Gonnosnò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gonnosnò
comune
Gonnosnò – Stemma Gonnosnò – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoMauro Steri (lista civica) dal 31/05/2015
Territorio
Coordinate39°45′37.99″N 8°52′20.65″E / 39.760552°N 8.872404°E39.760552; 8.872404 (Gonnosnò)Coordinate: 39°45′37.99″N 8°52′20.65″E / 39.760552°N 8.872404°E39.760552; 8.872404 (Gonnosnò)
Altitudine220 m s.l.m.
Superficie15,46 km²
Abitanti777[1] (30-11-2014)
Densità50,26 ab./km²
FrazioniFigu
Comuni confinantiAlbagiara, Ales, Baradili, Baressa, Curcuris, Genoni, Simala, Sini, Usellus
Altre informazioni
Cod. postale09090
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095023
Cod. catastaleD585
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantigonnosnoesi
Patronosant'Elena
Giorno festivo18 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gonnosnò
Gonnosnò
Gonnosnò – Mappa
Posizione del comune di Gonnosnò all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Gonnosnò (Gonnonnò in sardo) è un comune italiano di 777 abitanti, appartenente alla provincia di Oristano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è situato ai piedi dell'altopiano della Giara, a circa 200 metri s.l.m., esteso su un territorio di 15,45 km². Comprende la borgata di Figu, frazione di Gonnosnò.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è un composto tra un nome connesso alla base prelatina gon "monte, altura" e un altro elemento che la tradizione erudita attribuisce al greco neòs "tempio" o neòs "nuovo". Sull'origine del nome della frazione di Figu vi sono due ipotesi: la prima che derivi dal nome del leggendario bandito Figu; la seconda, molto più probabile, ci dice che il nome è stato dato per la copiosa presenza degli alberi di fico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gonnosnò e, in modo particolare, Figu sono citati nei libri di storia della Sardegna, perché Figu fu il primo paese in cui nel 1678 fu istituito il monte granatico.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Gonnosnò sono presenti cinque nuraghi e altre antichità:

  • Tempio nuragico a pozzo di San Salvatore
  • Tombe di giganti di is Lapideddas
  • Nuraghe Emmàuru
  • Nuraghe Marafiu
  • Nuraghe Nieddiu (sulla Giara di Gesturi)
  • Nuraghe su Nuraxi
  • Nuraghe Tramatza
  • Recinto litico lastricato (sulla Giara di Gesturi)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Gonnosnò è il campidanese occidentale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2014.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna