Giuseppe Signori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giornalista, vedi Giuseppe Signori (giornalista).
Giuseppe Signori
Giuseppe Signori - SS Lazio 1995-96.jpg
Signori capitano della Lazio nella stagione 1995-1996
Nazionalità Italia Italia
Altezza 171 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 2006
Carriera
Giovanili
1980-1984Inter
Squadre di club1
1984-1986Leffe38 (8)
1986-1987Piacenza14 (1)
1987-1988Trento31 (3)
1988-1989Piacenza32 (5)
1989-1992Foggia100 (37)
1992-1997Lazio152 (107)
1997-1998Sampdoria17 (3)
1998-2004Bologna143 (67)[1]
2004-2005Īraklīs5 (0)
2005-2006Sopron10 (3)
Nazionale
1992-1995Italia Italia28 (7)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Stati Uniti 1994
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giuseppe Signori, detto Beppe (Alzano Lombardo, 17 febbraio 1968), è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, vicecampione del mondo con la nazionale italiana nel 1994.

È il nono marcatore di sempre nella storia della Serie A avendo segnato 188 gol e vantando tre titoli di capocannoniere, vinti con la maglia della Lazio nel 1992-93, nel 1993-94 e nel 1995-96 (ex aequo con Igor Protti).[2] Inoltre ha vinto 2 volte la classifica dei cannonieri della Coppa Italia nel 1992-1993 e nel 1997-1998. È stato uno dei cinque calciatori (insieme a Giuseppe Meazza, Luigi Riva, Diego Armando Maradona e Roberto Boninsegna) ad avere vinto la classifica marcatori sia in Campionato che in Coppa Italia nella stessa stagione (nel 1992-1993).

Risulta al terzo posto tra i migliori marcatori nella storia della Lazio (di cui è stato capitano), con 127 reti; davanti a lui solo Ciro Immobile e Silvio Piola.[3] È stato inoltre inserito nella graduatoria del Pallone d'oro nelle edizioni 1993 e 1994, classificandosi rispettivamente 21º e 17º.[4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Signori proviene da una famiglia di fede cattolica. In gioventù la madre, per proteggerlo, aveva fatto benedire la sua canottiera da padre Pio: da lì, questa maglia, sarebbe diventata per lui un portafortuna per tutta la sua carriera.[5] In età adulta ha poi consolidato la propria devozione per il frate di Pietralcina, dopo essere uscito illeso da un incidente d'auto avuto nei pressi di Foggia.

Nel 1997 ha sposato Viviana Natale, Miss Cinema 1988, modella e attrice, dalla quale avrà tre figli.[6] Si è poi legato a Tina Milano, attrice che aveva conosciuto per la prima volta sul set di Scherzi a parte e reincontrata anni dopo la separazione dalla prima moglie.[6]

In seguito all'abbandono del mondo del calcio si è dedicato ad attività imprenditoriali nel settore del turismo e della ristorazione.[7]

Nel gennaio 2019 rischia l'infarto per un'embolia polmonare per la quale resta in terapia intensiva cardiologica per cinque giorni.[8]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante di piccola statura, veloce, dotato di buona tecnica[9] e di un tiro molto potente e preciso (paragonato a quello di Gigi Riva[4]), prediligeva il sinistro incrociato sul secondo palo, che divenne uno dei suoi marchi di fabbrica.[10] Ottimo esecutore di rigori, era solito tirarli da fermo, osservando i movimenti del portiere e tentando di spiazzarlo:[11][12] con 44 reti su 52 tentativi, è nel novero dei rigoristi più precisi nella storia della Serie A,[12] nonché al 5º posto per numero di realizzazioni dal dischetto.[13]

Nel suo repertorio rientravano anche le punizioni: insieme a Siniša Mihajlović, è stato l'unico giocatore capace di realizzare 3 gol su calcio piazzato in un incontro di Serie A;[14] durante gli allenamenti, per affinare la sua abilità nel gesto tecnico, era solito tentare di scavalcare con i propri tiri delle barriere artificiali «alte fino a due metri» e poste a una distanza inferiore a quella prevista in partita.[15]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi, Leffe e Piacenza[modifica | modifica wikitesto]

Signori al Piacenza nell'annata 1986-1987

All'età di dodici anni entrò nel settore giovanile dell'Inter, progredendo rapidamente le categorie e restandoci fino al 1984.

Poco più che sedicenne, comincia la sua carriera nella stagione 1984-1985 nelle file del Leffe, mettendosi in luce con 5 reti in appena 8 presenze e conquistando la promozione in C2 per la stagione 1985-1986 in cui sarà titolare (30 presenze e 3 reti). Passa poi al Piacenza in C1: il 31 agosto 1986 fa il suo esordio in Coppa Italia nella gara Campobasso-Piacenza subentrando al 61º minuto al posto di Serioli.[16] In campionato saranno soltanto 14 le presenze (1 gol).

Disputa da titolare (31 presenze) la stagione successiva nel Trento per poi tornare nel 1988-1989 al Piacenza, stavolta in Serie B e da titolare (32 presenze e 5 gol).

Foggia[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1989-1990 Signori passa in cambio di 1,5 miliardi di lire al Foggia allenato da Zdeněk Zeman, tecnico che si rivelerà fondamentale per la sua carriera, modificando la posizione in campo di Signori, che da trequartista diverrà centravanti.[17][18] Nella prima stagione con i "Satanelli" realizza 14 reti, diventando subito titolare nella formazione pugliese. Il 26 agosto 1990 sigla la sua prima rete in Coppa Italia nella gara Foggia-Lucchese 4-1.[19] Nasce in quegli anni, sotto la guida del tecnico boemo, il cosiddetto «tridente delle meraviglie»[20] Baiano-Rambaudi-Signori.

Signori in azione al Foggia nella stagione 1989-1990

Dopo due stagioni nella serie cadetta, Signori fa il suo esordio in Serie A il 1º settembre 1991 a San Siro in Inter-Foggia 1-1. Il 29 settembre 1991 mette a segno il suo primo gol nella massima serie al 70º minuto della gara Foggia-Parma, terminata poi sul risultato di 1-1. Conclude la stagione con 11 gol in 34 presenze, guadagnandosi la convocazione in nazionale con cui esordisce il 31 maggio 1992 nella U.S. Cup contro il Portogallo.

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Nelle cinque stagioni e mezza passate nelle file della Lazio, che lo acquista per 8 miliardi di lire,[21] Signori, oltre a vincere tre titoli di capocannoniere, diventa il simbolo e capitano biancoceleste.

Arrivato a Roma nell'estate del 1992 si presenta all'esordio in campionato con una doppietta a Marassi in Sampdoria-Lazio 3-3, il 6 settembre 1992. Al termine della stagione, grazie alla realizzazione di 26 reti in 32 partite, si laurea capocannoniere diventando così il leader della squadra che conquista il quinto posto in classifica e il diritto a disputare la Coppa UEFA. Tale risultato permette alla Lazio di affacciarsi sul panorama europeo dopo 15 anni dall'ultima apparizione.

Signori in azione alla Lazio nel 1992-1993, prima stagione in biancoceleste

Sotto la guida dell'allora tecnico Dino Zoff bissa il titolo di capocannoniere nella stagione successiva.

Nella stagione 1994-1995 sulla panchina della squadra romana approda Zeman, il tecnico che lanciò Signori nel grande calcio. Il 4-3-3 del boemo si incentra su Signori, e la Lazio raggiunge il secondo posto in classifica (all'epoca miglior piazzamento, insieme a quello dell'annata 1936-1937, dopo la stagione 1973-1974 che la vide Campione d'Italia) alle spalle della Juventus di Lippi e raggiunge per la prima volta i quarti di finale di una competizione europea, la Coppa UEFA 1994-1995.

L'affetto che lega Signori ai tifosi della Lazio può essere riassunto nell'episodio dell'11 giugno 1995, quando l'allora patron Sergio Cragnotti annuncia la cessione dell'attaccante al Parma. La notizia innesca la protesta dei tifosi laziali che si riversano in massa nelle strade di Roma con destinazione via Novaro, dove ha sede la società, per contestare la partenza del giocatore. La dirigenza laziale che non si aspettava una reazione del genere, comincia a preoccuparsi e rivede le proprie strategie di mercato: con grande disappunto, Cragnotti si vede costretto, nella sera di quello stesso giorno, a comunicare l'interruzione di ogni trattativa di mercato e addirittura la volontà di vendere il pacchetto azionario di maggioranza del club.[22]

Nella stagione 1995-1996 è ancora una volta protagonista: vince per la terza volta il titolo di capocannoniere con 24 reti, contribuendo in maniera sostanziale al raggiungimento del terzo posto in campionato.

Signori in azione con la squadra capitolina nella stagione 1993-1994, per la seconda volta consecutiva bomber di Serie A con 23 gol

Il 1996-1997 è l'anno che vede un cambio in corsa sulla panchina della Lazio: dalla 19º giornata (il 2 febbraio 1997) è di nuovo Zoff a prendere la guida tecnica della squadra che con Zeman non si stava più esprimendo sui livelli delle due stagioni precedenti, trovandosi al dodicesimo posto. Il tecnico friulano che conosce molto bene Signori, pur cambiando modulo (dal 4-3-3 al 4-4-2) riesce a sfruttare le sue qualità che contribuiscono, grazie alle ulteriori 8 reti, alla risalita della squadra fino al quarto posto.

La stagione 1997-1998 vede l'arrivo sulla panchina biancoceleste dello svedese Sven Goran Eriksson e l'ingaggio della "bandiera" della Sampdoria Roberto Mancini assieme ai centrocampisti Almeyda e Jugović, oltre al ritorno di Bokšić. L'avvio in Coppa Italia è fulminante: 6 reti in 4 partite per Signori che, pur non terminando la stagione con le Aquile, riesce lo stesso a laurearsi capocannoniere – in virtù di quelle 6 reti – della manifestazione. A causa del modulo prediletto da Eriksson, il 4-4-2, Signori comincia ad essere relegato sempre più spesso in panchina e ad accettare sempre meno le decisioni del tecnico. La goccia che fa traboccare il vaso è l'episodio di Vienna: Eriksson fa riscaldare a lungo l'attaccante senza farlo poi entrare nella gara valevole per gli ottavi di finale di Coppa UEFA contro il Rapid Vienna. A seguito di quell'episodio, viene decisa la cessione di Signori alla Sampdoria.[23] L'ultima rete di Signori con la maglia biancoceleste risulta così essere la terza marcatura di Lazio-Rotor 3-0, valida per il ritorno dei sedicesimi di Coppa UEFA disputata il 4 novembre 1997.[24] L'ultima gara disputata con la Lazio dall'attaccante di Alzano Lombardo è Napoli-Lazio del 19 novembre 1997, valida per il ritorno degli ottavi di finale di Coppa Italia 1997-98, edizione vinta proprio dalla squadra biancoceleste.

La lunga e intensa esperienza di Signori in maglia biancoceleste si conclude con 127 reti complessive (terzo posto assoluto dietro Ciro Immobile e Silvio Piola) in 195 presenze. Per quanto concerne le gare di campionato si attesta al terzo posto con 107 reti, sempre dietro ai succitati Piola (143) e Immobile (123); per le gare di Coppa Italia risulta secondo con 17 reti, dietro al solo Bruno Giordano fermatosi a quota 18. Sono solo 3 le reti messe a segno nelle coppe europee.

Sampdoria e Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 1997 passa alla Sampdoria, che lo acquista in comproprietà per 7,5 miliardi di lire.[25] Fa il suo esordio in maglia blucerchiata il 7 dicembre 1997 nella gara Sampdoria-Inter 1-1, rilevato al 51º minuto da Klinsmann.[26] L'esperienza nella squadra ligure si conclude dopo sei mesi con 3 reti e 17 presenze.

Signori in azione al Bologna nel campionato 1999-2000.

Nel 1998 la Lazio lo cede al Bologna in prestito con diritto di riscatto.[27] Arriva a Bologna nel luglio 1998 con la squadra in ritiro a Sestola: la prima partita ufficiale è la gara di andata della finale dell'Intertoto contro il Ruch Chorzów l'11 agosto 1998. Nella gara di ritorno in Polonia, il 25 agosto, realizza il suo primo gol con la maglia rossoblu e vince la Coppa Intertoto. Nella prima stagione a Bologna conferma la sua vena realizzativa e conquista l'affetto dei tifosi: saranno 23 le reti complessive in 47 presenze. A differenza di quanto accadeva con la maglia della Lazio, a Bologna Signori entra spesso nel tabellino dei marcatori anche in Europa: in 12 presenze tra Coppa UEFA 1998-1999 e Intertoto mette a segno 6 reti. Nel giugno 1999 viene ceduto definitivamente al Bologna, a parziale contropartita nell'affare Kennet Andersson.[28][29]

Nella lunga e proficua militanza con la maglia rossoblù, la maggiore della sua carriera con sei stagioni, Signori ha disputato complessivamente 178 incontri e segnato 84 reti: 67 reti in serie A (più una nello spareggio contro l'Inter per l'accesso alla Coppa UEFA 1998-1999), risultando quarto assoluto tra i marcatori del Bologna nelle Coppe europee di tutti i tempi, con 14 reti. Sono solo 2, invece le reti messe a segno in Coppa Italia. Nel marzo 2004 Signori annunciò la volontà di voler lasciare il club al termine della stagione.[30] Nella penultima partita della stagione 2003-2004, i tifosi gli regalarono una vasta coreografia e imponenti festeggiamenti.[30][31] Dopo tredici stagioni in Serie A lasciò il calcio italiano, con 188 gol in 344 presenze nella massima serie.

Īraklīs e Sopron[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una breve apparizione nel Milan, con la quale maglia scese in campo in due amichevoli nel corso della tournée estiva del club in Cina, Signori firmò un contratto annuale con i greci dell'Īraklīs,[32] ma, complice un serio infortunio che lo costrinse a restare fuori per quasi tutta la seconda parte di stagione,[33] riuscì a collezionare poche presenze segnando un'unica marcatura in Coppa di Grecia contro il Keratsini. Lasciò la squadra greca a fine stagione.[34]

Durante l'estate 2005, dopo alcune amichevoli giocate con Pro Vasto e Debrecen,[35] firmò un contratto annuale con gli ungheresi del Sopron.[34][36] Nella stagione 2005-2006, contribuendo a far crescere la fama del club anche in Europa, e trovando i connazionali Luigi Sartor e Nicola Silvestri, segnò le sue prime reti in Coppa d'Ungheria nella vittoria giunta per 5-1 ai danni del Zalaegerszeg, e successivamente andando a segno anche in campionato segnando la terza ed ultima rete nella vittoria casalinga contro il Pecs. Al termine della stagione, trentottenne, con un bilancio di 5 gol in 12 presenze, il calciatore rescisse consensualmente il contratto e annunciò il suo ritiro dal calcio giocato.[33][37] Nel luglio 2007, infine, si unì alla rappresentativa dei calciatori svincolati dell'Associazione Italiana Calciatori a Coverciano, ma, non avendo ricevuto offerte stimolanti, decise di ritirarsi definitivamente dal calcio giocato, conseguendo il patentino di allenatore.[38]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in nazionale a 24 anni, il 31 maggio 1992, nella partita Italia-Portogallo (0-0) valevole per la prima edizione della U.S. Cup.

Gioca con gli Azzurri nel periodo della gestione di Arrigo Sacchi e viene convocato per il campionato del mondo 1994. Nel corso della manifestazione viene impiegato come attaccante soltanto nella prima partita contro l'Irlanda, in coppia con Roberto Baggio, e successivamente come centrocampista. L'impiego a centrocampo limita le capacità realizzative dell'allora attaccante laziale che non va mai a segno, ma serve comunque assist importanti: la punizione per la testa di Dino Baggio nella partita vinta con la Norvegia per 1-0 e il passaggio per Roberto Baggio contro la Spagna per il 2-1 finale, giocate entrambe finalizzate in reti decisive per la vittoria finale. Conclude il Mondiale con 6 presenze per un totale di 390 minuti, risultando tra i giocatori più utilizzati da Sacchi. Il ruolo di centrocampista gli crea malumore e il conseguente conflitto scaturito dalla sua posizione in campo lo porta a rifiutare l'ingresso tra i titolari nella semifinale con la Bulgaria, decisione che in pratica lo esclude dalla finale persa col Brasile.[39].

In poco più di tre anni, dal giugno 1992 al settembre 1995 ovvero il periodo in cui è convocato, totalizza 28 presenze e 7 reti in nazionale.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al ritiro dall'attività agonistica ha intrapreso la carriera di commentatore sportivo sia in televisione che in radio. Durante il campionato del mondo 2006 è stato uno degli opinionisti nei programmi della Rai. È passato a Rai Radio 1 nella stagione calcistica 2007-2008 e a lui è stato affidato il commento tecnico per il programma Domenica Sport subito dopo le radiocronache del campionato di Tutto il calcio minuto per minuto. Nella stagione 2010-2011 entra a far parte della squadra di opinionisti di Mediaset Premium.

Frattanto, dal maggio 2008[40] al gennaio 2009[41] è stato consulente personale dell'amministratore unico della Ternana.

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º giugno 2011 è tra gli arrestati dalla Polizia[42] nell'ambito di un'inchiesta legata alle scommesse nel mondo del calcio: viene inizialmente posto agli arresti domiciliari,[43] poi revocati due settimane dopo.[44]

Il successivo 9 agosto la Commissione disciplinare della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) gli commina cinque anni di squalifica con preclusione da qualsiasi categoria o rango della Federazione;[45] la richiesta del pubblico ministero era di cinque anni di squalifica, più preclusione, più un anno e sei mesi in continuazione. Il 26 aprile 2012, dopo aver fatto ricorso al Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, gli viene confermata la squalifica quinquennale.

In ambito penale Signori rimane soltanto indagato:[46] l'accusa degli inquirenti è che Signori, insieme a Luigi Sartor, Luca Burini e al commercialista Daniele Ragone, tramite la Clever Overseas, società con sede a Panama e domiciliata e amministrata dalla società fiduciaria Pieffeci Professional Consulting di Lugano, abbia ripulito il denaro (almeno 600 000 euro) proveniente dalle scommesse di Singapore della Raffles Money Change Pte Ltd.[47] Il 9 febbraio 2015 la procura di Cremona termina le indagini e formula per lui e per i commercialisti Manlio Bruni e Francesco Giannone l'accusa di associazione a delinquere;[48] il 7 luglio seguente la stessa procura chiede il rinvio a giudizio per Signori e altri 103 indagati.[49] Il 15 febbraio 2020 scatta la prescrizione,[8] istituto a cui Signori, alla luce di una querelle giudiziaria che si protrae da nove anni, decide di non rinunciare:[50] il 15 dicembre dello stesso anno il tribunale di Cremona emette quindi sentenza di non doversi procedere per la sopravvenuta estinzione del reato.[50]

Il 23 febbraio 2021 arriva per lui una prima assoluzione da parte del tribunale di Piacenza, in uno dei filoni secondari dell'inchiesta, perché «il fatto non sussiste» circa la gara Piacenza-Padova del 2 ottobre 2010.[51] Il successivo 30 marzo viene assolto anche dal tribunale di Modena, in primo grado e sempre «perché il fatto non sussiste», dall'accusa di combine nelle gare Modena-Sassuolo e Modena-Siena del 2011.[52]

In virtù del succitato iter processuale seguito dalla giustizia ordinaria, il 1º giugno 2021, a dieci anni esatti dal giorno del suo arresto, Signori viene riabilitato dalla FIGC con un provvedimento di grazia emesso dal presidente Gabriele Gravina.[53]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1984-1985 Italia Leffe D 8 5 CI-Dil. 1 2 - - - - - - 9 7
1985-1986 C2 30 3 CI-C 3 1 - - - - - - 33 4
Totale Leffe 38 8 4 3 - - - - - 42 11
1986-1987 Italia Piacenza C1 14 1 CI+CI-C 3+1 0+0 - - - - - - 18 1
1987-1988 Italia Trento C1 31 3 CI-C 9 7 - - - - - 40 10
1988-1989 Italia Piacenza B 32 5 CI 5 0 - - - - - - 37 5
Totale Piacenza 46 6 9 0 - - - - - 55 6
1989-1990 Italia Foggia B 34 15 CI 0 0 - - - - - - 34 15
1990-1991 B 34 11 CI 3 1 - - - - - - 37 12
1991-1992 A 32 11 CI 2 0 - - - - - - 34 11
Totale Foggia 100 37 6 1 - - - - 105 38
1992-1993 Italia Lazio A 32 26 CI 6 6 - - - - - - 38 32
1993-1994 A 24 23 CI 1 0 CU 3 0 - - - 28 23
1994-1995 A 27 17 CI 5 4 CU 7 0 - - - 39 21
1995-1996 A 31 24 CI 4 1 CU 3 1 - - - 38 26
1996-1997 A 32 15 CI 4 0 CU 3 0 - - - 39 15
lug.-dic. 1997 A 6 2 CI 4 6 CU 3 2 - - - 13 10
Totale Lazio 152 107 24 17 19 3 - - 195 127
dic. 1997-1998 Italia Sampdoria A 17 3 CI - - CU - - - - - 17 3
1998-1999 Italia Bologna A 28+2[54] 15+1[55] CI 5 1 Int.+CU 1+10 1+5 - - - 46 23
1999-2000 A 31 15 CI 1 0 CU 6 4 - - - 38 19
2000-2001 A 23 16 CI 2 1 - - - - - - 25 17
2001-2002 A 14 3 CI 1 0 - - - - - - 15 3
2002-2003 A 24 12 CI 0 0 Int 4 4 - - - 28 16
2003-2004 A 23 6 CI 1 0 - - - - - - 24 6
Totale Bologna 143+2 67+1 10 2 21 14 - - 176 84
2004-2005 Grecia Īraklīs AE 5 0 CG 2 1 - - - - - - 7 1
2005-2006 Ungheria Sopron NBI 10 3 MK 2 2 CU 0[56] 0 MS 0 0 12 5
Totale carriera 542+2 234+1 66 33 40 17 0 0 650 285

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31-5-1992 New Haven Italia Italia 0 – 0 Portogallo Portogallo U.S. Cup 1992 - Ingresso al 81’ 81’
4-6-1992 Boston Italia Italia 2 – 0 Irlanda Irlanda U.S. Cup 1992 1
6-6-1992 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 1 – 1 Italia Italia U.S. Cup 1992 -
9-9-1992 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 3 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 78’ 78’
18-11-1992 Glasgow Scozia Scozia 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1994 - Uscita al 66’ 66’
19-12-1992 La Valletta Malta Malta 1 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 1994 1
20-1-1993 Firenze Italia Italia 2 – 0 Messico Messico Amichevole -
24-2-1993 Porto Portogallo Portogallo 1 – 3 Italia Italia Qual. Mondiali 1994 -
24-3-1993 Palermo Italia Italia 6 – 1 Malta Malta Qual. Mondiali 1994 1
14-4-1993 Trieste Italia Italia 2 – 0 Estonia Estonia Qual. Mondiali 1994 1
1-5-1993 Berna Svizzera Svizzera 1 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1994 -
17-11-1993 Milano Italia Italia 1 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1994 - Uscita al 76’ 76’
23-3-1994 Stoccarda Germania Germania 2 – 1 Italia Italia Amichevole -
27-5-1994 Parma Italia Italia 2 – 0 Finlandia Finlandia Amichevole 1
3-6-1994 Roma Italia Italia 1 – 0 Svizzera Svizzera Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
11-6-1994 New Haven Italia Italia 1 – 0 Costa Rica Costa Rica Amichevole 1
18-6-1994 New York Italia Italia 0 – 1 Irlanda Irlanda Mondiali 1994 - 1º turno - Uscita al 84’ 84’
23-6-1994 New York Italia Italia 1 – 0 Norvegia Norvegia Mondiali 1994 - 1º turno -
28-6-1994 Washington Italia Italia 1 – 1 Messico Messico Mondiali 1994 - 1º turno -
5-7-1994 Boston Nigeria Nigeria 1 – 2 dts Italia Italia Mondiali 1994 - Ottavi di finale - Uscita al 63’ 63’
9-7-1994 Boston Italia Italia 2 – 1 Spagna Spagna Mondiali 1994 - Quarti di finale - Ingresso al 46’ 46’
13-7-1994 New York Italia Italia 2 – 1 Bulgaria Bulgaria Mondiali 1994 - Semifinale - Ingresso al 71’ 71’
7-9-1994 Maribor Slovenia Slovenia 1 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1996 -
8-10-1994 Tallinn Estonia Estonia 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1996 -
21-12-1994 Pescara Italia Italia 3 – 1 Turchia Turchia Amichevole -
19-6-1995 Losanna Svizzera Svizzera 0 – 1 Italia Italia Centenario Fed.Svizzera -
21-6-1995 Zurigo Italia Italia 0 – 2 Germania Germania Centenario Fed.Svizzera - Ingresso al 65’ 65’
6-9-1995 Udine Italia Italia 1 – 0 Slovenia Slovenia Qual. Euro 1996 - Ingresso al 46’ 46’
Totale Presenze 28 Reti (49º posto) 7

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Ordine e Giuseppe Signori, Il sogno di una A, Carlo Mancosu editore, 1991.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 145 (68) se si comprendono lo spareggio in doppio confronto per l'accesso alla Coppa UEFA contro l'Inter della stagione 1998-1999.
  2. ^ Chi è Signori, l'ex bomber con la mania di scommettere, su sport.sky.it, 1º giugno 2011. URL consultato il 1º giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2014).
  3. ^ Record, su sslazio.it.
  4. ^ a b Giorgio Dell'Arti, Biografia di Giuseppe Signori, su cinquantamila.it, 3 settembre 2014.
  5. ^ Beppe Signori presenta il suo libro “Il Sinistro di Signori” giovedi 28 novembre ad Ariccia, su sportpress24.com, 24 novembre 2019.
  6. ^ a b Viviana e Tina, i due grandi amori di Beppe Signori, su golditacco.it, 17 febbraio 2019.
  7. ^ Luca Bortolotti, Un ristorante da Signori, Beppe-gol si dà alla cucina, su bologna.repubblica.it, 28 novembre 2011.
  8. ^ a b G.B. Olivero, Dopo prescrizione e assoluzioni ecco la grazia, in La Gazzetta dello Sport, 2 giugno 2021, p. 23.
  9. ^ Bocchio, Tosco, p. 188.
  10. ^ Sfide, a 46:21.
  11. ^ Sfide, a 47:05.
  12. ^ a b Claudio Savelli, L'intervista a Giuseppe Signori: "Vi spiego io come non si sbaglia un rigore", su liberoquotidiano.it, 14 dicembre 2016. URL consultato il 5 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2018).
  13. ^ Roberto Vinciguerra, I migliori rigoristi della storia della serie A, su blog.guerinsportivo.it, 15 luglio 2011. URL consultato il 5 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).
  14. ^ A differenza di Mihajlović, che segnò tutte e tre le reti con tiri diretti, Signori realizzò le prime due con punizioni «di seconda», avvalendosi dei passaggi di Claudio Sclosa. Cfr. Lanfredo Birelli, Record Mihajlovic: mai 3 gol su punizione diretta, in La Gazzetta dello Sport, 14 dicembre 1998. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  15. ^ Fabrizio Salvio, Professione cecchino, in La Gazzetta dello Sport, 13 marzo 2004.
  16. ^ Panini, 1987, p. 294.
  17. ^ Sfide, a 45:21.
  18. ^ Valentina Desalvo, Io e Zeman, che Signori, in la Repubblica, 21 ottobre 2000, p. 8, sez. Bologna.
  19. ^ Panini, 1991, p. 293.
  20. ^ Roberto Rambaudi [collegamento interrotto], su usfoggia.it.
  21. ^ Panini, 2012, p. 10.
  22. ^ Roma si ribella, Signori non parte, in la Repubblica, 13 giugno 1995, p. 43.
  23. ^ Giuseppe Toti, Signori scaricato, destinazione Samp, in Corriere della Sera, 28 novembre 1997, p. 44 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2011).
  24. ^ Panini, 1998, p. 700.
  25. ^ Signori alla Sampdoria. Costo dell'operazione: 7 miliardi e mezzo., su www2.raisport.rai.it, 29 novembre 1997. URL consultato il 1º marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2009).
  26. ^ Panini, 1998, p. 178.
  27. ^ Antonello Capone e Carlo Laudisa, Signori al Bologna di Mazzone: affare fatto. "Vedrete, mi riscatterò come Robi Baggio", in La Gazzetta dello Sport, 2 luglio 1998.
  28. ^ Andrea Sorrentino, Roma, resta Delvecchio. Lazio, arriva Andersson, in la Repubblica, 11 giugno 1999, p. 12, sez. Roma.
  29. ^ Beppe Signori ha raggiunto ieri un accordo triennale con il Bologna, in La Gazzetta dello Sport, 30 giugno 1999.
  30. ^ a b Stagione 2003-2004: il ritorno di Mazzone, l’ultimo anno di Signori e l’inizio della battaglia contro il ‘doping amministrativo’, in Zerocinquantuno, 16 agosto 2020. URL consultato il 9 giugno 2021.
  31. ^ Il Bologna pareggia con il Lecce. Addio fra le lacrime per Signori, in la Repubblica, 9 maggio 2004. URL consultato il 9 giugno 2021.
  32. ^ Signori in Grecia, in UEFA, 2 agosto 2004. URL consultato il 9 giugno 2021.
  33. ^ a b (HU) Régi jó légió: Giuseppe Signori, in fourfourtwo.hu, 20 maggio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  34. ^ a b (EN) Signori coup for Sopron, in UEFA, 20 ottobre 2005. URL consultato il 10 giugno 2021.
  35. ^ (EN) Debrecen desperate to get started, in UEFA, 30 luglio 2005. URL consultato il 9 giugno 2021.
  36. ^ Ungheria: Signori firma per gli ungheresi del Sopron, in La Gazzetta dello Sport, 20 ottobre 2005. URL consultato il 10 giugno 2021.
  37. ^ Ungheria: Signori-Sopron, l'avventura è finita, in La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2006. URL consultato il 10 giugno 2021.
  38. ^ Mister Signori: "Bologna, tornerò", in il Resto del Carlino, 26 luglio 2007. URL consultato il 10 giugno 2021.
  39. ^ Storia e aneddoti, su sport.it, 6 gennaio 2001 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2009).
  40. ^ Signori nuovo consulente di Stefano De Dominicis, su ternanacalcio.com, 28 maggio 2008.
  41. ^ Dominicis ha accettato le dimissioni di Giuseppe Signori, su ternanacalcio.com, 28 gennaio 2009.
  42. ^ Calcio-scommesse; ai domiciliari ex rossoblù Beppe Signori, su ansa.it, 1º giugno 2011.
  43. ^ Calcioscommesse, Signori: "Abbiate pietà, non posso dire nulla", su tuttonapoli.net (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2014).
  44. ^ Scommesse, revocati i domiciliari a Signori, su corrieredellosport.it. URL consultato il 14 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2011).
  45. ^ Cinque anni di squalifica a Beppe Signori, su corrieredibologna.corriere.it.
  46. ^ Scommesse, pugno duro con Signori squalifica di 5 anni e radiazione, su bologna.repubblica.it.
  47. ^ Ragone, Sartor e Signori. Quei soldi ripuliti in Svizzera, su parma.repubblica.it, 28 maggio 2012.
  48. ^ Calcioscommesse: pm Cremona chiude indagini. Verso il rinvio a giudizio per 130, su repubblica.it, 9 febbraio 2015.
  49. ^ Calcioscommesse, chiesto rinvio a giudizio per Conte, su corrieredellosport.it, 7 luglio 2015.
  50. ^ a b Calcioscommesse, prescritto il processo di Cremona. Signori: "Mi hanno rovinato la vita", su repubblica.it, 15 dicembre 2020.
  51. ^ Calcioscommesse, Beppe Signori assolto con formula piena: "Giustizia è fatta, su bologna.repubblica.it, 23 febbraio 2021.
  52. ^ Calcioscommesse: Signori assolto per due partite a Modena, su ansa.it, 30 marzo 2021.
  53. ^ Il presidente Gravina concede la grazia a Giuseppe Signori, su figc.it, 1º giugno 2021.
  54. ^ Presenze nello spareggio per l'accesso alla Coppa UEFA 1999-2000 tra le due semifinaliste di Coppa Italia.
  55. ^ Reti nello spareggio per l'accesso alla Coppa UEFA 1999-2000 tra le due semifinaliste di Coppa Italia.
  56. ^ Nei turni preliminari.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio '88, Modena, Panini, 1987.
  • Almanacco illustrato del calcio '92, Modena, Panini, 1991.
  • Almanacco illustrato del calcio '99, Modena, Panini, 1998.
  • Sandro Bocchio e Giovanni Tosco, Dizionario della grande Lazio, Roma, Newton Compton Editori, 2000, ISBN 978-88-8289-495-5.
  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, vol. 9 (1992-1993), ed. speciale per La Gazzetta dello Sport, Modena, Panini, 2 luglio 2012.

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]