Harald Nielsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harald Nielsen
Bo-fc-harald-nielsen.jpg
Nome Harald Ingemann Nielsen
Nazionalità Danimarca Danimarca
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1959-1961 Frederikshavn Frederikshavn 50 (44)
1961-1967 Bologna 157 (81)
1967-1968 Inter 8 (2)
1968-1969 Napoli 10 (2)
1969-1970 Sampdoria 4 (0)
Nazionale
1959-1960 Danimarca Danimarca 14 (15)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Roma 1960
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Harald Ingemann Nielsen (Frederikshavn, 26 ottobre 1941Klampenborg, 11 agosto 2015[1]) è stato un calciatore danese, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

In Danimarca[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la carriera nella squadra della sua città natale, il Frederikshavn fI, che giocava nel secondo livello danese. Debuttò nel marzo del 1959 e subito conquistò il titolo di capocannoniere contribuendo alla promozione della sua squadra. Il 13 settembre dello stesso anno, a nemmeno 18 anni compiuti, fece il suo esordio in Nazionale a Oslo contro la Norvegia, e per questo fu il più giovane calciatore danese ad aver indossato la maglia della Nazionale. La Danimarca vinse 4-2, grazie anche ad una sua rete.

Nel marzo del 1960 esordì nella massima serie danese segnando una tripletta. Al termine del campionato la sua squadra giunse al quinto posto e Nielsen fu nuovamente capocannoniere. Nell'estate del 1960 partecipò con la sua Nazionale ai Giochi Olimpici di Roma: la Danimarca conquistò la medaglia d'argento, venendo sconfitta in finale dalla Jugoslavia per 2-1, e Nielsen fu secondo nella classifica dei marcatori con 6 reti, a pari merito con lo jugoslavo Kostić e alle spalle del capocannoniere Galić, pur'egli jugoslavo.

Quando, nel 1961, all'età di 20 anni, Nielsen si trasferì in Italia per giocare nel Bologna, dovette rinunciare alla Nazionale per via del regolamento allora in vigore in Danimarca che escludeva dalla Nazionale i giocatori che militavano in campionati professionisti. A causa di questa regola, abolita solo nel 1971, Nielsen non poté più indossare la maglia della Nazionale danese, con la quale aveva segnato fino a quel momento 15 reti in 14 partite.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Un gol di Nielsen contro la Spal.

Fu ingaggiato dal Bologna, con cui esordì nel campionato italiano nella stagione 1961-62. Nei due tornei successivi vinse sempre la classifica marcatori, aggiudicandosi anche lo Scudetto nel 1963-64: segnò la rete del definitivo 2-0 nello spareggio contro l'Inter.[2][3]

L'anno seguente giocò in Coppa dei Campioni, andando a segno contro l'Anderlecht nella gara di ritorno del primo turno: il Bologna fu eliminato dal lancio della monetina, dopo che la "bella" si era conclusa in parità. Dopo l'addio ai felsinei, giocò per l'Inter, il Napoli e la Sampdoria.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Serie Presenze Reti
1961-1962 Italia Bologna Serie A 16 8
1962-1963 Serie A 29 19
1963-1964 Serie A 31+1[4] 21[4]
1964-1965 Serie A 31 13
1965-1966 Serie A 29 12
1966-1967 Serie A 21 8
1967-1968 Italia Inter Serie A 8 2
1968-1969 Italia Napoli Serie A 10 2
1969-1970 Italia Sampdoria Serie A 4 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1963-1964

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Roma 1960

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calcio, morto Harald Nielsen: stella del super Bologna anni Sessanta Repubblica.it
  2. ^ Lo spareggio scudetto raccontato da Gianni Brera in La Repubblica, 13 febbraio 2009. URL consultato il 21 giugno 2015.
  3. ^ Mario Gherarducci, Quell' intrigo chiamato spareggio, Corriere della Sera, 7 giugno 2004, p. 39. URL consultato l'8 agosto 2015.
  4. ^ a b Spareggio per lo Scudetto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]