Massimo Pittau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimo Pittau (Nuoro, 6 febbraio 1921) è un linguista e glottologo italiano, studioso della lingua etrusca, della lingua sarda e protosarda. Ha pubblicato numerosi studi sulla civiltà nuragica e sulla Sardegna storica, esulando dal contesto meramente linguistico.

Laureatosi in lettere a Torino ed in filosofia a Cagliari[1], ha conseguito la libera docenza nel 1959. Professore ordinario nella Facoltà di Magistero dell'Università di Sassari, vi ha ottenuto nel 1971 la cattedra in Linguistica Sarda e ne è stato preside dal 1975 al 1978.

Le sue posizioni riguardo al dialetto nuorese (massima conservatività nell'ambito romanzo) sono vicine a quelle del linguista Max Leopold Wagner con cui è stato in rapporto epistolare. Nel 1971 è entrato a far parte della Società Italiana di Glottologia e circa 10 anni dopo nel Sodalizio Glottologico Milanese. È uno studioso che sostiene la funzione esclusivamente religiosa dei nuraghi, la cui origine egli addita in un influsso di origine anatolica e specificamente "lidia" (da cui il termine "sardiano", dalla capitale Sardi, per indicare questi influssi asiatici nel sardo).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Questioni di linguistica sarda, Pisa, 1956
  • Il dialetto di Nuoro, Bologna, 1956
  • Il linguaggio. I fondamenti filosofici, Brescia, 1957
  • Studi sardi di linguistica e storia, Pisa, 1958
  • Filosofia e linguaggio, Pisa, 1962
  • Problemi di filosofia del linguaggio, Cagliari, 1967
  • Lingua e civiltà di Sardegna, I serie, Cagliari, 1970
  • Aristotele. La Poetica, Palermo, Palumbo, 1972
  • Grammatica del sardo-nuorese, Bologna, 1972, 2ª edizione 1972, 5ª ristampa 1986
  • Problemi di lingua sarda, Sassari, 1975
  • La Sardegna nuragica, Sassari, 1977, 5ª ristampa 1988
  • Pronunzia e scrittura del sardo-logudorese, Sassari, 1978
  • La lingua dei Sardi Nuragici e degli Etruschi, Sassari, 1981
  • Lessico etrusco-latino comparato col nuragico, Sassari, 1984
  • I cognomi della Sardegna. Significato e origine, Sassari, 1990, 1ª ristampa 1992
  • Testi etruschi tradotti e commentati. Con vocabolario, Roma, Bulzoni, 1990
  • Grammatica della lingua sarda. Varietà logudorese, Sassari, 1991
  • Poesia e letteratura. Breviario di poetica, Brescia, 1993
  • Ulisse e Nausica in Sardegna, Nuoro, 1994
  • L'origine di Nuoro. I toponimi della città e del suo territorio, Nuoro, 1995
  • Origine e parentela dei sardi e degli etruschi. Saggio storico-linguistico, Sassari, 1995
  • La lingua etrusca. Grammatica e lessico, Nuoro, 1997
  • I nomi di paesi, città, regioni, monti e fiumi della Sardegna. Significato e origine, Cagliari, Gasperini, 1997, I ristampa 2004
  • La Tabula Cortonensis. Le lamine di Pirgi ed altri testi etruschi tradotti e commentati, Sassari, 2000
  • Dizionario della lingua sarda. Fraseologico ed etimologico, 2 volumi, Cagliari, 2000 e 2003
  • La lingua sardiana o dei protosardi, Cagliari, 2001
  • Vocabolario della lingua sarda, Cagliari, 2002
  • Lingua e civiltà di Sardegna (II), Cagliari, Della torre, 2004
  • Grammatica del sardo illustre, Sassari, Delfino, 2005
  • Dizionario della lingua etrusca, Sassari, 2005
  • Dizionario dei cognomi di Sardegna, 3 volumi, Cagliari, L'unione sarda, 2006
  • Toponimi italiani di origine etrusca, Sassari, 2006
  • La Sardegna nuragica, Cagliari, Della torre, II edizione riveduta e aggiornata 2006
  • Storia dei sardi nuragici, Selargius, Domus de Janas, 2007
  • Il Sardus Pater e i guerrieri di Monte Prama, Sassari, EDES, 2008, II edizione ampliata e migliorata 2009
  • Dizionario comparativo latino-etrusco, Sassari, EDES, 2009
  • I toponimi della Sardegna. Significato e origine, II Sardegna centrale, EDES, Sassari

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ sito personale, su pittau.it. URL consultato il 14 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51702600 · ISNI (EN0000 0000 8129 7723 · SBN IT\ICCU\CFIV\022284 · LCCN (ENn81150149 · GND (DE123996759 · BNF (FRcb12021908b (data) · NLA (EN35720772