San Basilio (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Basilio
comune
(IT) San Basilio
(SC) Santu 'Asili 'e Monti
San Basilio – Stemma San Basilio – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoAlbino Porru (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate39°32′N 9°12′E / 39.533333°N 9.2°E39.533333; 9.2Coordinate: 39°32′N 9°12′E / 39.533333°N 9.2°E39.533333; 9.2
Altitudine415 m s.l.m.
Superficie44,63 km²
Abitanti1 250[1] (30-11-2015)
Densità28,01 ab./km²
Comuni confinantiSan Nicolò Gerrei, Sant'Andrea Frius, Senorbì, Silius, Siurgus Donigala
Altre informazioni
Cod. postale09040
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111061
Cod. catastaleH766
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantisanbasilesi
Patronosan Pietro
Giorno festivo29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Basilio
San Basilio
San Basilio – Mappa
Posizione del comune di San Basilio all'interno della provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

San Basilio (Santu 'Asili 'e Monti in sardo) è un comune italiano di 1 250 abitanti[1] della provincia del Sud Sardegna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cima più alta viene chiamata "Pitz' 'e Pranu". A "Pitz' 'e Pranu" è presente un vastissimo parco pineta nel quale vi è la chiesetta dedicata a Santa Barbara. La leggenda vuole che il nome del paese venne dato dai monaci bizantini, seguaci di San Basilio Magno, vescovo di Antiochia, i quali riutilizzando le terme romane costruirono un sontuoso monastero.

Nel territorio sono presenti numerosissime fonti. San Basilio è stato un centro importante anche nel periodo nuragico, nelle campagne che circondano il paese vi sono resti di antiche città, come l'abitato romano di “Pranu Gennas (loc.)”. Vi sono, nel territorio circostante il paese, numerosi pozzi sacri, nel quale vi è presente anche dell'acqua. Il nuraghe più importante è “S'omu dde s'Orku”, chiamato così, probabilmente, per la sua maestosità.

Nel medioevo veniva riconosciuto con “Sanctu Basili de Montis”, toponimo che, in lingua sarda è rimasto invariato. Il paese, in epoca giudicale, appartenne alla “Curatoria della Trexenta”, nel regno giudicale di Cagliari.

Alla fine del Cinquecento inizia la costruzione della parrocchia di San Pietro Apostolo e, all'inizio del Settecento termina la costruzione della Parrocchia dedicata a San Pietro Apostolo.

Nel maggio 1928 al comune di San Basilio venne accorpato il comune di Goni che viene ricostituito nel 1945.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Le costruzioni artistiche più importanti del paese sono: la parrocchia, dedicata a San Pietro apostolo, la chiesetta di San Basilio, circondata da un complesso termale (in passato vi era anche presente un sontuoso monastero). Altre costruzioni e monumenti importanti di San Basilio sono l'ex municipio e il monumento dedicato ai caduti in guerra.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Parrocchia San Pietro Apostolo:La parrocchia, costruita tra il 1590 e il 1700 è dedicata a san Pietro Apostolo. Le notizie al riguardo sono scarse a causa di un incendio che ha distrutto gli archivi parrocchiali.
  • Chiesetta di San Basilio: situato all'interno del complesso termale, questa chiesa in passato ha svolto anche il ruolo di parrocchia e di Cimitero.
  • Chiesetta San Sebastiano Martire:La chiesetta dedicata a san Sebastiano Martire venne edificata in seguito ad una pestilenza, come atto votivo, intorno al XII secolo.
  • Chiesetta Santa Barbara:Da non dimenticare la chiesetta dedicata a santa Barbara costruita nel 1973 nel parco pineta. Questa ha un'unica navata. Santa Barbara, patrona dei minatori, si festeggia il 2 giugno con processione solenne nel parco pineta.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Complesso termale San Basilio Magno: Le terme assumono il ruolo centrale in fase romana. L'edificazione di queste, si colloca non prima del II secolo d.C.. La struttura nacque come piccola terma, questa era formata dal frigidarium, tepidarium, calidarium e laconicum. Il complesso è formato da una camera centrale absidata, lunga otto metri e larga tre, con ingresso volto a sud, suddivisa a sua volta in tre vani. Il secondo ambiente è simile ad una casetta rettangolare con due ingressi, a sud e ad ovest, con gran parte del tetto crollato, in questo si può ancora notare un piccolo affresco raffigurante un cielo stellato. Il terzo ambiente, invece, conserva ancora il tetto, l'ingresso è volto ad ovest.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante di sardo parlata a San Basilio è il campidanese occidentale.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Le manifestazioni più importanti del paese riguardano il 2 gennaio. Il 2 gennaio di ogni anno si celebra la festa di San Basilio. Intorno al 16 gennaio le feste di Sant'Antonio Abate e San Sebastiano, accompagnate da funzioni liturgiche e grande festa con falò, chiamato localmente "su foghidoni". Ai primi di febbraio, solitamente la prima settimana, si realizza "sa cursa dde sa pudda", una sorta di competizione tra cavalieri, molto simile alla sartiglia di Oristano solo, che al posto di "acchiappare la stella", si acchiappa una gallina in legno. Vengono celelebrati anche Santa Greca e Sant'Isidoro. La prima domenica di giugno, la festa di Santa Barbara, il 14, invece, quella estiva di San Basilio e, alla fine del mese San Pietro apostolo. Importante è anche la sagra della pecora, questa viene festeggiata in onore di San Giovanni Battista, protettore dei pastori.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese è presente un fiorente artigianato. Di questi, ricordiamo: la lavorazione del legno, la tessitura artistica al telaio sardo, al lavorazione del formaggio e della ricotta. Infatti, nel piccolo borgo si produce ancora il formaggio con metodi tradizionali, questo è legato alla pastorizia, importante settore dell'economia del paese. Carni ovine, caprine, dolci, pane e il rinomato torrone di mandorle sono prodotti tipici di San Basilio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 30 novembre 2015, su demo.istat.it. URL consultato il 1º giugno 2016.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna