Coordinate: 39°22′42.59″N 9°10′42.21″E

Dolianova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Dolianova
comune
(IT) Dolianova
(SC) Patiòlla
Dolianova – Stemma
Dolianova – Bandiera
Dolianova – Veduta
Dolianova – Veduta
Facciata principale della chiesa di San Pantaleo
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoIvan Piras (lista civica) dal 31-05-2015 (2º mandato dal 26-10-2020)
Territorio
Coordinate39°22′42.59″N 9°10′42.21″E
Altitudine212[1] m s.l.m.
Superficie84,31 km²
Abitanti9 396[2] (29-2-2024)
Densità111,45 ab./km²
Comuni confinantiSan Nicolò Gerrei, Sant'Andrea Frius, Serdiana, Sinnai (CA), Soleminis, Villasalto
Altre informazioni
Cod. postale09041
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111014
Cod. catastaleD323
TargaSU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[3]
Nome abitanti(IT) doliensi
(SC) patiollesus
Patronosan Pantaleo, san Biagio (zona di Sicci)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dolianova
Dolianova
Dolianova – Mappa
Dolianova – Mappa
Posizione del comune di Dolianova nella provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Dolianova (in sardo Patiolla) è un comune italiano di 9 396 abitanti[2] della provincia del Sud Sardegna, paese importante come punto di riferimento per gli altri piccoli comuni limitrofi con una zona industriale ben organizzata.

Geografia fisica

[modifica | modifica wikitesto]

Dolianova si trova nel territorio del Parteòlla, nella zona sud-orientale della Sardegna, la cui conformazione si presenta in parte montuosa e in parte pianeggiante e coltivabile.Il territorio e il clima tipicamente mediterraneo hanno permesso nella zona lo sviluppo di una fiorente economia agricola e pastorale.

Bronzetto nuragico di offerente che saluta e porta ariete in spalla

I ritrovamenti archeologici testimoniano la presenza di insediamenti umani sin dalla preistoria, specie nella parte montuosa, dove era facile trovare rifugio e dedicarsi alla caccia.

In epoca romana si ebbe lo stanziamento dei Patulcenses Campani, provenienti presumibilmente dalla Campania, citati nella Tavola di Esterzili e secondo alcuni autori localizzabili nell'attuale agro di Dolianova[4].

Orecchini a pendente a pelta in oro e paste vitree, da Bruncu e' s'Olia-Dolianova, VI-VII secolo. Museo archeologico nazionale di Cagliari

I primi documenti su Dolia risalgono però al 1089, quando il vescovo Virgilio firmò l'atto di fondazione dei monasteri dei santi Giorgio e Genesio, creati per volontà di Costantino I Salusio II, giudice di Cagliari.

L'attuale centro è formato da due paesi, San Pantaleo e Sicci San Biagio, risalenti al periodo giudicale. Entrambi i paesi appartenevano al Giudicato di Cagliari e facevano parte della curatoria del Parteolla. Alla caduta del giudicato (1258), in epoca prima pisana poi aragonese, San Pantaleo divenne un feudo del vescovo di Suelli e successivamente del vescovo di Cagliari, mentre Sicci formò nel 1355 una baronia, concessa in feudo a Raimondo de Amburra; dopo varie vicissitudini passò sotto la signoria dei Tellez - Giron. Nel 1503 la diocesi di Dolia fu unita all'arcidiocesi di Cagliari. Entrambi i paesi furono riscattati ai rispettivi feudatari nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Il comune attuale nasce il 25 giugno 1905 dalla fusione dei due centri Sicci San Biagio e San Pantaleo, villaggio natio del pittore e scultore sardo Giovanni Angelo Puxeddu. Come testimonianza dei due precedenti comuni, ancora oggi Dolianova mantiene i due vecchi patroni san Biagio e san Pantaleo.

Lo stemma e il gonfalone del comune di Dolianova sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica dell'8 novembre 1957.[5] Lo stemma si blasona:

«di azzurro, alla sbarra diminuita, tagliata di argento e di rosso, accompagnata in capo dalla cattedrale fondata su un terreno ristretto, e in punta dall'albero di olivo sradicato, accostato da due tralci di vite, il tutto al naturale. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone è un drappo partito di rosso e di azzurro.

Monumenti e luoghi d'interesse

[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose

[modifica | modifica wikitesto]
La chiesa di San Pantaleo.

A Dolianova è sita la chiesa di San Pantaleo, edificio romanico-pisano di notevole interesse artistico, risalente al XII secolo. Essa rappresenta uno degli esempi meglio conservati dell'intero patrimonio di stile romanico-pisano della Sardegna (nella chiesa vengono normalmente officiati i riti ecclesiastici), nonché uno dei più imponenti. Risulta particolarmente interessante la ricchezza delle decorazioni interne ed esterne, e la presenza all'interno della chiesa di un fonte battesimale del tipo a immersione, testimonianza certa della presenza di un luogo di culto di epoca paleocristiana La particolarità della pietra di costruzione utilizzata (arenaria) ha consentito infatti di poter realizzare motivi particolarmente complessi, anche se soggetti all'usura del tempo. Il monumento è circondato da un sagrato che nella stagione estiva costituisce uno splendido scenario per numerose rappresentazioni musicali e culturali.

Sono degni di visita inoltre le altre quattro chiese: San Biagio (co-patrono di Dolianova insieme a San Pantaleo), Santa Maria, una graziosa chiesetta totalmente restaurata, con interessanti sculture lignee, San Sebastiano, nel cuore del centro storico dell'antico borgo costitutivo di San Pantaleo, e santa Lucia, una piccola chiesetta in cui i cappellani di San Biagio battezzano le palme o da cui prendono le candele per le processioni.

Facciata di Villa de Villa

Architetture civili

[modifica | modifica wikitesto]

Altro luogo di interesse è rappresentato da Villa de Villa, una casa padronale risalente ai primi anni dell'Ottocento, andato quasi in totale rovina agli inizi degli anni sessanta del Novecento, acquisita dal Comune negli anni ottanta e oggi totalmente recuperata. Viene normalmente utilizzata per la realizzazione di mostre ed esposizioni, nonché per manifestazioni musicali e convegnistiche. Una parte dell'edificio potrebbe in futuro essere utilizzata per l'esposizione permanente di parte dei reperti archeologici del territorio, sotto la direzione del Museo archeologico di Cagliari.

Siti archeologici

[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio del comune sono rintracciabili numerose testimonianze del passato, tra cui i resti delle terme romane di Sa Cora, il Nuraghe sa dom'e S'Orcu (presso la punta Bruncu Salamu), la tomba dei giganti di Su Tiriaxiu, e il più esteso complesso nuragico in località Santu Juanni, le cui fortezze si trovano ancora in massima parte coperte da terra e vegetazione. Risultano censiti nel territorio oltre 120 siti risalenti al periodo nuragico e pre nuragico, presso i quali sono stati rinvenuti numerosissimi reperti attualmente custoditi presso il Museo archeologico di Cagliari.

Luoghi di interesse naturalistico

[modifica | modifica wikitesto]

Fuori dall'abitato, percorrendo solo pochi chilometri, ci si può immergere in un ambiente che richiama in maniera quasi didattica un esempio concreto di ruralità evoluta, con una sequenza di coltivazioni ordinate di olivi (in molti casi plurisecolari) e vigneti, che pur registrando una cura particolarmente evidente conservano i tratti, nell'impianto delle metodologie di allevamento più tradizionali.

Nelle parti più elevate del territorio collinare, si incontrano le parti ambientalmente più pregiate dell'intero territorio, che trovano in località come San Giorgio-Sa mitz'e sa Figu e Sa Colonia i due riferimenti più classici per l'intera collettività locale.

Evoluzione demografica

[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere

[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2022 la popolazione straniera era di 110 persone, pari all'1,82% del totale.[7]

Lingue e dialetti

[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Dolianova è il campidanese occidentale.

Tradizioni e folclore

[modifica | modifica wikitesto]
Costume tradizionale di Dolianova

A partire dagli anni settanta anche a Dolianova si è assistito ad un progressivo impoverimento della valorizzazione delle tradizioni culturali più antiche, che sono andate incontro ad un conseguente abbandono. Con molta fatica e altrettanto impegno dai primi anni 2000 la comunità locale, attraverso diverse associazioni di volontariato e comitati spontanei, sta lentamente ma progressivamente riproponendo vecchie e nuove iniziative, che oggi sono in grado di offrire ai residenti e ai visitatori occasioni di svago, approfondimento culturale, impegno sociale.

Tra le manifestazioni più significative a larga partecipazione popolare, oltre i festeggiamenti dei due santi patroni (san Pantaleo e san Biagio) si possono segnalare:

  • Festival parteollese: due settimane di eventi e manifestazioni di vario genere, coincidenti con le ultime due settimane di luglio, si svolge con continuità da oltre trent'anni, curato dalla Pro Loco;
  • Feste campestri di San Giorgio (approssimativamente prima domenica e lunedì di giugno) e San Michele (metà luglio), che si svolgono nella più classica tradizione isolana di connubio tra celebrazioni sacre e convivialità pagana;
  • Festa medievale (fine settembre): manifestazione incentrata sull'importanza storico culturale del periodo, rappresentato in maniera straordinariamente espressiva dalla concattedrale di San Pantaleo, nel cui sagrato si svolgono una serie di ricostruzioni di situazioni di vita comune del periodo, con riferimento a fatti ordinari come alimentazione, abbigliamento, musica, e non, come armi e battaglie.

Nel settembre 2008 è stato avviato il Centro di promozione turismo culturale, una struttura pubblica gestita da una cooperativa, con finalità di assistenza e informazione turistica, valorizzazione delle tradizioni locali, di sostegno allo sviluppo delle strutture ricettive locali e alla diffusione delle produzioni locali di qualità.

  • Museo della tradizione olearia "Sa Mola de su Notariu": ha sede nella villa della famiglia Boyl (XVII secolo) ed espone una raccolta di strumenti di lavorazione, contenitori, lampade e altri manufatti direttamente riconducibili alla cultura dell'olio d'oliva nel Parteolla.
Oliveti di Dolianova

Dolianova è un centro importante per la coltura della vite e dell'olivo, nonché per la trasformazione dei detti prodotti ad opera soprattutto della cantina sociale e della COPAR (Cooperativa olivicoltori del Parteolla), aziende esportatrici a livello nazionale e internazionale.

Un'altra importante attività economica è la produzione dei formaggi ovi-caprini, in quanto Dolianova è sede dell'Argiolas Formaggi, uno dei più grandi caseifici della Sardegna, che esporta i propri prodotti in gran parte dell'Italia e ha alle proprie dipendenze più di 60 lavoratori.

Il centro rappresenta inoltre un punto di riferimento per i paesi circostanti per quanto riguarda il commercio e i servizi, anche grazie a una zona artigianale e industriale in forte espansione.

Infrastrutture e trasporti

[modifica | modifica wikitesto]
Interno della stazione di Dolianova

Alla periferia ovest dell'abitato si sviluppa la ferrovia Cagliari-Isili: Dolianova è quindi dotata di una stazione, collegata dai treni dell'ARST aventi capolinea a Monserrato ed Isili. Presente nella parte sud-occidentale del paese anche un secondo scalo ferroviario, attivo come fermata a richiesta[8].

Amministrazione

[modifica | modifica wikitesto]
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º giugno 2015 26 ottobre 2020 Ivan Piras Lista civica "Ivan Piras sindaco per Dolianova" Sindaco
26 ottobre 2020 in carica Ivan Piras Lista civica "Ivan Piras sindaco" Sindaco

A Dolianova vi sono diverse società di atletica, calcio, pallacanestro, pallanuoto e pallavolo.

La società "Accademia Dolianova", fondata nel 2013, milita attualmente in Seconda Categoria. Nei primi anni 2000 l' "US Dolianova", ora non più in attività, è stata protagonista della vittoria della Coppa Italia di Eccellenza, nonostante militasse nel campionato di Promozione.

Pallacanestro

[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda la pallacanestro, importante è l'attività esercitata sin dal 1965 dalla società "Jolly Basket". Attualmente oltre al settore giovanile la prima squadra maschile milita nel campionato di Promozione.

La società di nuoto e pallanuoto locale era la Acquasprint, attualmente è la "Nuotomania Dolianova" (dall'anno 2013/2014), che utilizza la piscina semiolimpionica del comune, mentre per il volley invece c'è la società "Vega Volley".

La società di atletica "G.S. Atletica Dolianova Parteolla a.s.d." è attiva dal 1975.

  1. ^ 14° Censimento della popolazione e delle abitazioni, su dawinci.istat.it, ISTAT. URL consultato il 22 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 29 febbraio 2024.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Attilio Mastino- Sardegna Romana
  5. ^ Dolianova, decreto 1957-11-08 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 29 luglio 2022.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ demo.istat.it, https://demo.istat.it/app/?i=P03&l=it.
  8. ^ ARST, Nuova fermata ferroviaria al km 14+590 della linea di TPL Monserrato-Isili(c/o via Cagliari/Ingresso Comune di Dolianova) (PDF), su arstspa.info, 10 maggio 2012. URL consultato il 21 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN156207695 · LCCN (ENno00001003
  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna