Nemzeti Bajnokság I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nemzeti Bajnokság I
Sport Football pictogram.svg Calcio
Paese Ungheria Ungheria
Titolo Campione di Ungheria
Cadenza annuale
Apertura agosto
Partecipanti 12 squadre (dalla stagione 2015-2016)
Formula Girone all'italiana A/R
Retrocessione in Nemzeti Bajnokság II
Sito Internet www.nb1.hu
Storia
Fondazione 1901
Detentore Ferencváros
Record vittorie Ferencváros (29)
Edizione in corso Nemzeti Bajnokság I 2016-2017

La Nemzeti Bajnokság I (in italiano Lega Nazionale I, spesso abbreviato in NBI) è la massima divisione del campionato ungherese di calcio. È posta sotto l'egida della Federazione calcistica dell'Ungheria, in ungherese Magyar Labdarúgó Szövetség (MLSZ).

Si disputa regolarmente dal 1901, a cavallo di due anni solari (come accaduto nelle ultime stagioni) o in uno solo, da primavera ad autunno. La squadra più titolata è il Ferencvárosi TC di Budapest, che ha vinto 29 campionati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo campionato ufficiale risale alla stagione 1901, quando l'Ungheria era ancora parte dell'Impero austro-ungarico. A questo campionato partecipano cinque squadre in un unico girone all'italiana, subito portate a otto dalla stagione successiva. In generale nei primi campionati il numero delle squadre non è costante, ma oscilla sempre intorno alla decina di squadre.

Bisogna però dire che inizialmente solo le squadre di Budapest possono partecipare al campionato[1]. Per le squadre al di fuori della capitale, della stagione 1907-1908 sono previsti un numero variabile di "campionati provinciali" (Vidéki Bajnokság). Il meccanismo per l'assegnazione del titolo diventa il seguente: i vincitori dei campionati provinciali si sfidano tra di loro; la squadra che esce vincitrice da questi incontri sfida la vincitrice di Budapest nella finale nazionale. La squadra che vince la finale nazionale viene proclamata Campione di Ungheria. È da notare che però, in sedici campionati in cui la finale nazionale si sarebbe dovuta disputare, questa viene giocata solo in cinque occasioni, e vede comunque trionfare la squadra della capitale. In quegli anni il campionato è dominato da squadre quali il Ferencváros e l'MTK, quest'ultimo capace di vincere ben dieci campionati ufficiali consecutivi, pur se interrotti dalla Prima guerra mondiale.

Già dalla fine degli anni venti le squadre ungheresi cominciano a farsi onore anche in Europa vincendo diverse edizioni della Coppa Mitropa, tanto che ad oggi, in questa competizione, l'Ungheria risulta prima nella classifica per nazioni.

A partire della stagione 1926-1927 avvengono due cambiamenti: il primo è l'introduzione del professionismo, mentre il secondo è la nascita di un unico girone che accoglie squadre da tutto il Paese[2], facendo così cadere la distinzione fra squadre della capitale e non. In questo periodo il numero di squadre diviene stabile a dodici fino al 1934-1935 (a parte nella stagione 1926-1927 in cui sono dieci), per poi passare a quattordici dalla stagione successiva, fino al 1941-1942 in cui le squadre diventano sedici. In quegli anni la Seconda guerra mondiale è (tra le altre cose, ovviamente) causa di mutamenti territoriali che finiscono per influenzare anche il calcio: succede così che il campionato 1943-1944 venga vinto dal Nagyváradi AC di Oradea, città dell'attuale Romania.

Nel dopoguerra si riparte con un girone unico a sedici squadre, ridotte a quattordici dal 1951. Sono quelli anni in cui la Nazionale è la Squadra d'oro, e molti dei calciatori di quella squadra, che tra gli altri risultati arriva ad un passo dalla vittoria ai Mondiali del 1954, militano nell'Honvéd. Si arriva poi al 1956, anno in cui in Ungheria scoppia la rivoluzione: il campionato viene interrotto, e alcuni dei giocatori più prestigiosi si rifugiano all'estero, abbandonando anche la Nazionale.

Nel 1965 il Ferencváros vince un trofeo europeo: si trattava della Coppa delle Fiere, conquistata dopo aver sconfitto nella finale la Juventus a Torino. Due anni dopo, nel 1967, il numero di squadre del campionato passa da quattordici a sedici, e sempre in quell'anno un calciatore ungherese, Flórián Albert del Ferencváros, vince l'ambito Pallone d'oro. Poco dopo comincia il ciclo dell'Újpest, che in undici anni vince nove titoli, sette dei quali consecutivi. Sempre in quel periodo l'MTK Budapest e il Ferencváros raggiungono la finale della Coppa delle Coppe, pur venendo entrambi sconfitti (rispettivamente nel 1963-1964 e nel 1974-1975). Intanto il numero delle squadre del campionato passa a diciotto nel 1976-1977, per poi tornare nuovamente a sedici dal 1982-1983. Dieci anni dopo la finale del Ferencváros anche il Videoton raggiunge un'altra finale europea, nella Coppa UEFA 1984-1985. Pur venendo sconfitto nel doppio confronto, il Videoton riesce a vincere la gara di ritorno al Santiago Bernabéu.

