Lista dei viceré di Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Viceré di Sardegna)

1leftarrow blue.svgVoce principale: Regno di Sardegna.

Questo che segue è un elenco dei viceré del Regno di Sardegna durante tutta la sua storia:

Governatori generali (1324-1355) - 1° periodo[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni della costituzione del Regno di Sardegna, fu un governatore generale ad occuparsi dell'ordinaria amministrazione del regno. La sua sede si trovava dapprima a Bonaria e successivamente a Castel di Cagliari.

Governatori di Capo Cagliari, Gallura e Capo di Logudoro (1355-1387)[modifica | modifica wikitesto]

Per diversi anni, dal 1355 al 1387, i governatori furono quattro per il Capo di Cagliari e Gallura:

Otto furono i governatori per il Capo di Logudoro:

  • Galcerando de Fenollet
  • Pietro di Luna
  • Berengario Carroz
  • Poncio de Jardì
  • Francesco Giovanni de Santa Coloma
  • Gilberto de Cruilles
  • Dalmazzo de Jardi
  • Pietro Albert
  • Bernardo de Guimerà
  • Gilberto de Cruillas, (1374-1387)

Governatori generali (1387-1393) - 2° periodo[modifica | modifica wikitesto]

Governatorati divisi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1401 fu nuovamente divisa e si susseguirono:

Governatori generali (1415-1418) - 3° periodo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Battaglia di Sanluri fu unificata nuovamente.

Viceré aragonesi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1418 al 1516 la Sardegna venne governata direttamente da dei viceré del regno di Aragona, che poi fu unito regno di Spagna dal 1516:

  • Luis de Pontos (1418-1419)
  • Juan de Corbera (1419-1420)
  • Riambaldo (1420-1421)
  • Bernardo de Centelles (1421-1437)
  • Francisco de Eril (1437-1448)
  • Nicolò Antonio De Montes (1448-1450)
  • Nicolás Carroz de Arborea (1460-1479)
  • Pedro Maza de Linaza (1479)
  • Ximén Pérez Escrivá de Romaní (1479-1483) (1ª volta)
  • Guillermo de Peralta (1483-1484)
  • Ximén Pérez Escrivá de Romaní (1484-1487) (2ª volta)
  • Iñigo López de Mendoza, conte di Tendilla (1487-1491)
  • Juan Dusay (1491-1501) (1ª volta)
  • Benito Gualbes (1501-1502) (ad interim)
  • Juan Dusay (1502-1507) (2ª volta)
  • Jaime Amat (1507-1508)
  • Fernando Girón de Rebolledo (1508-1515)
  • Ángel de Vilanova (1515-1529)

Governo diretto del Regno di Spagna (1516–1713)[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della Guerra di successione spagnola, con il Trattato di Utrecht, la Sardegna venne ceduta all'Austria e nel 1720 ai Savoia.

Viceré austriaci (1713-1717)[modifica | modifica wikitesto]

Viceré spagnoli (1717-1718)[modifica | modifica wikitesto]

Viceré piemontesi (1720-1848)[modifica | modifica wikitesto]

  • 1720 - 1724: Filippo-Guglielmo Pallavicini, barone di St. Rémy (1ª volta)
  • 1724 - 1726: Alessandro Doria del Maro, abate
  • 1726 - 1728: Filippo-Guglielmo Pallavicini, barone di St. Rémy (2ª volta)
  • 1728 - 1730: Pedro, marchese di Cortanye
  • 1730 - 1735: Girolamo Falletti, marchese di Castagnole e di Barolo
  • 1735 - 1739: Carlo-Amadeo San-Martino, marchese di Rivarolo
  • 1739 - 1741: Conte d'Allinge d'Apremont
  • 1741 - 1745: Barone di Blonay
  • 1745 - 1748: del Carretto, marchese di Santa-Giulia
  • 1748 - 1751: Emanuele, principe di Valguarnera
  • 1751 - 1755: Giambattista Cacherano, conte di Brischerasio
  • 1755 - 1763: Costa, conte della Trinità
  • 1763: Giambattisa Alfieri
  • 1763: Solaro De Govone
  • 1763 - 1767: Lodovico Costa della Trinità
  • 1767 - 1771: Vittorio-Lodovico d'Hallot, conte des Hayes
  • 1771 - 1773: Caissotti, conte di Roubion
  • 1773 - 1777: Filippo Ferrero, marchese della Marmora
  • 1777 - 1781: Giuseppe Lascaris di Ventimiglia, marchese della Rocchetta
  • 1781 - 1783: Carlo-Francesco Valperga, conte di Masino
  • 1783 - 1787: Solaro de Maretta
  • 1787 - 1790: Carlo Francesco Thaon di Revel e Sant'Andrea
  • 1790 - 1794: Carlo Balbiano
  • 1794 - 1799: Filippo, marchese Vivalda
  • 1799 - 1816: Carlo Felice di Savoia
  • 1816 - 1818 Giacomo Pes di Villamarina
  • 1818 - 1820: Ignazio Thaon di Revel, conte di Pralungo
  • 1820 - 1822: Ettore Veuillet, marchese d'Yenne
  • 1822 - 1823: Giuseppe-Maria Galleani, conte di d'Agliano
  • 1823 - 1824: Gennaro Roero, conte di Monticelli
  • 1824 - 1829: Giuseppe Tornielli, conte di Vergano
  • 1829 - 1831: Giuseppe Maria Roberti, conte di Castelvero
  • 1831 - 1840: Giuseppe-Maria Montiglio d'Ottiglio ed Villanova
  • 1840 - 1843: Giacomo, conte d'Asarta
  • 1843 - 1848: Claudio Gabriele de Launay

A seguito della cosiddetta "fusione perfetta" del 1847, la Sardegna passa sotto il controllo diretto della corte di Torino e a partire dal 1861 entrerà a far parte del Regno d'Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elena Fasano Guarini, Istruzioni di Filippo III ai suoi ambasciatori a Roma 1598-1621, (a cura di Silvano Giordano), Roma, 2006, p. 64 ISBN 88-7125-281-0

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Manno, Storia di Sardegna. Volume II (PDF), Nuoro, Ilisso Edizioni, 1999, ISBN 88-85098-47-9.
  • Francesco Cesare Casula, La storia di Sardegna: L'evo moderno e contemporaneo. Volume 3 di La Storia di Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1994, ISBN 88-7138-063-0.
  • Renato Pintus, Sovrani, viceré di Sardegna e governatori di Sassari, Sassari, Webber, 2005.
  • Manlio Brigaglia, Storia della Sardegna: dalle origini al Settecento, a cura di Manlio Brigaglia, Attilio Mastino, Gian Giacomo Ortu, Sassari, Laterza, 2006, ISBN 88-420-7839-5.
  • Francesco Cesare Casula, Breve storia di Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1994, ISBN 88-7138-065-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]