Ussaramanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ussaramanna
comune
(IT) Ussaramànna
(SC) Soramànna
Ussaramanna – Stemma Ussaramanna – Bandiera
Ussaramanna – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoMarco Sideri (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate39°41′30.36″N 8°54′31.05″E / 39.691767°N 8.908625°E39.691767; 8.908625 (Ussaramanna)Coordinate: 39°41′30.36″N 8°54′31.05″E / 39.691767°N 8.908625°E39.691767; 8.908625 (Ussaramanna)
Altitudine157 m s.l.m.
Superficie9,76 km²
Abitanti519[1] (30-11-2018)
Densità53,18 ab./km²
Comuni confinantiPauli Arbarei, Siddi, Turri, Baradili (OR), Baressa (OR)
Altre informazioni
Cod. postale09020
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111094
Cod. catastaleL513
TargaSU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) ussaramannesi
(SC) soramannesus
Patronosan Quirico
Giorno festivo15 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ussaramanna
Ussaramanna
Ussaramanna – Mappa
Posizione del comune di Ussaramanna all'interno della provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Ussaramanna (Soramanna in sardo) è un comune italiano di 519 abitanti della provincia del Sud Sardegna.

Vi si celebra ogni anno a maggio la mostra delle erbe spontanee, e vanta una produzione di ottimo olio d'oliva e vino nuragus.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona era abitata già in epoca nuragica, per la presenza di alcuni nuraghi, e in epoca romana, per la presenza di alcuni reperti archeologici.

In epoca medioevale appartenne al Giudicato di Arborea e fece parte della curatoria di Marmilla. Nel territorio sorgeva un altro paese chiamato Ussaraminore o Ussarella. Alla caduta del giudicato (1410) entrambi i paesi entrarono a far parte del Marchesato di Oristano. In seguito al fallimento della rivolta antiaragonese di Leonardo Alagon, ultimo marchese di Oristano, dopo la battaglia di Macomer (1478) tutta l'area passò sotto il dominio aragonese. In epoca aragonese fece parte dell'Incontrada di Parte Montis, appartenente alla contea di Quirra, feudo dei Carroz. Nel 1603 la contea divenne un marchesato, feudo dei Centelles. Ussaraminore andò pian piano decadendo, finché rimase completamente disabitata agli inizi del XVIII secolo.

In periodo sabaudo, nel 1798, Ussaramanna passò agli Osorio de la Cueva, in possesso dei quali rimase fino al 1839 quando fu riscattato in seguito alla soppressione del sistema feudale.

Dal 1928 al 1946 fu aggregata al comune di Lunamatrona.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Nuraghe San Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Il nuraghe San Pietro si erge a 165 m sul livello del mare, sulla sommità di una collina nell'immediata periferia del paese di Ussaramanna. Quattro distinte campagne di scavo hanno, in parte, evidenziato lo sviluppo planimetrico del complesso, costituito da una torre centrale avvolta da un bastione quadrilobato composto da cortine rettilinee e quattro torri pressoché equidistanti. La torre primitiva, o maschio, presenta una camera circolare, oggi priva di copertura, con due nicchie a soffitto ogivale contrapposte; dal corridoio d'ingresso si sviluppa, lungo la massa muraria, una scala anulare, parzialmente coperta, che si interrompe, dopo qualche gradino, sulla cresta dell'edificio: di fronte al vano scala, una garitta. Nuovi e vecchi scavi hanno evidenziato, all'esterno del poderoso edificio, ambienti rettangolari il cui impianto probabilmente risale all'età romana.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Ussaramanna è il campidanese occidentale.

Tradizione e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

La festività principale è quella del 10 agosto, ossia San Lorenzo Martire, durante il quale sono tante le manifestazioni folkloristiche tipiche del posto; il 9, il 10 e l'11 agosto invece il Comitato di San Lorenzo porta complessi musicali di vario genere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna