Colonia penale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bagno penale a Portoferraio, dipinto di Telemaco Signorini, 1890 circa.

Una colonia penale (anche bagno penale)[1] è una colonia usata per trattenere prigionieri che generalmente vengono costretti ai lavori forzati. L'impero britannico, per esempio, ha in passato ridotto molte regioni dell'Australia a colonie penali.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Diversi stati utilizzarono tale tipologia di insediamenti, ad esempio l'impero britannico ha utilizzato in passato diverse zone del nord America come colonie penali. Soprattutto la provincia della Georgia era stata designata come colonia penale. I colpevoli venivano trasportati da commercianti privati e all'arrivo nelle colonie erano assegnati ai proprietari delle piantagioni. Si stima che circa 50.000 condannati britannici fossero stati inviati nelle colonie americane, rappresentando circa un quarto di tutti gli immigrati britannici del XVIII secolo.

In seguito alla guerra di indipendenza americana, la Gran Bretagna iniziò ad utilizzare zone dell'Australia come colonie penali.[2] Alcune di queste furono l'isola di Norfolk, la Terra di Van Diemen e il Nuovo Galles del Sud. I sostenitori della Home Rule irlandese o delle Trade Unions (martiri di Tolpuddle) furono condannati al trasporto penale (il trattamento duro iniziava già durante la lunga navigazione) nelle colonie australiane.

Altre colonie penali britanniche furono istituite in India, tra cui due delle più tristemente celebri erano nelle isole Andamane e a Hijli.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il regime di prigionia e di detenzione risultava molto duro, ed includeva spesso punizioni fisiche; molti prigionieri morivano per la durezza del trattamento, per denutrizione, o per malattie causate da negligenze mediche. Il sistema penale coloniale era utilizzato per prevenire eventuali fughe e per scoraggiare altri crimini una volta che la pena dei condannati fosse conclusa. Le colonie penali di solito erano localizzate in terre di frontiera, specialmente in luoghi inospitali, dove il lavoro svolto dai prigionieri risultava molto vantaggioso per le economie locali.

Strutture famose[modifica | modifica wikitesto]

La Francia inviò i criminali in colonie penali tropicali. L'Isola del Diavolo nella Guyana francese, tra il 1852 e il 1939 ospitava falsari e altri criminali. La Nuova Caledonia in Melanesia accoglieva dissidenti come i Comunardi e ribelli, oltre a criminali condannati.

In Ecuador, le isole di San Cristobál (nell'arcipelago delle Galápagos) furono usate come colonia penale tra il 1869 e il 1904.

Sia la Russia imperiale che l'Unione Sovietica usarono la Siberia come colonia penale per criminali e dissidenti. Anche se geograficamente contigua alla Russia europea, la Siberia forniva sia la collocazione remota che un clima rigido. Il gulag e il suo predecessore zarista, il sistema dei katorga, fornivano lavori forzati per sviluppare l'industria del legno e quella mineraria, le imprese di costruzione e anche le ferrovie e le strade attraverso la Siberia.

In Italia sono esistite colonie penali agricole per i criminali, omosessuali, renitenti alla leva, mafiosi (e durante il fascismo anche contro antifascisti). Tra le strutture più famose abbiamo il Forte di Fenestrelle, ma anche alcune isole minori difficilmente raggiungibili dal resto della penisola, come l'Asinara in Sardegna, le isole di Pianosa e di Capraia in Toscana, Lampedusa[3] e Ustica in Sicilia, le Tremiti in Puglia e l'isola di Ventotene nel Lazio.

Tema culturale[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Fantascienza[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto di pianeti prigione, remoti e inospitali, è stato impiegato da diversi scrittori di fantascienza. Esempi famosi comprendono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cosiddetto dal bagno di Livorno, che era appunto sotto il livello del mare ( Accezioni di "bagno", su sapere.it. URL consultato il 6 marzo 2018.)
  2. ^ a b Nel 2007 l'UNESCO ha dichiarato le registrazioni sui deportati d'Australia (diari scritti sulle deportazioni di 165.000 inglesi condannati alla colonia penale in Australia tra il 1788 ed il 1868) Memoria del mondo
  3. ^ La colonia dei Coatti di Lampedusa (1872-1883) (PDF), su historiaetius.eu.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85099359 · GND (DE4443911-8