Egidio Calloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Egidio Calloni
Egidio Calloni - Milan - Anni 1970 (2).jpg
Calloni al Milan negli anni 1970
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Carriera
Giovanili
1968-1970 Inter
Squadre di club1
1970-1971 Varese 0 (0)
1971-1972 Verbania 38 (15)
1972-1974 Varese 50 (23)
1974-1978 Milan 101 (31)
1978-1979 Verona 20 (8)
1979-1980 Perugia 12 (0)
1980-1981 Palermo 29 (11)
1981-1982 Como 8 (2)
1982-1983Ivrea ? (?)
1983-1984non conosciuta Mezzomerico ? (?)
Nazionale
1974 Italia Italia B5 (2)
Carriera da allenatore
1997-1998 Solbiatese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Egidio Calloni (Busto Arsizio, 1º dicembre 1952) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Dairago, terminata la carriera sportiva si è dedicato all'attività di rappresentante-ispettore per una nota azienda produttrice di gelati.[1]

Il 12 luglio 2007 fu ricoverato in prognosi riservata all'ospedale San Biagio di Domodossola, vittima di un'ischemia cerebrale che lo aveva colpito mentre era alla guida della sua automobile che andò a schiantarsi contro un palo della luce. Fu poi dimesso il 21 luglio.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Calloni al Verona nella stagione 1978-1979

Cresciuto calcisticamente nelle giovanili dell'Inter, visse le prime esperienze da calciatore professionista nel Varese. La società lombarda lo mandò a fare esperienza nel Verbania, in Serie C, nell'annata 1971-1972, per poi riportarlo l'anno successivo alla base e promuoverlo tra i titolari, in Serie B; qui, nella stagione 1973-1974, con 15 gol – capocannoniere del torneo cadetto – fu tra i protagonisti di quella che rimane l'ultima promozione dei varesini in Serie A.

Le buone annate a Varese convinsero il Milan, nell'estate del 1974, ad acquistarlo per portarlo a Milano, dove si ritrovò, con la maglia n. 9 sulle spalle, a essere il terminale offensivo di riferimento dell'attacco rossonero. Con la squadra meneghina disputò quattro campionati, realizzando 31 reti in 101 presenze e contribuendo attivamente alla conquista della Coppa Italia 1976-1977 – di cui fu peraltro il miglior marcatore (assieme al compagno di maglia Giorgio Braglia) – e al raggiungimento del terzo posto nel campionato del 1975-1976; lasciò tuttavia il ricordo di numerose imprecisioni sottorete, alcune clamorose, che gli valsero il famoso appellativo di Sciagurato Egidio, coniato dal giornalista Gianni Brera traendo spunto dal personaggio de I promessi sposi di Alessandro Manzoni, anche lui chiamato Egidio, seduttore della Monaca di Monza e definito, nel romanzo, «un giovine, scellerato di professione».

Calloni al Perugia nel 1979-1980: da notare la maglia sponsorizzata, primo caso del genere in Italia.

Conclusa l'esperienza milanista, continuò a militare in massima serie dapprima nel Verona, nell'annata 1978-1979, e poi nel Perugia, nel 1979-1980, in questo ultimo caso quale riserva di Paolo Rossi. Dopo un'esperienza al Palermo nella Serie B 1980-1981, nella quale rifilò una tripletta alla sua ex squadra milanista, e dove si rese autore di altre «callonate», ovvero facili reti sbagliate,[3] ritornò in massima categoria nella stagione 1981-1982 con la maglia del Como, ultima tappa prima del definitivo ritiro dall'attività agonistica.

Realizzò undici rigori su dodici tentativi tra il 1974 e il 1982.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver guidato la Solbiatese nel campionato di Serie C2 1997-1998, terminato con la retrocessione dei varesini nei dilettanti, dal settembre del 2012 allena i bambini dei Piccoli Amici all'Oratorio San Vittore di Verbania.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1976-1977

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1973-1974 (15 gol)
1976-1977 (6 gol, ex aequo con Giorgio Braglia)

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

A lui fu intitolata la trasmissione televisiva Lo sciagurato Egidio, trasmessa da TELE+ prima e da Sky dopo, presentata da Giorgio Porrà.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come invecchia il calciatore (e anche il mister), su corriere.it.
  2. ^ Egidio Calloni dimesso dall'ospedale [collegamento interrotto], su eurosport.yahoo.com.
  3. ^ IL PALERMO 1980/81, su cuorerosanero.com (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2012).
  4. ^ Sergio Ronchi, SCUOLA DI CALCIO CON CALLONI ALL'ORATORIO SAN VITTORE, su verbaniamilleventi.org, 10 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2013).
  5. ^ Giorgio Porrà, Auguri "sciagurato Egidio": il compleanno del mitico Calloni, su sport.sky.it, 1º dicembre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Sappino (a cura di), Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, vol. 2, Milano, Baldini & Castoldi, 2000, pp. 119-120, ISBN 88-8089-862-0.
  • Raffaele Tomelleri, Figurine gialloblù - Storie di calcio e di vita di ieri e di oggi, Sona, Leaderform, 2001, SBN IT\ICCU\VIA\0091967.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]