Aurelio Milani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aurelio Milani
Milani in Fiorentina.jpg
Milani alla Fiorentina
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Carriera
Giovanili
1950-1952 Aurora Desio
Squadre di club1
1952-1953 Atalanta 0 (0)
1953-1955 Fanfulla 40 (6)
1955-1957 Simmenthal-Monza 64 (37)
1957-1958 Triestina 30 (17)
1958-1960 Sampdoria 44 (14)
1960-1961 Padova 33 (18)
1961-1963 Fiorentina 51 (23)
1963-1965 Inter 29 (7)
1966-1967 Verbania 8 (1)
Nazionale
1964 Italia Italia 1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Aurelio Milani (Desio, 14 maggio 1934Borgo Ticino, 25 novembre 2014[1]) è stato un calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Ha giocato per diverse squadre italiane di Serie A e Serie B (157 presenze e 62 reti in massima serie, 100 presenze e 54 reti fra i cadetti), vincendo la classifica marcatori in entrambe le categorie e ha registrato una presenza nella nazionale italiana.

Con la Grande Inter, in due stagioni ha vinto due Coppe dei Campioni, una Coppa Intercontinentale e uno scudetto.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Era un centravanti dotato di forza fisica, potenza di tiro, buona rapidità e abilità nei colpi di testa.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Emerge nelle giovanili dell'Aurora Desio agli inizi degli anni 1950, per poi essere scoperto dagli osservatori dell'Atalanta, squadra che lo invia al Fanfulla nel 1953-1954 in Serie B e nel 1954-1955 in Serie C. Il Monza, al tempo marchiato Simmenthal, lo riporta tra i professionisti.

Con la maglia biancorossa il giocatore brianzolo segnò per 37 volte in due campionati di B, conquistando alla sua prima stagione il titolo di capocannoniere tra i cadetti. Le buone prestazioni convincono i dirigenti della Triestina a tesserarlo: il centravanti mette a segno 17 centri in 30 presenze sempre in B.

L'esordio in Serie A[modifica | modifica wikitesto]

L'anno dopo avviene il suo esordio in Serie A il 21 settembre 1958 con la maglia blucerchiata in Lazio-Sampdoria, finita 1-0 a favore dei padroni di casa. Dopo tanto peregrinare, nel 1958-1959, a Genova, sulla sponda doriana, va a formare un trio con Mora e Cucchiaroni, segnando 13 gol nella sua prima stagione.

Nell'annata 1959-1960, durante l'incontro tra i blucerchiati e il Bologna, subì un infortunio a una gamba che lo fece restare fuori dai campi per un periodo.[3]

Capocannoniere in Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Sarti, l'allenatore Hidegkuti e Milani alla Fiorentina nella stagione 1961-1962

Lo recuperò Nereo Rocco nel suo Padova in cui Milani, con a fianco Crippa, segna 18 volte. Nell'estate 1961 il nuovo presidente della Fiorentina Longinotti, avendo in mano una squadra che solo a maggio aveva vinto la Coppa delle Coppe, acquista Milani dai padovani a completare l'attacco, aggiungendo Milani ai già presenti Petris e Hamrin.

In attacco Milani rimane senza gol fino alla 5ª giornata, ma alla 6ª, il 24 settembre 1961 in Fiorentina-Udinese 5-2, gara con cui Dino Zoff debutta in Serie A, Milani segna una doppietta, le prime reti subite in carriera dal portiere friulano[4], sbloccandosi. Al termine della Serie A 1961-1962 Milani aveva messo a referto 22 reti: questo gli permise di vincere la classifica marcatori di quell'anno, insieme a José Altafini.[5]

L'approdo alla Grande Inter[modifica | modifica wikitesto]

Milani ai tempi della Grande Inter

Dopo un'annata 1962-1963 non positiva, Milani viene acquistato dall'Inter. Con i nerazzurri resterà due stagioni: Milani chiude la prima con 18 presenze e 7 reti in Serie A (terzo miglior marcatore del club), una presenza in Coppa Italia, 3 in Coppa dei Campioni con una rete, quella del provvisorio 2-0 nella finale contro il Real Madrid vinta 3-1 dai campioni d'Italia. Milani è titolare anche nel match di ritorno e nello spareggio della Coppa Intercontinentale vinta dall'Inter contro l'Independiente. Nella stagione 1964-65 Milani parte tra i titolari, ma l'11 novembre 1964, nel corso dell'andata degli ottavi di finale di Coppa dei Campioni contro la Dinamo Bucarest, match in cui segna il gol del definitivo 6-0, riceve una ginocchiata alla schiena che gli sposta una vertebra. Giocherà ancora qualche partita con i nerazzurri, ma il 24 gennaio 1965 è costretto, a causa dell'infortunio, a disputare, a meno di trentun anni, l'ultimo incontro della carriera in casa contro il Varese. Chiuderà così la stagione, in cui l'Inter vince scudetto, Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale (a cui però Milani non prenderà parte) con 11 presenze in Campionato, una presenza e una rete in Coppa dei Campioni.

Il suo palmarès con i nerazzurri è pertanto rappresentato da uno scudetto, due Coppe dei Campioni e una Coppa Intercontinentale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club in Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1958-1959 Italia Sampdoria A 34 13
1959-1960 A 10 1
Totale Sampdoria 44 14
1960-1961 Italia Padova A 33 18
1961-1962 Italia Fiorentina A 33 22
1962-1963 A 18 1
Totale Fiorentina 51 23
1963-1964 Italia Inter A 18 7
1964-1965 A 11 -
Totale Inter 29 7
Totale 157 62

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-5-1964 Losanna Svizzera Svizzera 1 – 3 Italia Italia Amichevole 0
Totale Presenze 1 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Milani con la maglia azzurra.

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Triestina: 1957-1958
Inter: 1964-1965

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1963-1964, 1964-1965
Inter: 1964

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1955-1956 (23 gol)
1961-1962 (22 gol, ex aequo con Altafini)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto Aurelio Milani, centravanti della 'Grande Inter' di Herrera Repubblica.it
  2. ^ La presenza di Milani centravanti tra gli interisti preoccupa il difensore juventino Sandro Salvadore, in La Stampa, 18 dicembre 1963, p. 8.
  3. ^ Giulio Accatino, Prima sconfitta del Bologna, in Stampa Sera, 23 novembre 1959, p. 5.
  4. ^ Corriere dello Sport, 25 settembre 1961, pagina 8 Archiviato il 14 aprile 2014 in Internet Archive. emeroteca.coni.it
  5. ^ Mosti, p. 74.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giansandro Mosti, Almanacco Viola 1926-2004, Firenze, Scramasax, 2004.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Aurelio Milani, su national-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Aurelio Milani, su transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • Aurelio Milani, su calcio.com, HEIM:SPIEL Medien GmbH. Modifica su Wikidata