Masainas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Masainas
comune
Masainas – Stemma Masainas – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Sud Sardegna
Amministrazione
Sindaco Ivo Melis (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate 39°03′N 8°38′E / 39.05°N 8.633333°E39.05; 8.633333 (Masainas)Coordinate: 39°03′N 8°38′E / 39.05°N 8.633333°E39.05; 8.633333 (Masainas)
Altitudine 57 m s.l.m.
Superficie 23,69 km²
Abitanti 1 311[1] (30-11-2015)
Densità 55,34 ab./km²
Frazioni Is Cannigonis, Is Crobbedus, Is Cuccus, Is Fiascus, Is Lais, Is Mancas, Is Murronis, Is Solinas
Comuni confinanti Giba, Piscinas, Sant'Anna Arresi, Teulada
Altre informazioni
Cod. postale 09010
Prefisso 0781
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 111040
Cod. catastale M270
Targa SU
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona C, 990 GG[2]
Nome abitanti masainesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Masainas
Masainas
Masainas – Mappa
Posizione del comune di Masainas
nella provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Masainas (Masainas in sardo[3]) è un comune italiano di 1.311 abitanti della provincia del Sud Sardegna, nella sub-regione del Sulcis.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La conformazione orografica è caratterizzata dalle ultime propaggini dei monti del Sulcis in particolare il monte Floris (396 m s.l.m.) , la Punta di Antiogu Sardara (391 m) e Sa Serra Manna (293 m), unici rilievi di una certa importanza ricchi di superfici arborate e cespugliate tipiche della flora spontanea locale e di superfici rimboschite con pini e altre specie arboree, oltreché di presenza faunistiche e minerarie; tanto è vero che 1124 ettari di superficie del territorio sono stati inclusi dalla Regione Sarda nel “Piano dei Parchi naturali” con la L.R. n. 31/1989.

Is Solinas. Il ponticello d'accesso alla spiaggia di "Sa Salina"

Dalle suddette alture il territorio digrada dolcemente verso il capoluogo di Masainas e poi fino al mare di Porto Botte (golfo di Palmas), il cui litorale, ancora incontaminato, è caratterizzato da una striscia di fine sabbia bianca accompagnata da fitti ginepri fino alle colline di monte Sarri e monte Sa Perda, prospicienti le acque dinanzi l'isola di Sant'Antioco. Il litorale è composto di 1,2 km di dune sabbiose e circa 1 km di costa collinare e rocciosa.

Importante è l'attività degli scavi minerari.

Cale, coste e spiagge del Comune[modifica | modifica wikitesto]

Nel litorale del Comune di Masainas, partendo da nord verso sud, si hanno le seguenti cale, coste e spiagge più conosciute[4]:

  • Spiaggia Sa Salina o Sa Sarina (cioè La Salina)
  • Spiaggia Mari Basciu (cioè Mare Basso)
  • Costa Is Peltias o Is Pertias (cioè Le Pertiche)
  • Costa Paris Sarri

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Masainas ha origini antiche risalenti al Neolitico, nella zona di Is Solinas', infatti, sono stati rilevati insediamenti umani. Nelle epoche successive il territorio di Masainas è stato interessato da insediamenti nuragici, da infiltrazioni fenicio-puniche e, tra il III e il II secolo a.C., dalla penetrazione romana, in seguito alla conquista di Solki, l'odierna Sant'Antioco.

Sono stati infatti ritrovati tra Masainas e Giba dei resti che fanno pensare ad una fabbrica di utensili di terracotta risalenti al periodo della penetrazione romana nell'entroterra sarda. Da scavi fortuiti sono stati ritrovati dei sarcofaghi di pietra risalenti all'età romana, la cui particolarità è che queste sepolture sono state fatte nel terreno sabbioso e per questo uniche in Sardegna. Sempre in località “Is Manigas” sono state trovate delle monete che, come dicono gli anziani, erano “coronasa de alloru” e presumibilmente indicanti la presenza di un sito romano. In località “Serra lepuris” sono state trovate due tombe scavate nella roccia, fatte a sepolcro e chiuse da una grossa pietra.

Gran parte dei reperti ritrovati nel territorio comunale si trova ora al museo archeologico di Cagliari e per il momento non sono stati né quantificati né valorizzati. Tutto ciò sta però a testimoniare che la zona nasconde interessanti tesori di un'antichità dimenticata.

Nel 1200 circa Masainas, come pure Villarios e Giba fu terra di predicazione da parte di monaci Benedettini che costruirono dei monasteri (guventus) a cui ancor oggi si riferisce la denominazione di territorio comunale (Su Guventu). La chiesa di San Giovanni Battista è l'unico monumento di particolare rilievo e il primo nucleo è oggi trasformato in “cappella interna”. Sembra chiaro l'influsso gotico-aragonese e in questo caso risalirebbe al 1500 o 1600. Qualche studioso, però, parla addirittura dell'anno 1000 o poco più tardi. In questo caso ci sarebbe l'influsso del tardo romanico.

L'odierno centro abitato, inizialmente un medau (casale), poi divenuto boddeu (insieme di casali), si sviluppò attorno alla chiesetta, verso la fine del XVIII secolo . Nel 1820 Masainas era un centro piuttosto attivo e ricco per la sua florida agricoltura e pastorizia. Infatti, grazie al vasto territorio pianeggiante e fertile, si contava una grossa presenza di agricoltori e pastori, anche provenienti dal Nuorese e dall'Iglesiente.

Nel 1839 Masainas era il più grosso centro abitato della zona contando 447 famiglie e 1806 abitanti e che seguì le sorti del marchesato di Palmas affidato a Gioacchino Bon Crespi di Valdura, ultimo a fregiarsi di titolo nobiliare su queste terre.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale di Masainas è ricco di presenze archeologiche in particolare di numerosi resti dell'antica civiltà nuragica. Sono presenti più di dieci nuraghi di cui ricordiamo il nuraghe Is Fais. Il complesso nuragico di Is Fais è costituito da quattro torri disposte a croce. Inoltre vanno ricordati:

Costume tradizionale
  • la chiesa di San Giovanni Battista: l'antica chiesetta parrocchiale, dedicata a san Giovanni Battista, ha un'impronta gotico-aragonese e possiede numerosi sarcofaghi di pietra risalenti all'età romanica.
  • i furriadroxius, antichi casolari e casali.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi, feste e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sagra del carciofo. Appuntamento enogastronomico, iniziato nel 2003, che ogni anno ad aprile richiama numerosi visitatori appassionati. La sagra consiste nella degustazione di piatti tipici a base di carciofi e manifestazioni culturali con particolare attenzione alla riscoperta e alla conservazione delle tradizioni locali per la promozione e il rilancio dell'agricoltura del territorio.
  • Festa di San Giovanni Battista. Tradizionale festa del 24 giugno con festeggiamenti civili e religiosi.
  • Festa della Madonna della Salute. La festa in onore della Madonna della Salute, patrona del paese, è una delle feste più attese nel territorio del Sulcis, nella quale migliaia di fedeli in pellegrinaggio, secondo la tradizione all'inizio di ottobre di ogni anno, raggiungono Masainas per partecipare ai festeggiamenti civili e religiosi che durano diversi giorni.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Masainas comprende le seguenti frazioni:

  • Cannigonis
  • Is Crobbedus
  • Is Cuccus
  • Is Fiascus
  • Is Lais
  • Is Lois
  • Is Mancas
  • Is Murronis
  • Is Solinas
  • Su Pranu

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2015.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 382.
  4. ^ Salvatore Colomo, Sardegna - Guida alle Coste, Cagliari, Società Editrice L'Unione Sarda, 2010.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna