Sandro Cois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sandro Cois
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2003
Carriera
Giovanili
1984-1988 Fossanese
1990-1992 Torino
Squadre di club1
1988-1989 Saviglianese 18 (0)
1989-1994 Torino 44 (2)
1994-2002 Fiorentina 175 (7)
2002-2003 Sampdoria 4 (0)
2003 Piacenza 5 (0)
Nazionale
1998-1999 Italia Italia 3 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sandro Cois (Fossano, 9 giugno 1972) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù ha ricoperto il ruolo di rifinitore dietro le punte[1]; negli anni successivi, invece, è stato impostato dapprima come difensore centrale[1] e quindi come mediano, ruolo nel quale si è successivamente affermato[1]. La sua duttilità tattica è emersa soprattutto nella stagione 1997-1998, sotto la guida di Alberto Malesani, che lo ha schierato in tutti i ruoli della difesa e del centrocampo[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Di origini sarde[1], inizia l'attività nelle giovanili della Fossanese[2] ed esordisce in prima squadra nella Saviglianese, nel Campionato Interregionale 1988-1989[3]. A fine stagione lo acquista il Torino[4], con cui esordisce in Serie A poco più che diciottenne, nella partita Lecce-Torino 1-1 del 17 marzo 1991. Nelle stagioni successive, sotto la guida di Emiliano Mondonico, si ritaglia sempre più spazio nel centrocampo granata, contribuendo alla conquista di una Coppa Italia nel 1993 e al raggiungimento della finale di Coppa Uefa persa contro l'Ajax.

Nel 1994 passa alla Fiorentina, appena promossa dalla Serie B, per 4,5 miliardi di lire[5][6]. Nella giovane squadra allenata da Claudio Ranieri si impone definitivamente nel ruolo di mediano di interdizione[7], conquistando un'altra Coppa Italia e una Supercoppa italiana nel 1996, ed entrando nel giro della Nazionale durante la stagione 1997-1998, sotto la guida di Alberto Malesani[1].

Nelle stagioni successive, tuttavia, lo spazio in campo si riduce, fino ad un minimo di 11 presenze nella stagione 2001-2002. Nell'agosto 2002 si svincola dalla società viola e passa alla Sampdoria, in Serie B[8]: con i blucerchiati gioca solamente 4 partite a causa di diversi infortuni[9], poi si trasferisce al Piacenza in cambio di Salvatore Miceli[10][9], dove colleziona altre 5 partite nella massima serie. Al termine della stagione, perseguitato da problemi fisici[11], decide di chiudere a soli 31 anni la sua carriera professionistica, nella quale ha collezionato 224 presenze e 9 reti in Serie A e 4 presenze in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha vestito la maglia della Nazionale maggiore in 3 occasioni: l'esordio avviene nell'amichevole contro la Slovacchia, nel gennaio 1998, subentrando a Luigi Di Biagio[12]. Convocato per i Mondiali del 1998[13], non è mai sceso in campo nella competizione.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Abbandonato definitivamente il mondo del calcio, diventa imprenditore immobiliare a Montecatini Terme[14]. È anche sceso in campo con la maglia della Nazionale italiana piloti[15].

Presenze in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28/01/1998 Catania Italia Italia 3 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole - Ingresso al 55’ 55’
16/12/1998 Roma Italia Italia 6 – 2 World Stars World Stars Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
10/02/1999 Pisa Italia Italia 0 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
Totale Presenze 3 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1990-1991, 1991-1992

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1992-1993
Fiorentina: 1995-1996, 2000-2001
Fiorentina: 1996

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1991

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Sandro Cois Solocalcio.com
  2. ^ Da 8 anni in A, La Stampa, 3 marzo 1999, pag.45
  3. ^ Dopo un anno e mezzo arriva il poker - Bastioni, esordio infelice, Stampa Sera, 14 novembre 1988, pag.25
  4. ^ Sala: "Cravero libero, non centrocampista", La Stampa, 31 marzo 1989, pag.20
  5. ^ Tutto Torino: vende Cois, compra Angloma, La Repubblica, 20 maggio 1994, pag.30
  6. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 11 (1994-1995), Panini, 16 luglio 2012, p. 10.
  7. ^ Fiorentina linea verde, La Repubblica, 8 novembre 1994, pag.34
  8. ^ Mercato con botto finale: dalla Fiorentina ecco Cois, La Repubblica, 30 agosto 2002, pag.16 - sez.Genova
  9. ^ a b Samp, Miceli si presenta, La Repubblica, 1º febbraio 2003, pag.12 - sez.Genova
  10. ^ Rosa 2002-2003 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Meteore e bidoni: Sandro Cois Storiapiacenza1919.it
  12. ^ Italia-Slovacchia 3-0 Italia1910.com
  13. ^ La lista dei convocati, La Repubblica, 25 maggio 1998
  14. ^ Sandro Cois: ecco cosa fa dopo il calcio, tuttomercatoweb.com, 8 dicembre 2010. URL consultato il 2 giugno 2014.
  15. ^ Sandro Cois Nazionalepiloti.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]