Ghilarza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ghilarza
comune
(IT) Ghilàrza
(SC) Ilàrtzi
Ghilarza – Stemma Ghilarza – Bandiera
Ghilarza – Veduta

Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoAlessandro Marco Defrassu (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate40°07′12″N 8°50′06″E / 40.12°N 8.835°E40.12; 8.835Coordinate: 40°07′12″N 8°50′06″E / 40.12°N 8.835°E40.12; 8.835
Altitudine290 m s.l.m.
Superficie55,46 km²
Abitanti4 464[1] (31-8-2017)
Densità80,49 ab./km²
FrazioniZuri
Comuni confinantiAbbasanta, Aidomaggiore, Ardauli, Bidonì, Boroneddu, Busachi, Fordongianus, Norbello, Paulilatino, Sedilo, Soddì, Sorradile, Tadasuni, Ula Tirso
Altre informazioni
Cod. postale09074
Prefisso0785
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095021
Cod. catastaleE004
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) ghilarzesi
(SC) ilartzesos
Patronosan Macario
Giorno festivo19 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ghilarza
Ghilarza
Ghilarza – Mappa
Posizione del comune di Ghilarza all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Ghilarza (Ilàrtzi in sardo) è un comune italiano di 4 464 abitanti della provincia di Oristano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Pietro di Zuri, uno dei massimi esempi del romanico lombardo in Sardegna

Il paese è situato nella parte centro-occidentale della Sardegna, sul vasto altopiano di Abbasanta, che si estende ai piedi della catena del Marghine e del massiccio del Montiferru.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sono numerose le testimonianze archeologiche riconducibili all'epoca prenuragica e nuragica, fenicio-punica, romana e bizantina. Sin dall'epoca della dominazione romana, il territorio ghilarzese si trovava lungo la 'Karalibus Turrem', l'antica via utilizzata per viaggiare tra Cagliari e Porto Torres[2]. Nel medioevo il territorio ghilarzese era compreso nella curatoria del Guilcer, appartenente al Giudicato di Arborea. Alla caduta del giudicato (1420) passò sotto il dominio aragonese e, compreso nella Incontrada di Parte Ocier Real, divenne più tardi un feudo regio. Venne riscattato agli ultimi feudatari nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Ghilarza è stata un importante centro culturale: già nel 1200 la scuola permetteva di conseguire i primi studi mentre nella metà dell'Ottocento si ebbe la fondazione del Circolo di Lettura e nei primi anni del Novecento del primo circolo femminile. Questo contesto culturale fu linfa vitale per giuristi, medici, militari, diplomatici, studiosi e letterati.

Tra essi spicca Antonio Gramsci, il grande pensatore e uomo di cultura che a Ghilarza trascorse gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza e da lì crebbe ai valori umani e sociali che sono a fondamento del suo pensiero. Negli anni sessanta, in pieno sviluppo economico, il paese vantava la più alta percentuale di laureati dell'Isola[3].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Di notevole interesse artistico la chiesa di San Palmerio, realizzata nel XIII secolo in trachite bianca e nera in stile romanico-arcaico, e la Chiesa di San Pietro di Zuri. Nel territorio comunale sono presenti inoltre quattro piccoli villaggi, detti "novenari" in quanto occupati dai fedeli solo per nove giorni l'anno in occasione delle festività dei santi a cui sono dedicati. In ogni novenario è presente una chiesa. Sono:

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Il paese si caratterizza per le sue case in basalto.

Casa museo di Antonio Gramsci

Lungo il corso si trova la casa museo, aperta al pubblico, di Antonio Gramsci, il fondatore del Partito Comunista Italiano (o più propriamente del Partito Comunista d'Italia).

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Torre aragonese di Ghilarza

La torre aragonese del XV secolo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[5] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 116 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Costume tradizionale di Ghilarza
Costumi tradizionali

Lingua e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Ghilarza possiede, come tutto il suo contado, una lingua che è tra le più ricche e antiche della Sardegna. Era il capoluogo di mandamento più settentrionale della vecchia provincia di Cagliari (oggi si trova in quella di Oristano) che confinava con quella di Sassari (oggi di Nuoro). Non fa parte né del Logudoro, né del Marghine, né di nessun'altra delle regioni confinanti. Non ha regione d'appartenenza. Il suo territorio è semplicemente chiamato: "il ghilarzese". Il "parlare campidanese" lì termina e comincia quello logudorese. Il tutto con una dolcezza d'accento che lo differenzia dai due e ancor più dal vicino barbaricino. È pertanto il punto d'incontro di tre lingue e tre culture[6]. La variante del sardo parlata a Ghilarza è riconducibile al logudorese centrale o comune

Economia[modifica | modifica wikitesto]

In origine fondata su un'economia di tipo agro-pastorale, dall'inizio del XX secolo si svilupparono rapidamente il commercio e il terziario. Ben presto la bravura degli scalpelli ghilarzesi superò i confini comunali, facendo di Ghilarza un punto di riferimento per l'edilizia sarda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2017.
  2. ^ Comune di Ghilarza | Chiusura uffici comunali giornata del 30 aprile 2018, su www.comune.ghilarza.or.it. URL consultato il 27 aprile 2018.
  3. ^ Cristiano Sias, Due parole su Ghilarza: un paese poesia, su cristianosias.it. URL consultato il 29 settembre 2012.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  6. ^ Cristiano Sias, Ghilarza - un paese, tre culture, su cristianosias.it. URL consultato il 29 settembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN242735042
Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna