab./km²
FrazioniCirras, Corte Baccas
Comuni confinantiAles, Arborea, Marrubiu, Morgongiori, Oristano, Palmas Arborea, Pau
Altre informazioni
Cod. postale09096
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095047
Cod. catastaleI205
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) santagiustesi
(SC) santajustesus
Patronosanta Giusta
Giorno festivo14 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Santa Giusta
Santa Giusta
Santa Giusta – Mappa
Posizione del comune di Santa Giusta all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Santa Giusta (Santa Justa in sardo) è un comune italiano di 4.875 abitanti della provincia di Oristano in Sardegna, nella regione del Campidano di Oristano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rovine del ponte romano di Othoca

È stata fondata dai Fenici nell'VIII secolo a.C. col nome di Othoca, tuttavia non mancano testimonianze dell'età del bronzo con i vari nuraghi sparsi nel territorio. Passata ai Romani con tutta la Sardegna e la Corsica, divenne un centro di cristianità, e nell'anno 130, sotto l'impero di Adriano, vi furono martirizzate le sante Giusta, Giustina ed Enedina. A seguito della caduta dell'impero, Othoca venne progressivamente abbandonata; nel medioevo la popolazione si spostò nei pressi della chiesa romanica di Santa Giusta.

Il villaggio di Santa Giusta fece parte del giudicato di Arborea, nella curatoria del Campidano di Simaxis, e alla caduta del giudicato (1410) entrò a far parte del marchesato di Oristano fino a ad essere inglobato nel Regno di Sardegna aragonese a partire dal 1478, dopo la sconfitta dell'ultimo marchese Leonardo Alagon. Il paese poi si spopolò per le continue incursioni barbaresche, dovute alla vicinanza al mare, che portavano a frequenti assalti e saccheggi.

A partire dall'XI secolo fu sede di diocesi; il vescovo Ugo fu inviato nel 1164 a Pavia presso Federico Barbarossa dal giudice d'Arborea Barisone I per ottenere dall'imperatore l'investitura a Re di Sardegna. Nel 1226 vi si tenne un importante sinodo della Chiesa Sarda per l'applicazione delle riforme decretate dal Quarto concilio lateranense. La sede vescovile fu soppressa da papa Giulio II con la bolla Aequum reputamus del 1503, e confermata da un'altra bolla papale del 1515, che ne sancì l'unione con l'arcidiocesi di Oristano. La diocesi fu riistituita nel 1968 come sede vescovile titolare.

Nel 1637 a Santa Giusta furono sconfitti i francesi, che guidati dall'arcivescovo di Bordeaux, avevano occupato Oristano.

Nel 1767, in epoca sabauda, il paese fu annesso dal re Carlo Emanuele III al marchesato d'Arcais, feudo dei Nurra, ai quali fu riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Ponte romano

Luoghi di interesse naturalistico[modifica | modifica wikitesto]

Stagno

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Santa Giusta è il campidanese oristanese.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei sindaci dal 1866[modifica | modifica wikitesto]

Elezione con voto riservato a coloro che pagavano le tasse.

  • Garau Antonio (1866-1871)
  • Maxia Francesco (1871-1875)
  • Figus Giovanni (1875-1878)
  • Contini Buschettu Giovanni (1878-1881)
  • Pinna Agostino (1881-1882)
  • Tolu Giovannino (1883-1883)
  • Figus Giovanni (1890-1891)
  • Figus Giuseppe (1892-1895)
  • Figus Giovanni (1896-1897)
  • Corrias Eugenio (1897-1914)
  • Matta Giovanni (1914-1917)

Elezione a suffragio universale maschile

  • Puddu Gavino (1917-1920)
  • Scano Vincenzo (1921-1921)
  • Piras Salvatore (1922-1927)

Frazione di Oristano 1927-1947

Elezione a suffragio universale maschile e femminile.

  • Figus Beniamino (1947-1952)
  • Carrus Vincenzo (1952-1956)
  • Melis Salvatore (1956-1958)
  • Cadoni Pietro (1958-1959)
  • Puddu Peppino (1959-1960)
  • Garau Daniele (1960-1964)
  • Carrus Vincenzo (1964-1970)
  • Figus Delio (1970-1975)
  • Cannas Bernardino (1975-1980)
  • Garau Luigi (1980-1990)
  • Melis Tino (1990-2005)
  • Figus Antonello (2005-2010)
  • Pinna Angelo (2010-2015)
  • Figus Antonello (2015-in carica)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2014.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126912249
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna