Abbazia di San Vittore (Marsiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbazia di San Vittore
St-Victor revers.jpg
Resti dell'Abbazia di San Vittore
StatoFrancia Francia
RegioneBlason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
LocalitàMarsiglia
ReligioneCattolicesimo
Arcidiocesi Marsiglia
Inizio costruzioneV secolo

Coordinate: 43°17′25″N 5°21′56″E / 43.290278°N 5.365556°E43.290278; 5.365556

L'abbazia di San Vittore di Marsiglia è stata fondata nel V secolo da Giovanni Cassiano, nei pressi delle tombe dei martiri, fra i quali si narra vi fosse appunto san Vittore di Marsiglia (morto nel 303 o 304), al quale fu dedicata.

L'abbazia assunse un'importanza considerevole verso l'anno 1000 in quanto divenne un centro d'influenza per tutta la Provenza. Uno dei suoi abati, Guillaume de Grimoard, fu eletto papa nel 1362 con il nome di Urbano V (sepolto poi in quest'Abbazia). A partire dal XV secolo per l'abbazia incominciò un irrimediabile declino.

Attualmente rimane solo la ex chiesa abbaziale mentre il convento è andato distrutto durante la Rivoluzione Francese.

Elenco degli abati[modifica | modifica wikitesto]

Veduta notturna

(dalla fondazione dell'abbazia fino al decesso dell'ultimo nel 1787.[1])

Tra il 415 et 435[modifica | modifica wikitesto]

XI secolo[modifica | modifica wikitesto]

XII secolo[modifica | modifica wikitesto]

XIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

XIV secolo[modifica | modifica wikitesto]

XV secolo[modifica | modifica wikitesto]

XVI secolo[modifica | modifica wikitesto]

XVII secolo[modifica | modifica wikitesto]

XVIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lista dall'allegato Abbatum massiliensium series ab anno 1005 usque ad annum 1788 all'articolo di Paul Amargier "966 ou 977- La date d'un millénaire" in Recueil des actes du Congrès sur l'histoire de l'abbaye Saint-Victor de Marseille, 29-30 janvier 1966, Provence historique, éd. La pensé universitaire, Aix-en-Provence, juillet-septembre 1966, pp. 314-321

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN122918604 · ISNI: (EN0000 0001 2097 2024 · LCCN: (ENn81144017 · GND: (DE4267351-3 · BNF: (FRcb119450702 (data) · NLA: (EN35403498 · BAV: ADV10117318