Villanova Tulo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villanova Tulo
comune
(IT) Villanova Tulo
(SC) Biddanòa 'e Tulu
Villanova Tulo – Stemma
Villanova Tulo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoAlberto Loddo (lista civica) dall'11-10-2021
Territorio
Coordinate39°46′49″N 9°12′47.81″E / 39.780278°N 9.213281°E39.780278; 9.213281 (Villanova Tulo)
Altitudine600 m s.l.m.
Superficie40,45 km²
Abitanti1 039[1] (31-7-2021)
Densità25,69 ab./km²
Comuni confinantiGadoni (NU), Isili, Laconi (OR), Nurri, Sadali, Seulo
Altre informazioni
Cod. postale09066
Prefisso0782
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111099
Cod. catastaleL992
TargaSU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Nome abitanti(IT) villanovatulesi
(SC) biddanoetulesus
Patronosan Giuliano
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villanova Tulo
Villanova Tulo
Villanova Tulo – Mappa
Posizione del comune di Villanova Tulo all'interno della provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale
Il costume tradizionale

Villanova Tulo (Biddanoa 'e Tulu in sardo) è un comune italiano di 1 039 abitanti della provincia del Sud Sardegna, nella subregione del Sarcidano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Villanova Tulo ha un'altitudine media di circa 571 metri sul livello del mare, la parte più bassa del paese è 550 m invece quella più alta è 600 m. Il punto più alto del territorio è Perda Lobina 857 m s.l.m. e invece quello più basso 276 m s.l.m.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Villanova Tulo gode di un clima tipico mediterraneo, durante l'inverno non è raro vedere la neve durante dicembre, gennaio e febbraio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Villanova Tulo fu frequentato sin dal periodo nuragico.

Nel Medioevo, in epoca giudicale, Villanova e Tulo erano due ville distinte, appartenenti al Giudicato di Cagliari e comprese nella curatoria di Siurgus. Tra il 1365 e il 1409, a causa della guerra tra il Regno di Sardegna aragonese e il Regno di Arborea, Villanova Tulo assunse la fisionomia curatoriale arborense e infine passò sotto il dominio aragonese, in cui andò via via decadendo. Il paese attuale si formò verso la metà del XIV secolo, quasi certamente per popolare il territorio delle antiche ville. Sotto gli aragonesi nel 1604 fu incorporato nella contea di Mandas, di cui erano titolari i Carroz. A questi succedettero i Maza, i Ladrón - coi quali il feudo divenne nel 1614 ducato di Mandas - e gli Zuñiga. Infine dal 1777 il feudo passò ai Tellez Girón fino al suo riscatto avvenuto nel 1839 con la soppressione del sistema feudale. Villanova Tulo fece parte prima della Diocesi di Dòlia, poi dal 1503 dell'Arcidiocesi di Cagliari a cui quella di Dolia è stata accorpata.

Ai sensi della Legge Regionale n. 9 del 12 luglio 2001, che ha previsto l'istituzione delle nuove province sarde, il comune di Villanova Tulo, che era in provincia di Nuoro, avrebbe dovuto essere aggregato alla neonata provincia del Medio Campidano; con successiva Legge Regionale n. 10 del 13 ottobre 2003 si stabilì invece che passasse a quella di Cagliari, di cui fece parte fino alla successiva riforma del 2016.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Villanova Tulo è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 9 ottobre 2007.[3]

«Partito semitroncato: il primo di azzurro, alla quercia di verde, fustata al naturale, ghiandifera di sei d'oro, nodrita nella pianura di verde; il secondo di rosso, alle due stelle di otto raggi, ordinate in palo, d'oro; il terzo di argento, alle due fasce diminuite ondate, fluttuose di argento. Ornamenti esteriori da Comune.»

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Villanova Tulo è il campidanese barbaricino meridionale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

A circa tre chilometri a sud del paese è posta lungo il tracciato della ferrovia Mandas-Arbatax la stazione di Villanova Tulo, dal 1997 attiva esclusivamente a uso turistico nell'ambito del servizio Trenino Verde dell'ARST. Lo scalo viene quindi utilizzato soprattutto nel periodo estivo con una frequenza quasi giornaliera e nei mesi primaverili e autunnali con viaggi a calendario.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2021.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Villanova Tulo (Cagliari) D.P.R. 09.10.2007 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 27 settembre 2021.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna