Francesco Baiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Baiano
Baiano nella Fiorentina 1992-93.jpg
Baiano alla Fiorentina nella stagione 1992-1993
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Termine carriera 2009 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1986Napoli
Squadre di club1
1984-1986Napoli4 (0)
1986-1987Empoli26 (2)
1987Napoli1 (0)
1987-1988Parma25 (4)
1988-1989Empoli38 (14)
1989-1990Avellino32 (6)
1990-1992Foggia69 (38)
1992-1997Fiorentina119 (29)
1997-1999Derby County50 (16)
2000Ternana15 (1)
2000-2002Pistoiese58 (22)
2002-2008Sangiovannese96 (33)
2008-2009Sansovino19 (1)
Nazionale
1991Italia Italia2 (0)
Carriera da allenatore
2007-2008SangiovanneseColl. tecnico
2008-2009Sansovino
2010-2011VareseVice
2011-2012SienaVice
2012PalermoVice
2013PalermoVice
2013ChievoVice
2014-2015Scandicci
2016-2017Varese
2019-2020PisaPrimavera
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2020

Francesco Baiano, detto Ciccio (Napoli, 24 febbraio 1968), è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Napoli, fece parte della prima squadra nel campionato 1984-1985. L'esordio in campo avvenne nel torneo successivo, a 17 anni, grazie al mister Ottavio Bianchi che lo fece esordire prima in Coppa Italia (titolare in Salernitana-Napoli 1-3), poi in Serie A il 15 dicembre 1985 in Sampdoria-Napoli (2-0), entrando in campo al 37' al posto di Luigi Caffarelli.[1] In quell'anno collezionò 4 presenze in campionato e 7 totali.[2]

Per la stagione 1986-1987 il Napoli lo mandò in prestito all'Empoli, neopromosso in Serie A, e siglò i primi gol in massima serie, trovando più spazio. Tornò al Napoli che doveva affrontare la Coppa dei Campioni.

Nella stagione 1987-1988 gioca tre gare in Coppa Italia[3], il 16 settembre 1987 esordisce in Coppa dei Campioni al Santiago Bernabéu di Madrid, giocando l'ultimo quarto d'ora di Real Madrid-Napoli (2-0),[4] primo turno d'andata. Nel mercato di riparazione, la società lo mandò ancora una volta in prestito in Serie B al Parma, nei 2 anni successivi nuovamente a Empoli, poi all'Avellino.

Foggia, Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Baiano in azione al Foggia nell'annata 1991-1992

L'estate 1990, il Napoli, nuovamente campione d'Italia in carica e in cerca dell'attaccante che sostituisse Andrea Carnevale, gli preferì 2 attaccanti di Serie B: Andrea Silenzi, Giuseppe Incocciati. Baiano venne ceduto definitivamente al Foggia.

Coi pugliesi giocò 2 stagioni (1990-1992) con l'allenatore Zdeněk Zeman, che lo schierò nel tridente offensivo con Giuseppe Signori, Roberto Rambaudi. In rossonero realizzò 38 gol, ottenendo la promozione in Serie A e vincendo il titolo di capocannoniere del campionato cadetto con 22 gol[5]

L'estate 1992 passa per 10 miliardi di lire alla Fiorentina,[6] che lo affiancò a Gabriel Batistuta. A Firenze, dopo il girone d'andata che vide i viola arrivare al 2º posto a Natale anche grazie ai gol della nuova coppia,[7] nel girone di ritorno ci fu un calo di rendimento della squadra che portò alla retrocessione in Serie B.

Tornò in Serie B, perse la Nazionale, un infortunio lo mise fuori squadra per oltre metà campionato,[senza fonte] che vide la Fiorentina tornare subito in serie A. Chiuse la stagione con 4 gol. Nei successivi campionati la Fiorentina di Vittorio Cecchi Gori arrivò spesso fra i primi posti, e Baiano giocò in Serie A. Dopo aver vinto la Coppa Italia 1995-1996, all'inizio della stagione successiva si aggiudicò la Supercoppa Italiana, battendo il Milan.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Baiano (accosciato, secondo da sinistra) all'esordio in azzurro nel 1991

Le prestazioni offerte nel biennio a Foggia gli valsero, sul finire del 1991, 2 presenze in Nazionale da parte del ct Arrigo Sacchi. Esordì da titolare il 13 novembre 1991 a Genova in Italia-Norvegia (1-1). Chiamato per le qualificazioni al mondiale USA '94, venne escluso dalla lista dei 24 convocati al Mondiale.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 inizia la carriera di allenatore e giocatore alla Sansovino squadra che milita nel campionato di serie D.Nonostante una squadra non all’altezza per la serie D porta la squadra ai play out ma non riesce a salvarla. Il 15 luglio 2010 diventa allenatore in seconda di Giuseppe Sannino al Varese in Serie B.[8] Il 6 giugno 2011 segue Sannino diventando allenatore in seconda al Siena, per poi seguirlo a Palermo[9] il 6 giugno 2012. Lascia il ruolo il 16 settembre 2012, quando Sannino è esonerato. Torna in rosanero a seguito del ritorno di Sannino il 12 marzo 2013. Dal 1º luglio 2013 segue Sannino nello staff al ChievoVerona; a novembre lascia con l'esonero dello stesso Sannino.[10]

Il 24 novembre 2014 diventa allenatore dello Scandicci, club toscano militante nel campionato di Serie D, eredita una squadra in zona play out e a fine campionato arriva ai play off. Il secondo anno rimane sulla panchina del club toscano, ma il 20 ottobre si dimette da mister dallo Scandicci dopo il cambio della proprietà e dei programmi societari.

Il 12 ottobre 2016 diventa il nuovo tecnico del Varese, in Serie D, in sostituzione dell'esonerato Ernestino Ramella. Nonostante la squadra seconda in classifica viene esonerato per divergenze con la proprietà dopo la 26ª giornata.

Il 5 luglio 2019 viene ufficializzato come nuovo allenatore della Primavera del Pisa.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-11-1991 Genova Italia Italia 1 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 1992 - Uscita al 57’ 57’
21-12-1991 Foggia Italia Italia 2 – 0 Cipro Cipro Qual. Euro 1992 - Ingresso al 66’ 66’
Totale Presenze 2 Reti 0

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 19 febbraio 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2008-2009 Italia Sansovino D 38+2 11 12 15+2 CI-D 2 0 1 1 - - - - - - - - - - 42 11 13 18 26,19
2014-2015 Italia Scandicci D 24+1 7 10 7+1 CI-D 3 1 0 2 - - - - - - - - - - 28 8 10 10 28,57
2015-2016 D 8 1 4 3 - - - - - - - - - - - - - - - 8 1 4 3 12,50
Totale Scandicci 33 8 14 11 3 1 0 2 - - - - - - - - 36 9 14 13 25,00
2016-2017 Italia Varese D 19 10 4 5 - - - - - - - - - - - - - - - 19 10 4 5 52,63
Totale carriera 92 29 30 33 5 1 1 3 - - - - - - - - 97 30 31 36 30,93

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Foggia: 1990-1991
Fiorentina: 1993-1994
Fiorentina: 1995-1996
Fiorentina: 1996

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Foggia 1990-1991 (22 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 2 (1985-1986), Panini, 14 maggio 2012, p. 18.
  2. ^ http://www.napolistat.it/calciatori/id0570.htm
  3. ^ http://www.napolistat.it/calciatori/id0570.htm
  4. ^ Gianni Brera, Il Napoli s'è perduto, in La Repubblica, 17 settembre 1987. URL consultato il 17 settembre 1987.
  5. ^ (EN) Italy - Serie B Top Scorers Rsssf.com
  6. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 9 (1992-1993), Panini, 2 luglio 2012, p. 10.
  7. ^ Licia Granello, Il Milan non si vede più, in La Repubblica, 24 dicembre 1992. URL consultato il 24 dicembre 1992.
  8. ^ Damiano Franzetti, Varese al via con due sorprese in campo, in varesenews.it, 15 luglio 2010. URL consultato il 15 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  9. ^ Lo staff del mister Archiviato il 25 giugno 2012 in Internet Archive.Palermocalcio.it
  10. ^ CHIEVO, Nello staff via Baiano, ecco Renato Buso firenzeviola.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]