Dalla stagione 1988-1989 vengono introdotti i tre punti per vittoria; in quello stesso anno, e solo in quella stagione, vengono battuti i calci di rigore in caso di parità al termine del tempo regolamentare: sì assegnano in questo caso due punti alla squadra vincitrice, ed uno alla perdente. Sempre da quella stagione viene introdotto un meccanismo di play-off - play-out nella parte bassa della classifica, che dura fino al 1997-1998: le ultime due squadre retrocedono direttamente, mentre le due piazzatesi immediatamente sopra giocano contro le seconde dei due gironi del Nemzeti Bajnokság II per altrettanti posti nella massima serie. Nella stagione 2000-2001 le sedici squadre vengono divise in due gironi all'italiana al termine del quale le ultime due di ciascun gruppo retrocedono, e le altre dodici lottano per il titolo. Nelle tre stagioni successive, invece, le dodici squadre giocano prima tutte insieme, e successivamente solo le prime sei lottano per il titolo. Dalla stagione 2004-2005 il formato è quello odierno, con le sedici squadre del campionato che giocano insieme per tutto il torneo.

Il giocatore con più presenze nel campionato è Zoltán Végh a quota 570[3], mentre quello con più gol è Ferenc Szusza con 393 reti[4].

Organico 2016-17[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Città Classifica 2015-2016
Debrecen Debrecen
Diósgyőr Miskolc
Ferencváros Budapest Campionati di Ungheria
Gyirmót Győr 2° in Nemzeti Bajnokság II
Haladás Szombathely
Honvéd Budapest
Honvéd Budapest
Mezőkövesd-Zsóry Mezőkövesd 1° in Nemzeti Bajnokság II
Paks Paks
Újpest Budapest
Vasas Budapest 10°
Videoton Székesfehérvár

Formato[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente (2014/15) la massima divisione è composta da 16 squadre: ogni squadra incontra le altre 15 due volte, una in casa e una in trasferta, per un totale di 30 partite da disputare. Alla fine del torneo la vincente è proclamata Campione di Ungheria, ed è inoltre ammessa al secondo turno preliminare della UEFA Champions League. La seconda e terza classificata sono invece ammesse al primo turno preliminare della UEFA Europa League insieme alla vincitrice della coppa nazionale, che invece accede al secondo turno preliminare. Le ultime due classificate retrocedono nel Nemzeti Bajnokság II, la seconda serie nazionale.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro del campionato ungherese di calcio.

Vittorie del campionato[modifica | modifica wikitesto]

Club Vittorie Stagioni
Ferencváros (1)
29
35
1903, 1905, 1907, 1909, 1910, 1911, 1912, 1913, 1926, 1927, 1928, 1932, 1934, 1938, 1940, 1941, 1949, 1963-1, 1964, 1967, 1968, 1976, 1981, 1992, 1995, 1996, 2001, 2004, 2016
MTK Budapest (2)
23
20
1904, 1908, 1914, 1917, 1918, 1919, 1920, 1921, 1922, 1923, 1924, 1925, 1929, 1936, 1937, 1951, 1953, 1958, 1987, 1997, 1999, 2003, 2008
Újpest (3)
20
21
1930, 1931, 1933, 1935, 1939, 1945, 1946, 1947, 1960, 1969, 1970, 1971, 1972, 1973, 1974, 1975, 1978, 1979, 1990, 1998
Honvéd (4)
13
12
1950-1, 1950-2, 1952, 1954, 1955, 1980, 1984, 1985, 1986, 1988, 1989, 1991, 1993
Debrecen
7
1
2005, 2006, 2007, 2009, 2010, 2012, 2014
Vasas
6
2
1957, 1961, 1962, 1965, 1966, 1977
Győri ETO (5)
4
3
1963-2, 1982, 1983, 2013
Csepel
4
-
1942, 1943, 1948, 1959
Videoton
2
5
2011, 2015
BTC Budapesti
2
1
1901, 1902
Dunakanyar-Vác
1
2
1994
Dunaferr
1
1
2000
Nagyváradi
1
1
1944
Zalaegerszeg
1
-
2002
Tatabánya
-
2
-----
Magyar AC
-
2
-----

Partecipazioni al campionato[modifica | modifica wikitesto]

Sono 102 le squadre che hanno preso parte ai 115 campionati dal 1901 al 2015-2016.

Record[modifica | modifica wikitesto]

Il record di presenze appartiene a György Szabó, sceso in campo 507 volte con la maglia del Tatabánya.[5]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hungary - List of Champions
  2. ^ Hungary - List of Final Tables 1921-1930
  3. ^ List of League Appearances Records
  4. ^ Hungary - All-Time Topscorers
  5. ^ List of League Appearances Records

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio