Santiago Vernazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santiago Vernazza
Santiago Vernazza1.jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 178 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1964
Carriera
Squadre di club1
1947-1951Platense109 (53)
1951-1956River Plate154 (72)
1957-1960Palermo115 (51)
1960-1961Milan29 (14)
1961-1964Lanerossi Vicenza30 (3)
Nazionale
1950-1955 Argentina Argentina 6 (1)
Carriera da allenatore
1960Palermo
Palmarès
Transparent.png Campeonato Sudamericano
Oro Cile 1955
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Julio Carlos Santiago Vernazza – detto Ghito – (Buenos Aires, 26 agosto 1928Buenos Aires, 13 novembre 2017[1]) è stato un calciatore argentino, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Possedeva un tiro molto potente[2][3] e preciso.[4] La sua peculiarità era quella di stoppare il pallone con la coscia e tirare al volo.[4] Possedeva anche senso della posizione.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Debutta nel calcio professionistico nel 1947 con il Club Atlético Platense, per passare poi, nel 1951, al più blasonato River Plate con cui vince quattro campionati argentini (1952, 1953, 1955, 1956) e il titolo di capocannoniere del 1956; in Argentina, in questi anni, viene considerato da giornali quali "El Gráfico", come un calciatore capace di alternare prestazioni eccellenti a giornate negative.[5]

Nel mercato di gennaio del 1957 si trasferisce in Italia, al Palermo, dove rimane per tre stagioni e mezzo, una e mezza in Serie A e due in Serie B, collezionando 115 partite con 51 gol e vincendo il titolo di capocannoniere del campionato di Serie B 1958-1959 (primo straniero a vincere la classifica marcatori del campionato cadetto). Aveva un ingaggio di 7 milioni di lire all'anno.[6] Alla sua prima apparizione allo Stadio La Favorita venne fischiato dal pubblico, ma oggi viene considerato il più grande giocatore straniero che abbia vestito i colori rosanero[7] e nel 2000 è stato eletto quale miglior giocatore rosanero del secolo.[8] Storici sono la sua tripletta negli ultimi sei minuti della partita contro il Como nella stagione 1958-1959 con la squadra sotto per 1-0[3] e una sua punizione segnata da quasi quaranta metri contro l'Alessandria.[8]

Dei siciliani è stato anche allenatore per un solo giorno, all'età di quasi 32 anni, il 15 maggio della Serie A 1959-1960 in Inter-Palermo (3-3): sostituisce infatti Čestmír Vycpálek, esonerato dalla guida del Palermo a poche ore dall'inizio della partita, per decisione dell'allora segretario Totò Vilardo.[9][10]

In totale, con il Palermo ha segnato 54 goal in 121 partite: 62 presenze e 31 reti in Serie B, 53 presenze e 20 reti in Serie A, 5 presenze e 2 reti in Coppa Italia e 1 presenza con 1 rete in Coppa delle Alpi, qui nella gara in trasferta del 1960 vinta contro lo Zurigo, 0-2, che sarà anche la sua ultima marcatura con la squadra siciliana.

Nella stagione 1960-1961 passa al Milan per 100 milioni di lire,[11] dove gioca 29 partite e segna 14 gol che valgono il secondo posto alla compagine rossonera alle spalle della Juventus.

Nell'estate del 1961 si trasferisce al Lanerossi Vicenza dove gioca altri due campionati (30 presenze e 3 gol in maglia biancorossa), prima di ritirarsi a 35 anni, nel 1963.

Nell'aprile del 2009 è tornato nella città di Palermo ed è stato premiato con una maglia ufficiale prima della partita casalinga tra la stessa squadra rappresentativa rosanero e il Torino, del campionato di Serie A 2008-2009 (1-0).[12]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro apre una segheria e un'azienda di trasporti a Buenos Aires.[13] Ha anche una scuola calcio nella periferia di Baires, nel quartiere Aldobonzi.[8]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: 1952, 1953, 1955, 1956
Campionato Sudamericano:
Argentina 1955
Capocannoniere: Primera Division 1951 (22 reti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Falleció Santiago Vernazza, un grande de la historia de nuestro fútbol (es) Cadenadelsol.com.ar
  2. ^ Giuseppe Bagnati; Vito Maggio; Vincenzo Prestigiacomo, Il Palermo racconta: storie, confessioni e leggende rosanero, Palermo, Grafill, giugno 2004, p. 71, ISBN 88-8207-144-8.
  3. ^ a b Luigi Tripisciano, Album rosanero, Palermo, Flaccovio Editore, giugno 2004, p. 16, ISBN 88-7804-260-9.
  4. ^ a b c Luigi Tripisciano, Album rosanero, Palermo, Flaccovio Editore, giugno 2004, p. 137, ISBN 88-7804-260-9.
  5. ^ Il calcio e il ciclismo illustrato, numero 2, 10 gennaio 1957, p. 2
  6. ^ Luigi Tripisciano, Album rosanero, Palermo, Flaccovio Editore, giugno 2004, p. 104, ISBN 88-7804-260-9.
  7. ^ Ghito Vernazza: il più grande Livesicilia.it
  8. ^ a b c Palermo e i gol dai Toni alti archiviostorico.gazzetta.it
  9. ^ Vecchie glorie: Vernazza allenatore per un giorno Repubblica.it
  10. ^ Glorie Rosanero, Santiago "Ghito" Vernazza Tuttopalermo.net
  11. ^ Gli anni '60 Cuorerosanero.com
  12. ^ Premiato Ghito Vernazza Ilpalermocalcio.it
  13. ^ Giulio Accatino, Vernazza, ex baffuto, in La Stampa Sera, pag.7, 16 febbraio 1960. URL consultato il 17 ottobre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]