Sandro Cois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sandro Cois
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2003
Carriera
Giovanili
1984-1988Fossanese
1990-1992Torino
Squadre di club1
1988-1989Saviglianese 18 (0)
1989-1994Torino 44 (2)
1994-2002Fiorentina 175 (7)
2002-2003Sampdoria 4 (0)
2003Piacenza 5 (0)
Nazionale
1998-1999Italia Italia3 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sandro Cois (Fossano, 9 giugno 1972) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù ha ricoperto il ruolo di rifinitore dietro le punte[1]; negli anni successivi, invece, è stato impostato dapprima come difensore centrale[1] e quindi come mediano, ruolo nel quale si è successivamente affermato[1]. La sua duttilità tattica è emersa soprattutto nella stagione 1997-1998, sotto la guida di Alberto Malesani, che lo ha schierato in tutti i ruoli della difesa e del centrocampo[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Di origini sarde[1], inizia l'attività nelle giovanili della Fossanese[2] ed esordisce in prima squadra nella Saviglianese, nel Campionato Interregionale 1988-1989[3]. A fine stagione lo acquista il Torino[4], con cui esordisce in Serie A poco più che diciottenne, nella partita Lecce-Torino 1-1 del 17 marzo 1991. Nelle stagioni successive, sotto la guida di Emiliano Mondonico, si ritaglia sempre più spazio nel centrocampo granata, contribuendo alla conquista di una Coppa Italia nel 1993 e al raggiungimento della finale di Coppa Uefa persa contro l'Ajax.

Nel 1994 passa alla Fiorentina, appena promossa dalla Serie B, per 4,5 miliardi di lire[5][6]. Nella giovane squadra allenata da Claudio Ranieri si impone definitivamente nel ruolo di mediano di interdizione[7], conquistando un'altra Coppa Italia e una Supercoppa italiana nel 1996, ed entrando nel giro della Nazionale durante la stagione 1997-1998, sotto la guida di Alberto Malesani[1].

Nelle stagioni successive, tuttavia, lo spazio in campo si riduce, fino ad un minimo di 11 presenze nella stagione 2001-2002. Nell'agosto 2002 si svincola dalla società viola e passa alla Sampdoria, in Serie B[8]: con i blucerchiati gioca solamente 4 partite a causa di diversi infortuni[9], poi si trasferisce al Piacenza in cambio di Salvatore Miceli[10][9], dove colleziona altre 5 partite nella massima serie. Al termine della stagione, perseguitato da problemi fisici[11], decide di chiudere a soli 31 anni la sua carriera professionistica, nella quale ha collezionato 224 presenze e 9 reti in Serie A e 4 presenze in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha vestito la maglia della Nazionale maggiore in 3 occasioni: l'esordio avviene nell'amichevole contro la Slovacchia, nel gennaio 1998, subentrando a Luigi Di Biagio[12]. Convocato per i Mondiali del 1998[13], non è mai sceso in campo nella competizione.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Abbandonato definitivamente il mondo del calcio, diventa imprenditore immobiliare a Montecatini Terme[14]. È anche sceso in campo con la maglia della Nazionale italiana piloti[15].

Presenze in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28/01/1998 Catania Italia Italia 3 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole - Ingresso al 55’ 55’
16/12/1998 Roma Italia Italia 6 – 2 World Stars World Stars Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
10/02/1999 Pisa Italia Italia 0 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
Totale Presenze 3 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1990-1991, 1991-1992

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1992-1993
Fiorentina: 1995-1996, 2000-2001
Fiorentina: 1996

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1991

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Sandro Cois Solocalcio.com
  2. ^ Da 8 anni in A, La Stampa, 3 marzo 1999, pag.45
  3. ^ Dopo un anno e mezzo arriva il poker - Bastioni, esordio infelice, Stampa Sera, 14 novembre 1988, pag.25
  4. ^ Sala: "Cravero libero, non centrocampista", La Stampa, 31 marzo 1989, pag.20
  5. ^ Tutto Torino: vende Cois, compra Angloma, La Repubblica, 20 maggio 1994, pag.30
  6. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 11 (1994-1995), Panini, 16 luglio 2012, p. 10.
  7. ^ Fiorentina linea verde, La Repubblica, 8 novembre 1994, pag.34
  8. ^ Mercato con botto finale: dalla Fiorentina ecco Cois, La Repubblica, 30 agosto 2002, pag.16 - sez.Genova
  9. ^ a b Samp, Miceli si presenta, La Repubblica, 1º febbraio 2003, pag.12 - sez.Genova
  10. ^ Rosa 2002-2003 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Meteore e bidoni: Sandro Cois Storiapiacenza1919.it
  12. ^ Italia-Slovacchia 3-0 Italia1910.com
  13. ^ La lista dei convocati, La Repubblica, 25 maggio 1998
  14. ^ Sandro Cois: ecco cosa fa dopo il calcio, tuttomercatoweb.com, 8 dicembre 2010. URL consultato il 2 giugno 2014.
  15. ^ Sandro Cois Archiviato il 29 settembre 2013 in Internet Archive. Nazionalepiloti.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]