Santi Pietro e Paolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Santi Pietro e Paolo (disambigua).
Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo
Grabarka Piotr i Pawel.jpg
Santi Pietro e Paolo. Bassorilievo sulla porta del Monastero di Santa Marta e Maria a Grabarka (Nurzec-Stacja), la più importante chiesa ortodossa della Polonia.
Tiporeligiosa
Data29 giugno
Oggetto della ricorrenzamartirio

La Festa dei Santi Pietro e Paolo è una festa liturgica in onore del martirio a Roma degli apostoli San Pietro e San Paolo, che si osserva il 29 giugno.

La celebrazione è di antica origine cristiana, la data selezionata è l'anniversario della loro morte o la traslazione delle loro reliquie.[1]

Celebrazioni cattoliche[modifica | modifica wikitesto]

La sera del 28 giugno si ha la benedizione dei palli da parte del pontefice; il mattino seguente, al cancello centrale della basilica Vaticana viene appesa la "nassa del pescatore", a ricordare l'umile mestiere di Pietro mentre contemporaneamente nella basilica Lateranense si assiste all'ostensione dei reliquiari contenenti le teste di san Pietro e di san Paolo.

Nella chiesa di San Pietro in Carcere, dopo una celebrazione sacra, si può compiere la visita alla prigione dove l'apostolo venne rinchiuso dopo l'arresto.

Nei Vespri e nella Lodi viene recitato o cantato l'inno Decora lux aeternitatis auream.

Festitivà per paese[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, il 29 giugno, giorno dei santi Pietro e Paolo, fino al 1976, era giorno festivo concordatario, ma la festività è stata abrogata nel marzo 1977, rimanendo solo come festa patronale per la città di Roma.

In Ticino è tuttora giorno festivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CATHOLIC ENCYCLOPEDIA: St. Paul, su www.newadvent.org. URL consultato il 17 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]