Suelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Suelli (disambigua).
Suelli
comune
(IT) Suèlli
(SC) Suèddi
Suelli – Stemma
Suelli – Veduta
Chiesa di San Pietro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoMassimiliano Garau (lista civica) dal 30-5-2010 (3º mandato dal 26-10-2020)
Territorio
Coordinate39°33′41.88″N 9°07′54.73″E / 39.561633°N 9.13187°E39.561633; 9.13187Coordinate: 39°33′41.88″N 9°07′54.73″E / 39.561633°N 9.13187°E39.561633; 9.13187
Altitudine256 m s.l.m.
Superficie19,2 km²
Abitanti1 114[1] (30-6-2020)
Densità58,02 ab./km²
Comuni confinantiGesico, Mandas, Selegas, Senorbì, Siurgus Donigala
Altre informazioni
Cod. postale09040
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111088
Cod. catastaleI995
TargaSU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Nome abitanti(IT) suellesi
(SC) sueddesus
PatronoSan Giorgio di Suelli
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Suelli
Suelli
Suelli – Mappa
Posizione del comune di Suelli all'interno della provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Suelli (Sueddi in sardo) è un comune italiano di 1 114 abitanti della provincia del Sud Sardegna, nella subregione della Trexenta[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu abitata già in epoca nuragica per la presenza nel territorio di alcuni nuraghi.

Durante il medioevo la villa fu sede vescovile, appartenne al giudicato di Cagliari e fece parte della curatoria della Trexenta. Verso l'inizio del secolo XII il giudice di Cagliari Torchitorio II la donò al vescovo san Giorgio. Alla caduta del giudicato (1258) il territorio passò sotto la dominazione pisana e poi, dal 1324, sotto quella aragonese, ma la donazione del feudo al vescovo fu rispettata: in epoca aragonese Suelli formò una baronia che fu data in feudo al vescovo di Suelli. Nel 1420 la diocesi fu soppressa ed unita a quella di Cagliari, restando fino ai tempi attuali solo come sede vescovile titolare, per cui la baronia passò all'arcivescovo di Cagliari, al quale il paese fu riscattato nel 1839 con l'abolizione del sistema feudale, per cui divenne un comune amministrato da un sindaco e da un consiglio comunale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nuraghe Piscu

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Pietro (Suelli): ex cattedrale della diocesi di Suelli. A essa è annesso il santuario di San Giorgio, in cui si crede giacciano i resti del patrono di Suelli. Al santuario si può accedere attraverso uno stretto corridoio dall'ala ovest della Chiesa o da un ingresso diretto che si affaccia sul piazzale.
  • Chiesa del Carmine: realizzata nel XVII sec. in stilo gotico-catalano, l'edificio presenta una facciata quadrangolare in pietra, campanile a vela e un portone architravato in legno. Attualmente utilizzata raramente solo per alcune particolari funzioni religiose.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Nuraghe Piscu, complesso nuragico di elevata importanza archeologica, oggi chiuso al pubblico in quanto pericolante e protetto dalle autorità del luogo.
  • Villaggio di Cixi [t̠ʃiˈʒi]: situato in parte nell'attuale Parco dei Santi Cosma e Damiano, il sito risulta abitato sin dall'epoca prenuragica. Nell'area risiede un nuraghe, su cui è stata successivamente edificata la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano e un pozzo sacro, ora coperto e non visitabile. Il villaggio risale tuttavia al periodo medioevale, la cui prima attestazione si ha nel 1215 nella Carta XIII delle Carte volgari campidanesi in cui si documenta la donazione da parte della nobile donna Pretziosa di alcuni suoi possedimenti nella villa di Cixi in favore della Chiesa di San Pietro e Paolo a Suelli.
  • Tombe ipogeiche di Pranu Siara: situate nell'omonimo altopiano, presentano uno stile architettonico unico in Sardegna. Al suo interno sono stati rinvenuti frammanti del periodo campaniforme risalenti al 2000 a.C. contestualmente a un grande numero di ossa umane ben conservate. La tomba è parte di una più ampia necropoli che si estende per diverse centinaia di metri.
Cappella di Pranu Siàra

Zone verdi[modifica | modifica wikitesto]

  • Parco dei Santi Cosma e Damiano: il parco, in cui sono presenti diversi ulivi secolari, si trova a circa 900 metri a sud-ovest dal comune di Suelli. Al suo interno si trova la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano e i resti del villaggio medievale di Cixi, nonché un pozzo sacro e alcune rovine di epoca (pre)nuragica. Ogni 26 settembre, nel parco vengono celebrati i festeggiamenti in onore dei Santi a cui il parco è intitolato.
  • Pranu Siara: è un altopiano poco distante dal centro abitato in cui è presente una piccola cappella. Dall'area è possibile accedere alle Tombe ipogeiche di Pranu Siara, di rilevante importanza archeologica per via dell'ottimo stato di conservazione e dell'unicità del sito nell'Isola per quanto riguarda lo stile e la cultura associati.

Altri edifici d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa Ruda: è un'antica casa campidanese, tradizionale costruzione tipica della metà meridionale della Sardegna e caratterizzata pertanto da una cinta muraria e dal fatto che il complesso abitativo sia disposto lungo quest'ultima. Il cortile della struttura (sa pratza bona) è tipicamente circondato dagli alloggi e dagli altri stabili e si trova quindi all'interno della Casa.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La varietà di sardo parlata a Suelli è il campidanese centrale. La peculiarità di questa varietà dialettale risulta essere fondalmentante l'evoluzione della laterale intervocalica latina /l/ in approssimante o fricativa uvulare sonora [ʁ], caratteristica che differenzia la parlata di Suelli da quelle dei comuni limitrofi in cui lo stesso suono è invece evoluto in fricativa bilabiale sonora [β]. La presenza di questa isoglossa lascia intendere che l'area in cui è parlato il campidanese centrale si estendeva un tempo anche in Trexenta, dove attualmente prevalgono varietà più affini al campidanese occidentale. Il dialetto di Suelli, come quelli dei comuni adiacenti, è caratterizzato dalla pervasiva azione della metatesi della consonante rotica /r/ tramite la quale si sono orginati nessi consonantici molto rari in ambito romanzo e tra le lingue del mondo in generale, come [tsr], [t̠ʃr], [sr], [mr], etc.

Festività e sagre suellesi[modifica | modifica wikitesto]

  • Di particolare interesse è la celebrazione del patrono san Giorgio di Suelli, che si tiene ogni anno il lunedì della Pentecoste. La festa inizia comunque il giovedì precedente con la tradizionale "circa de is carrus", seguita, il venerdì, dall'altrettanto tradizionale marcia verso il monte di Suelli con i carri (ora veicoli agricoli motorizzati, quali il trattore). La festa si conclude il martedì seguente alla Pentecoste.
  • La sagra del Chicco d'Oro avente luogo nel mese di agosto, che si conclude con l'assaggio di vari tipi di pasta.
  • La festa di San Sebastiano, costituita dal tipico "foghidoni" (un grande falò), durante il quale vengono serviti i "parafritti", dei dolci fritti a forma di ciambella e la vernaccia.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

L'abitato è attraversato dalla ferrovia Cagliari-Isili dell'ARST, ed è dotato di una fermata ferroviaria nella parte sud del paese. Nella fermata di Suelli effettuano sosta treni (sempre a cura dell'ARST) con destinazione Monserrato, Mandas e Isili.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Massimiliano Garau Lista civica "Suelli cambi@" Sindaco
31 maggio 2015 26 ottobre 2020 Massimiliano Garau Lista civica "Suelli cambi@" Sindaco
26 ottobre 2020 in carica Massimiliano Garau Lista civica "Suelli cambi@" Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2020.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Giulio Angioni, voce Trexenta in Dizionario storico-geografico dei comuni della Sardegna, S-Z, (a cura di Manlio Brigaglia e Salvatore Tola), Sassari, Delfino, 2009]
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna