Menhir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Menhir (disambigua).
Villa Sant'Antonio - Oristano menhir di Monte Corru Tundu
il menhir è una pietra singola
il menhir è una pietra alzata singola molto alta e grande

I menhir (dal bretone men e hir "pietra lunga"; in italiano anche "pietrafitta") sono dei megaliti (dal greco "grande pietra") monolitici (da non confondere con i dolmen, polilitici e solitamente assemblati a portale), eretti solitamente durante il Neolitico, che potevano raggiungere anche più di venti metri di altezza, come ad esempio il Grand Menhir rotto di Locmariaquer (nel Morbihan in Bretagna).

Potevano essere eretti singolarmente o in gruppi, e con dimensioni che possono considerevolmente variare, anche se la loro forma è generalmente squadrata, alcune volte assottigliandosi verso la cima. I menhir sono ampiamente distribuiti in Europa, Africa e Asia, ma sono più numerosi nell'Europa Occidentale, in particolare in Bretagna e nelle isole britanniche. Sono stati eretti in molti periodi differenti, nel corso della preistoria, ed erano creati nel contesto della cosiddetta cultura megalitica che fiorì in Europa e dintorni.

Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Bretagna[modifica | modifica wikitesto]

In Bretagna si trovano ampi campi (diversi chilometri), probabilmente una volta tra di loro collegati, con allineamenti (diverse file di sassi, tra di loro parallele, con dimensioni dei sassi in ordine di grandezza). I menhir bretoni sono dei massi di granito.

Gli allineamenti di Carnac (nel Morbihan) coprono una distanza di 4 km, tra il sito di Kerlescan a est e Le Ménec a ovest.

Altri menhir celebri sono il Grande menhir spezzato di Locmariaquer (Morbihan), il menhir di Champ-Dolent nei pressi di Dol-de-Bretagne (Ille-et-Vilaine) e il menhir di Saint-Uzec (Côtes-d'Armor).

Si ritiene che l'erezione dei menhir sia avvenuta in Bretagna tra il 4500 e 2000 a.C. (non vennero dunque eretti né dai bretoni, né dai celti). Vennero utilizzati in vario modo dalle popolazioni successive, specialmente per riti religiosi. In era cristiana, per soppiantare i riti pagani, diversi menhir vennero "cristianizzati" scolpendovi motivi cristiani o semplici croci (è il caso, ad esempio, del menhir di Saint-Uzec).

Menhir a Carnac
Altri menhir in Francia

Gli antichi Romani riutilizzarono i menhir come punti di riferimento sulle proprie strade, come veri e propri segnali stradali: infatti molti menhir si trovano a ridosso delle antiche strade romane o in prossimità degli incroci.

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Gran Bretagna[modifica | modifica wikitesto]

Isole Ebridi[modifica | modifica wikitesto]

La presenza elementi megalitici, quali menhir e dolmen, nelle Isole Ebridi ha spinto l'antropologo John Layard a cercare una riprova della sua antropologia psicoanalitica basata sulle teorie di Carl Gustav Jung.

A Malekula egli analizzò il rituale maki consistente in un rito per mezzo del quale, secondo la teoria indigena del posto, un uomo, sacrificando maiali maschi, si appropriava della "forza" della vittima e si metteva al riparo, dopo la morte, dalla distruzione ad opera di uno spirito preposto alla sua persona. I sacrifici erano ripetuti parecchie volte nel corso della vita di un individuo, fino al momento in cui quest'ultimo riusciva a conquistasi i defunti.

Il ciclo rituale si componeva di due parti, ciascuna caratterizzata dall'erezione di un monumento in pietra:

  1. Nel corso della prima parte del rito veniva elevato un monumento simile ai menhir dell'Europa preistorica: una pietra oblunga piantata verticalmente nel terreno (e che Layard associò al sesso maschile);
  2. Nella seconda parte del rito il monumento eretto era una piattaforma, anch'essa di pietra, simile al dolmen (che Layard associò, in contrapposizione al menhir, al sesso femminile).[1]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Goni - Cagliari Pranu Muttedu
Perdas Longas - i menhir di Guspini
Menhir Guspini presso Casa Cadeddu
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della Sardegna prenuragica, Sardegna megalitica e Betile.

In Sardegna prendono il nome di perdas fittas o pedras fittas, ossia "pietre conficcate". Presenti in varie zone dell'isola, se ne contano 740[2] e possono essere completamente lisci, rappresentando una simbologia fallica, oppure avere scolpito il simbolo femminile della fecondità, le mammelle, segni inequivocabili della Dea Madre; alcuni hanno invece delle coppelle, come il menhir di Genna Prunas di Guspini, mentre l'originale stele di Boeli, meglio conosciuta come Sa Perda Pinta di Mamoiada, presenta una serie di spirali concentriche in quasi tutte le facce del monolito.

A Laconi, in provincia di Oristano, sono stati rinvenuti nelle campagne circostanti, oltre 100 menhir sia di tipo protoantropomorfo, cioè a faccia prospettica piana, sia antropomorfo, ossia con brevi stacchi somatici. Sono inoltre state ritrovate statue-menhir, o statue-stele, anch'esse caratterizzate dalla presenza di rilievi anatomici e tratteggi del viso più o meno stilizzati. Sempre a Laconi, nel Museo della statuaria preistorica in Sardegna, ospitato negli spazi di palazzo Aymerich, sono presenti decine di menhir ritrovati, oltre che nel suo territorio, in tutto il Sarcidano e in altri centri vicini.

A Villa Sant'Antonio, provincia di Oristano, si trova un'alta concentrazione di rari menhir protoantropomorfi e antropomorfi, tanto che l'area è stata soprannominata valle dei Menhir. I megaliti furono realizzati tra il 3300 e il 2500 a.C., durante l'epoca caratterizzata dalla cultura di Ozieri. In questa località si trova un menhir alto 5 metri e 75 cm, uno dei più alti sull'Isola[3].

A Goni, in provincia del Sud Sardegna, nel complesso archeologico di Pranu Muttedu, si trovano menhir allineati in lunghe file che fanno parte di un'area molto ricca di monumenti megalitici del Neolitico, comprese diverse domus de janas, le "case delle fate". Nel territorio di Sorgono, in provincia di Nuoro, è invece situtato l'importante complesso di Biru 'e Concas.

A Sant'Antioco, nella provincia del Sud Sardegna, oltre ai più conosciuti quali Su Para e sa Mongia (il frate e la suora), è possibile osservare, negli agglomerati urbanistici preistorici, parecchi menhir di genere maschile, di forma fallica, con sezione a pilastro, e altri, femminili, con sezione piano-convessa o concavo convessa.

Quattro menhir si trovano tra i comuni di Tortolì e Barisardo, tra i quali uno è stato distrutto da dei vandali sul finire degli anni novanta. Sempre a Guspini possiamo trovare is Perdas Longas, anch'essi un esempio di due menhir in coppia situati in un campo vicinissimo alla zona industriale del paese. Il comune di Mamoiada risulta essere circondato principalmente da menhir mentre poche sono le testimonianze di megaliti più evoluti.

Puglia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monumenti megalitici della provincia di Lecce.
Uno dei tanti menhir di Giurdignano
Menhir di Canne

I menhir, insieme con i dolmen e le specchie (nati come fari neolitici utilizzati durante le battute di caccia e che si sono evoluti in veri e propri sistemi di comunicazione), si trovano anche in Puglia, e in particolare nel Salento. In provincia di Lecce, sono disseminati dappertutto. Ogni centro possiede almeno un menhir. Nel comune di Giurdignano, nei pressi di Otranto, se ne contano addirittura più di 15 esemplari. A Martano, in provincia di Lecce, si ha la presenza di uno dei più alti menhir d'Italia, il "menhir de Santu Totaru", che raggiunge i 4,70 metri d'altezza.

I menhir del Salento furono, nel Medioevo, cristianizzati incidendo sulla pietra delle croci. Ancora oggi in alcuni paesi vi è l'usanza, la Domenica delle Palme, di fare delle processioni che terminano nelle vicinanze dei menhir dove vengono benedetti i ramoscelli di olivo.

A Modugno, in provincia di Bari ne sono presenti almeno due esemplari riconosciuti, tra cui vi è uno detto "Il Monaco" (presente sulla strada tra Modugno e Bitonto) per la sua presunta somiglianza a un uomo imponente e isolato.

A Terlizzi, in provincia di Bari, sono presenti almeno tre menhir allineati, il più conosciuto è il menhir della Via Appia (per informazioni webcommunityterlizzi.org). Nella città di Muro Leccese sono presenti diversi menhir. Ne sono ancora visibili 6.

In tutta la Regione Puglia si contano 79 menhir.

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Liguria[modifica | modifica wikitesto]

Menhir di Tramonti

Piemonte[modifica | modifica wikitesto]

I menhir di Cavaglià
Il menhir di Lugnacco
Il menhir di Mazzè
  • Cavaglià: a Cavaglià, in provincia di Biella sono presenti undici menhir disposti in maniera circolare a formare il cosiddetto "Cromlech". La Sovrintendenza di Torino li ha datati al 4.000/5.000 a.C. grazie al ritrovamento di calcare nelle coppelle dei megaliti stessi. Pertanto il Cromlech di Cavaglià risulta essere il parco archeologico più ampio della regione.
  • Lugnacco: a Lugnacco in provincia di Torino si trova un monolite di gneiss (lungo 3,85 metri, per una circonferenza di base pari a 1,20 metri e un peso di circa 1,8 tonnellate) che è stato recentemente infitto verticalmente nel terreno di fronte al cimitero, in quella che fu verosimilmente la sua collocazione originaria. Questo menhir ha due gemelli, quello di Mazzè e quello di Chivasso.
  • Chivasso: a Chivasso nella centrale Piazza d'Armi è conservato un menhir chiuso all'interno di una teca di cristallo. Molto simile a quello di Lugnacco è alto 4 metri e ha una coppella laterale. Purtroppo la collocazione originale è sconosciuta.
  • Mazzè: a Mazzè si trova un menhir molto simile ai precedenti. Una copia esatta è anche visibile al museo delle antichità di Torino, mentre l'originale, alto 4,20 metri, è situato in piazza Mattea.
  • Paroldo: a Paroldo, in provincia di Cuneo è conservato un menhir, anche in questo caso conservato in modo un po' grossolano, infatti è stato infisso in un basamento di cemento. Si trova sulla strada che conduce alla chiesa del paese.
  • Briaglia: tra i più grandi ritrovamenti megalitici in terra piemontese è certamente da ricordare l'area di Briaglia, in provincia di Cuneo. Nel 1970, l'archeologo Janigro d'Aquino incominciava una serie di scavi presso il paesino trovando una grande quantità di menhir, pietre scritte e anche un tumulo sotterraneo. Purtroppo a partire dagli anni ottanta il sito è stato soggetto a incuria e gran parte dei materiali sono stati utilizzati come materiale edile o scomparsi. Un menhir è ancora visibile incorporato nel giardino di un'abitazione privata.
  • Monte Musinè: tra i menhir piemontesi più famosi ci sono sicuramente quelli del Monte Musinè, nei dintorni di Torino. Questo luogo venne alla ribalta negli anni settanta in pieno periodo di "archeologia misteriosa". Su una delle pietre erette venne rinvenuto un graffito che alcuni interpretarono come un disco volante. Questa incisione è probabilmente un falso risalente agli stessi anni.
  • Monte Pietraborga: tra i siti più grandi del Piemonte e meno conosciuti quello posto presso il monte Pietraborga di Trana in Val Sangone è molto grande e risale all'età del Rame. L'area megalitica si trova nel bosco posto sul crinale tra la Pietraborga (926 m s.l.m.) e la frazione montana di Presa Sangano.

Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Il menhir di Bulciago (Lecco)
I menhir di Barzago (Lecco)
  • Bulciago: antica pietra in granito modellata dall'uomo, alta circa un metro e sessanta centimetri e piantata nel terreno per circa un metro. È stata trafugata nel 2007. Sembra che poi sia stata ritrovata dal personale del comune, ma non è mai ritornata nella sua sede naturale.
  • Barzago: due menhir di circa 2 metri di altezza da preservare, situati a fianco della SP 342, di fronte all'incrocio di via Giuseppe Parini. Qualcuno ha avanzato l'ipotesi che con il menhir scomparso di Bulciago (che si trovava a poche centinaia di metri), e altri persi nei boschi lì intorno, facessero parte di una sorta di recinto all'avello di Bulciaghetto, un grosso masso erratico in granito serpentino scavato a tomba in località Morti dell'Avello.

Mongolia[modifica | modifica wikitesto]

Portogallo[modifica | modifica wikitesto]

Scandinavia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cerchio di pietre (età del ferro).


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ugo Fabietti, Storia dell'antropologia, Bologna, Zanichelli editore, 2015.
  2. ^ Salvatore Merella, I menhir della Sardegna
  3. ^ Villa Sant'Antonio, Necropoli di Is Forrus e menhir di Monte Corru Tundu
  4. ^ Lettera dell'architetto Giacomo Francesco Sertorio riguardante un antico monumento scoperto da David Pareto. Oneglia, Ghilini, 1877.
  5. ^ Parco Nazionale delle Cinque Terre, su www.parconazionale5terre.it. URL consultato il 7 maggio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4140069-0
Archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia