Lingua zarfatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
lingua zarfatica
Parlato inRenania (Magonza e Aquisgrana), Assia (Francoforte sul Meno) e Francia Settentrionale
PeriodoMedioevo
Locutori
Classificaestinta
Altre informazioni
ScritturaAlfabeto ebraico
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Lingue italiche
  Lingue romanze occidentali
   Lingua d'oïl
    Lingua francese
     Lingua zarfatica
Codici di classificazione
ISO 639-3zrp (EN)
Glottologzarp1238 (EN)

La lingua zarfatica[1] (codice ISO 639-3 zrp) o giudaico-francese (in zarfatico: Tsarfatit) è stata una lingua giudaica, oramai estinta, parlata dalle comunità ebraiche nel nord della Francia ed in parte in quella che ora è la sezione centro-occidentale della Germania, corrispondente alle città di Magonza, Francoforte sul Meno e Aquisgrana. La lingua si è estinta nel XIV secolo a causa delle deportazioni e delle persecuzioni subite dagli ebrei.[2]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Zarfatico deriva dal nome con il quale Lingua ebraica definiva la Francia, Tzarfat (צרפת), sebbene tale etimologia sia ancora oggetto di discussione fra numerosi studiosi.

Scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Si scrive con un alfabeto ebraico modificato, apparso per la prima volta nel XI secolo come glosse della Bibbia ebraica e come Talmud scritti da Rashi e da Moshe ha-Darshan. Una caratteristica della lingua, a differenza delle altre lingue giudaiche, era che le vocali non venivano rappresentate con l'alfabeto ebraico, bensì con le vocali tiberiane, usate per definire tutte le vocali del francese antico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" in accordo alle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Negli altri casi, viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ Zarphatic, su glottolog.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2009009021