Massimo Pittau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Massimo Pittau (Nuoro, 6 febbraio 1921) è un linguista e glottologo italiano, studioso della lingua etrusca, della lingua sarda e protosarda. Ha pubblicato numerosi studi sulla civiltà nuragica e sulla Sardegna storica, esulando dal contesto meramente linguistico.

Laureatosi in lettere a Torino ed in filosofia a Cagliari[1], ha conseguito la libera docenza nel 1959. Professore ordinario nella Facoltà di Magistero dell'Università di Sassari, vi ha ottenuto nel 1971 la cattedra in Linguistica Sarda e ne è stato preside dal 1975 al 1978.

Le sue posizioni riguardo al dialetto nuorese (massima conservatività nell'ambito romanzo) sono vicine a quelle del linguista Max Leopold Wagner con cui è stato in rapporto epistolare. Nel 1971 è entrato a far parte della Società Italiana di Glottologia e circa 10 anni dopo nel Sodalizio Glottologico Milanese. È uno studioso che sostiene la funzione esclusivamente religiosa dei nuraghi sardi, la cui origine egli addita in un influsso di origine "lidia" (da cui il termine "sardiano", dalla capitale Sardis, per indicare questi influssi micrasiatici nel sardo).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Questioni di linguistica sarda, Pisa, 1956
  • Il dialetto di Nuoro, Bologna, 1956
  • Il linguaggio. I fondamenti filosofici, Brescia, 1957
  • Studi sardi di linguistica e storia, Pisa, 1958
  • Filosofia e linguaggio, Pisa, 1962
  • Problemi di filosofia del linguaggio, Cagliari, 1967
  • Lingua e civiltà di Sardegna, I serie, Cagliari, 1970
  • Aristotele. La Poetica, Palermo, Palumbo, 1972
  • Grammatica del sardo-nuorese, Bologna, 1972, 2ª edizione 1972, 5ª ristampa 1986
  • Problemi di lingua sarda, Sassari, 1975
  • La Sardegna nuragica, Sassari, 1977, 5ª ristampa 1988
  • Pronunzia e scrittura del sardo-logudorese, Sassari, 1978
  • La lingua dei Sardi Nuragici e degli Etruschi, Sassari, 1981
  • Lessico etrusco-latino comparato col nuragico, Sassari, 1984
  • I cognomi della Sardegna. Significato e origine, Sassari, 1990, 1ª ristampa 1992
  • Testi etruschi tradotti e commentati. Con vocabolario, Roma, Bulzoni, 1990
  • Grammatica della lingua sarda. Varietà logudorese, Sassari, 1991
  • Poesia e letteratura. Breviario di poetica, Brescia, 1993
  • Ulisse e Nausica in Sardegna, Nuoro, 1994
  • L'origine di Nuoro. I toponimi della città e del suo territorio, Nuoro, 1995
  • Origine e parentela dei sardi e degli etruschi. Saggio storico-linguistico, Sassari, 1995
  • La lingua etrusca. Grammatica e lessico, Nuoro, 1997
  • I nomi di paesi, città, regioni, monti e fiumi della Sardegna. Significato e origine, Cagliari, Gasperini, 1997, I ristampa 2004
  • La Tabula Cortonensis. Le lamine di Pirgi ed altri testi etruschi tradotti e commentati, Sassari, 2000
  • Dizionario della lingua sarda. Fraseologico ed etimologico, 2 volumi, Cagliari, 2000 e 2003
  • La lingua sardiana o dei protosardi, Cagliari, 2001
  • Vocabolario della lingua sarda, Cagliari, 2002
  • Lingua e civiltà di Sardegna (II), Cagliari, Della torre, 2004
  • Grammatica del sardo illustre, Sassari, Delfino, 2005
  • Dizionario della lingua etrusca, Sassari, 2005
  • Dizionario dei cognomi di Sardegna, 3 volumi, Cagliari, L'unione sarda, 2006
  • Toponimi italiani di origine etrusca, Sassari, 2006
  • La Sardegna nuragica, Cagliari, Della torre, II edizione riveduta e aggiornata 2006
  • Storia dei sardi nuragici, Selargius, Domus de Janas, 2007
  • Il Sardus Pater e i guerrieri di Monte Prama, Sassari, EDES, 2008, II edizione ampliata e migliorata 2009
  • Dizionario comparativo latino-etrusco, Sassari, EDES, 2009
  • I toponimi della Sardegna. Significato e origine, II Sardegna centrale, EDES, Sassari

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ sito personale, pittau.it. URL consultato il 14 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Preside della Facoltà di Magistero dell'Università di Sassari Successore
carica non istituita 1975-1978 Ettore Cau
Controllo di autorità VIAF: (EN51702600 · LCCN: (ENn81150149 · SBN: IT\ICCU\CFIV\022284 · ISNI: (EN0000 0000 8129 7723 · GND: (DE123996759 · BNF: (FRcb12021908b (data) · NLA: (EN35720772