Rodolfo Volk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rodolfo Volk
Rodolfo Volk (anni trenta).jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1949
Carriera
Giovanili
1923-1924 Juventus Enea
1924-1925 Savoia Fiume
Squadre di club1
1925-1926 Gloria Fiume 15 (10)
1926-1927 Fiorentina 14 (11)
1927-1928 Fiumana 16 (16)
1928-1933 Roma 157 (103)
1933-1934 Pisa 30 (16)
1934-1935 Triestina 6 (1)
1935-1942 Fiumana 145 (74)
1945-1946 R.O.M.S.A. 2 (0)
1946-1948 non conosciuta Proleter Fiume ? (?)
1948-1949 Montevarchi 14 (5)
Nazionale
1929-1930 Italia Italia B 5 (5)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 dicembre 2007
« Io non penso, tiro.[1] »
(Rodolfo Volk)

Rodolfo Volk (Fiume, 14 gennaio 1906Nemi, 2 ottobre 1983[2][3]) è stato un calciatore italiano, attivo nel ruolo di centravanti.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

I Primi Anni[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la propria carriera tra le fila del Gloria Fiume, una delle due squadre della cittadina istriana, l'altra era l' Olympia, allora militanti nella Seconda Divisione. Era il 1925 e in un periodo di riforme dei campionati entrambe riuscirono al termine di quella stagione ad essere ammesse nella nuova Prima Divisione. In realtà l'anno seguente le due squadre si fusero dando vita alla Fiumana. Volk non riuscì ad esordire con la nuova maglia, impegnato con il servizio militare in quel di Firenze giocò nella Fiorentina che allora muoveva i primi passi nella Prima Divisione dopo la fusione tra C.S. Firenze e P.G.F. Libertas.

La formazione di Firenze nell'esordio in campionato contro il Pisa 3 ottobre 1926, la Fiorentina in maglia rossa sul terreno di Via Bellini, da sinistra: Serravalli, Posteiner, Benassi, Barigozzi, Segoni, Focosi, Baldini, Salvatorini, Volk, Baccilieri, Bandini. 6º posto nel 1926-1927

Essendo militare Volk dovette far fronte alle molte ristrettezze del suo indossar una divisa, non ultimo quello di dover giocare sotto pseudonimo. Così che quel Bolteni che prese parte alla seconda gara (non ufficiale] della storia della Fiorentina, disputatasi nel 1926 contro la Sampierdarenese, altri non era che Rodolfo Volk. Con la maglia viola seppur stretto dagli impegni militari Volk, detto Bolteni, riuscì a giocare 14 gare, ma nonostante le sue undici reti segnate non centrò l'obiettivo della promozione in Divisione Nazionale con la Fiorentina. Al termine del servizio militare Volk ritorna nella natia Fiume dove le ambizioni sono cresciute dopo la fusione. In maglia rosso cardinale ritrova un vecchio avversario dei tempi dell'Olympia, Marcello Mihalich. Con lui forma una coppia di attaccanti di prim'ordine, Volk segna 16 reti in campionato contribuendo a portare la Fiumana a quel terzo posto che le valse poi l'ammissione alla Divisione Nazionale. Un obiettivo importante che mise la coppia Volk-Mihalich sotto i riflettori nazionali tanto da far scatenare un'asta nell'estate 1928 per la loro acquisizione. Un braccio di ferro tra Roma e Napoli che straordinariamente vide l'intervento della stessa Federazione per derimere la controversia decidendo salomonicamente di assegnare Volk alla Roma e Mihalich al Napoli. (quest'ultimo andrà al Napoli solo nella stagione successiva). [4]

Il periodo romano[modifica | modifica wikitesto]

Punta storica della Roma, Volk divenne in poco tempo uno dei primi idoli di Campo Testaccio, lo stadio romanista, dove fu il primo a segnare un gol ufficiale. In quella prima stagione romana fece coppia in attacco con Fulvio Bernardini segnando alla fine 24 reti. L'anno seguente fu inoltre l'autore della rete decisiva nel primo derby tra Lazio e Roma, giocato l'otto dicembre 1929 e terminato 0-1 per la formazione dei lupi. Alla fine dell'esperienza romana saranno ben sette le reti segnate ai cugini laziali nei confronti in campionato. Durante il periodo fascista, il suo cognome venne italianizzato in "Folchi", così come richiesto dal regime. Dotato di un tiro micidiale, fulmineo e rapido nei movimenti, più pericoloso spalle alla porta per le sue doti di funambolo, non era in possesso di una tecnica sopraffina, ma segnava da ogni luogo del campo. Particolarmente considerato dal pubblico giallorosso, venne soprannominato Sigfrido, poi trasformatosi rapidamente nel più romanesco Sigghefrido. Venne anche chiamato "Sciabbolone", in contrapposizione a "Sciaboletta", il soprannome dispregiativo assegnato a Re Vittorio Emanuele III. [5] Tra i migliori marcatori dell'epoca, alla terza stagione romana si laureò il miglior marcatore della Serie A con 29 reti.[6] È stato lungamente l'unico calciatore romano ad aver superato le cento segnature in serie A, attualmente con 103 reti nella classifica assoluta è superato solo da Francesco Totti e Roberto Pruzzo. [7]

Il ritorno a casa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1933 scende di categoria andando a giocare con il Pisa in Prima Divisione. In terra toscana non smentisce la sua fama di cannoniere segnando 16 reti. L'anno seguente ritorna a calcare i campi della Serie A andando alla Triestina, ma sono poche le sue presenze tanto che segna una sola rete in campionato, l'ultima nella massima serie. Quasi trentenne torna a giocare nella Fiumana. La squadra rosso cardinale dopo l'apice toccato nella Divisione Nazionale oramai milita stabilmente in Serie C. Con i fiumani Volk torna ad essere un buon marcatore riuscendo anche a portare la sua squadra alla promozione nella categoria superiore nel campionato 1940-41. Quel campionato di Serie B sarà anche il suo ultimo in maglia fiumana, solo 5 presenze per lui e nessuna rete segnata.

Finita la carriera da calciatore tornò a vivere a Roma, divenne dapprima usciere nella sede del Totocalcio di Piazzale Ponte Milvio e a metà degli anni Sessanta fattorino della piscina coperta del CONI al Foro Italico, sempre a Roma.

Morì in una casa di cura dei Castelli Romani, dopo essere stato colpito da cardiopatia sclerotica compensata, solo ed ormai ridotto in miseria.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Rodolfo Volk ebbe la sfortuna che nel suo momento migliore in maglia azzurra vi erano giocatori fortissimi, uno fra tutti Giuseppe Meazza. La sua avventura azzurra non andò mai oltre la Italia B. Il suo esordio avvenne il 7 Aprile 1929 ad Atene Grecia-Italia B 1-4 nella quale realizzò anche una doppietta. [8]. Complessivamente sono state 5 le gare giocate da Volk con la Italia B, come 5 sono anche reti segnate.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1923-1924 Italia Juv. Enea IV ? ? - - - - - -  ?  ?
1924-1925 Italia Savoia Fiume IV ? ? - - - - - -  ?  ?
1925-1926 Italia Gloria Fiume SD 15 10 - - - - - - 15 10
1926-1927 Italia Fiorentina PD 14 11 - - - - - - 14 11
1927-1928 Italia Fiumana PD 16 16 - - - - - - 16 16
1928-1929 Italia Roma DN 30 24 - - - - - - 30 24
1929-1930 A 31 21 - - - - - - 31 21
1930-1931 A 33 29[9] - - - - - - 33 29[9]
1931-1932 A 33 17 - - - - - - 33 17
1932-1933 A 30 12 - - - - - - 30 12
Totale Roma 157 103 - - - - - - 157 103
1933-1934 Italia Pisa PD 30 16 - - - - - - 30 16
1934-1935 Italia Triestina A 6 1 - - - - - - 6 1
1935-1936 Italia Fiumana C 22 17 - - - - - - 22 17
1936-1937 C 24 13 - - - - - - 24 13
1937-1938 C 29 11 - - - - - - 29 11
1938-1939 C 17 7 - - - - - - 17 7
1939-1940 C 25 13 - - - - - - 25 13
1940-1941 C 23 13 - - - - - - 23 13
1941-1942 B 5 - - - - - - - 5 -
Totale Fiumana 161 90 - - - - - - 161 90
1941-1942 Inattivo
1945-1946 Romsa CM 2 - - - - - - - 2 -
1946-1947 Proleter Fiume ? ? ? - - - - - -  ?  ?
1947-1948 ? ? ? - - - - - -  ?  ?
1948-1949 Italia Montevarchi Prom 14 5 - - - - - - 14 5
Totale  ?  ? - - - - - -  ?  ?

Cronologia presenze e reti in Nazionale B[10][modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
17-4-1929 Atene Grecia Grecia 1 – 4 Italia Italia Amichevole 2
12-4-1931 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 3 Italia Italia Amichevole 1
19-4-1931 Alessandria Italia Italia 2 – 0 Francia Francia Amichevole 1
14-5-1931 Budapest Ungheria Ungheria 0 – 1 Italia Italia Amichevole 0
17-5-1931 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 2 Italia Italia Amichevole 1
Totale Presenze 5 Reti 5

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autori vari, "Il Pallone d'Oro" Prima enciclopedia storica del calcio mondiale, Roma, Perna Editore, 1967-1969, p. 130, ISBN non esistente.
  2. ^ 1001 storie e curiosità sulla grande Roma che dovresti conoscere, di Valerio Albensi, Newton Compton Editori, pagina 25
  3. ^ Oggi l'ultimo addio al popolare "Sigghefrido", archiviostorico.unita.it, 5 ottobre 1983. URL consultato il 25 novembre 2011.
  4. ^ Manzelin, la gloria di Napoli, in La Voce del Popolo. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  5. ^ Sciabbolone Volk, core de Roma, in La Voce del Popolo. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  6. ^ Unione Sportiva Fiumana 1926-1943, Elvino Tomasini, pag.15
  7. ^ Annuario Hall of Fame 2014, in AsRoma.it. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  8. ^ Agendina del Calcio 1937-38, il libro d'oro degli Azzurri, pag.19
  9. ^ a b Secondo il quoditiano Il Littorale nella 1ª giornata di ritorno (Roma - Modena 4-0) i gol di Volk furono 2 e non 3. Quindi i gol in realtà sarebbero 28 invece che 29. Tuttavia, in documenti ufficiali della società risultano 29 gol.
  10. ^ Agendina Barlassina 1937-38, Il libro d'oro degli Azzurri, pag.15-24

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elvino Tomasini, Unione Sportiva Fiumana (1926-1943), Trieste, Edizioni Italo Svevo, 1993, p. 74.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]